Segui Keblog su Facebook:

Freya Jobbins, un’artista sudafricana, raccoglie bambole e giocattoli rotti o semplicemente gettati via, per creare bizzarre figure, dalle sembianze vagamente umane, di volti, teste e busti.

“Il mio lavoro esplora la relazione tra il feticismo consumistico e la crescente cultura del riciclo, all’interno delle arti visive. Dato il sovraconsumo, nella nostra società, di giocattoli di plastica, i materiali di cui ho bisogno per gli assemblaggi sono tutti facilmente reperibili”, spiega Jobbin.

Sebbene questi collage possano sembrare, ad alcuni visitatori, tetri o repellenti, l’artista dice che i lavori che vedete rappresentano in realtà il suo lato umoristico e grottesco.

freyajobbins.com

plastic-dolls-assemblages-freya-jobbins-2__880

plastic-dolls-assemblages-freya-jobbins-1__880

plastic-dolls-assemblages-freya-jobbins-8__880

plastic-dolls-assemblages-freya-jobbins-5__880

plastic-dolls-assemblages-freya-jobbins-6__880

plastic-dolls-assemblages-freya-jobbins-4__880

plastic-dolls-assemblages-freya-jobbins-9__880

plastic-dolls-assemblages-freya-jobbins-7__880

plastic-dolls-assemblages-freya-jobbins-10__880

 

[fonte]

Che ne pensi?

Tag