Segui Keblog su Facebook:

Secondo la BBC News, le persone con i capelli rossi rappresentano l’uno o il due per cento della popolazione mondiale.
Nell’immaginario collettivo, alle persone dai capelli rossi vengono attribuite caratteristiche di pelle bianca, pallida, e di origine celtica-germanica, ma la realtà è che ci sono milioni di persone di colore in tutto il mondo con lentiggini e capelli di fuoco. La fotografa Michelle Marshall, di origine francese che vive a Londra, esplora la splendida diversità delle persone con i capelli rossi nella sua serie di ritratti MC1R, dal nome del gene noto come “melanocortina 1 recettore” che provoca i capelli rossi.

Marshall era originariamente interessata a documentare le manifestazioni di lentiggini per un suo progetto. Alla fine, dopo aver incontrato una ragazzina lentigginosa che era di razza mista, la fotografa ha deciso di concentrarsi sui casi di variante del gene MC1R tra le persone afro-caraibiche. Ha trovato i suoi soggetti, che sono in primo luogo persone di colore o di razze miste, attraverso i social media, passaparola, o incontri casuali per la strada.

“Voglio cambiare la percezione che la maggior parte di noi ha di un ‘roscio’ come un individuo caucasico bianco, potenzialmente di discendenza celtica,” ha detto Marshall ad Huffington Post.

“Mentre lottiamo per i temi dell’immigrazione, della discriminazione e del pregiudizio razziale, Madre Natura, nel frattempo, segue il suo corso, scuotendo le nostre percezioni su origini, etnie e identità”.

Altre info su michelle-marshall.com | Instagram

the MC1R series

foto-persone-capelli-rossi-michelle-marshall-01

foto-persone-capelli-rossi-michelle-marshall-04

foto-persone-capelli-rossi-michelle-marshall-05

foto-persone-capelli-rossi-michelle-marshall-06

foto-persone-capelli-rossi-michelle-marshall-07

foto-persone-capelli-rossi-michelle-marshall-08

foto-persone-capelli-rossi-michelle-marshall-09

foto-persone-capelli-rossi-michelle-marshall-10

foto-persone-capelli-rossi-michelle-marshall-02

FONTE mymodernmet.com

Che ne pensi?

Autore