Segui Keblog su Facebook:

Dopo Dismaland, Banksy continua a dire la sua sull’emergenza profughi e le terribili condizioni di vita dei rifugiati siriani nella giungla di Calais, dipingendo un ritratto di Steve Jobs, ricordandoci che era figlio di un immigrato siriano.
Steve Jobs è raffigurato mentre porta una borsa da viaggio con il suo leggendario computer Mac. Altri murales e messaggi sono stati dipinti nel campo profughi e nel centro della città di Calais.

Le altre opere mostrano la sagoma di una bambina con il suo telescopio, una frase che recita “Forse tutta questa situazione è destinata a risolversi da sé” e un pezzo che mostra una zattera di rifugiati ispirata dal “La zattera della Medusa” di Géricault e intitolato “forse non siamo tutti nella stessa barca”. Questa è la prima volta in assoluto che Banksy dipinge in Francia.

Altre info su banksy.co.uk | Instagram | Facebook | Twitter

banksy-street-art-profughi-siriani-steve-jobs-2

banksy-street-art-profughi-siriani-steve-jobs-1

banksy-street-art-profughi-siriani-steve-jobs-7

banksy-street-art-profughi-siriani-steve-jobs-3

banksy-street-art-profughi-siriani-steve-jobs-5

banksy-street-art-profughi-siriani-steve-jobs-4

banksy-street-art-profughi-siriani-steve-jobs-6

FONTE designyoutrust.com

Che ne pensi?

Autore

"Solo l'amare, solo il conoscere conta, non l'aver amato, non l'aver conosciuto" PPP