Segui Keblog su Facebook:

La fotografa estone Kylli Sparre fonde i sogni ad occhi aperti con la realtà nella sua serie di autoritratti. Ispirata dalla sua formazione di ballerina, Sparre crea immagini incentrate sul movimento, e la serie è caratterizzata da una qualità ipnotica che stimola la contemplazione. La fotografa spiega il suo processo creativo: “Qualsiasi immagine surreale, onirica o simbolica, proviene dai miei pensieri, osservazioni ed esperienze. Desidero guardare sotto la superficie e sentire parole non dette. Le mie immagini sono ricordi di fatti mai accaduti”.

Altre info su sparrek.org | Facebook | Behance | Flickr

fotografia-surreale-onirica-autoritratti-kylli-sparre-10

fotografia-surreale-onirica-autoritratti-kylli-sparre-09

fotografia-surreale-onirica-autoritratti-kylli-sparre-08

fotografia-surreale-onirica-autoritratti-kylli-sparre-03

fotografia-surreale-onirica-autoritratti-kylli-sparre-02

fotografia-surreale-onirica-autoritratti-kylli-sparre-07

fotografia-surreale-onirica-autoritratti-kylli-sparre-06

fotografia-surreale-onirica-autoritratti-kylli-sparre-01

fotografia-surreale-onirica-autoritratti-kylli-sparre-04

fotografia-surreale-onirica-autoritratti-kylli-sparre-05

FONTE ignant.de

Che ne pensi?

Autore

"Solo l'amare, solo il conoscere conta, non l'aver amato, non l'aver conosciuto" PPP