Segui Keblog su Facebook:

L’artista Daniel Arsham mette insieme pezzi di vetro rotti per creare straordinarie sculture. Egli combina pezzi di vetro con resina per realizzare dettaglio e forma di figure umane modellate. L’artista newyorkese è interessato alla percezione dello spazio, all’architettura e agli oggetti naturali anziché fabbricati.

Ispirato dalla scoperta di frammenti di vetro nella sua casa dopo l’uragano Andrew nel 1992, Arsham ha iniziato a lavorare con questo materiale più o meno trasparente per creare forme artificiali, che vanno da figure umane a macchine fotografiche e cornici. Queste grandi e dense figure umane qui sotto siedono pensierose, isolate dalla folla, e appaiono in forte contrasto con i fragili pezzi di vetro da cui sono formati. Le figure sembrano sole e vulnerabili nella loro solitudine, ma le taglienti e appuntite schegge di vetro scongiurano qualsiasi contatto stretta interazione con i visitatori.

Altre info su danielarsham.com | Instagram | Facebook | Twitter

sculture-vetri-rotti-solitudine-daniel-arsham-3

sculture-vetri-rotti-solitudine-daniel-arsham-4

sculture-vetri-rotti-solitudine-daniel-arsham-2

sculture-vetri-rotti-solitudine-daniel-arsham-1

sculture-vetri-rotti-solitudine-daniel-arsham-5

sculture-vetri-rotti-solitudine-daniel-arsham-6

FONTE mymodernmet.com

Che ne pensi?

Autore

"Solo l'amare, solo il conoscere conta, non l'aver amato, non l'aver conosciuto" PPP