Il “ke” per esorcizzare le apparenze e promuovere la curiosità. Sapevi che la k veniva usata nel medioevo al posto del “ch”? Un esempio è il “Cantico delle Creature” di San Francesco d’Assisi. Questo vuol dire che la dovremmo usare tutti di nuovo? Certamente no, e non crediamo nemmeno che i messaggi di testo dei bimbiminkia entreranno nella storia della letteratura. Ma ciò non toglie che dovremmo sempre andare oltre le apparenze.

Keblog è una vetrina di idee e ispirazione, curata da persone curiose che amano la creatività, l’arte, gli animali, il genio, la natura, lo stile e i sorrisi. È il nostro modo per sopperire ad un bisogno di bellezza vera e di libertà creativa, in un mondo sempre più omologato. Per questo cerchiamo di proporre storie ispiratrici, i lavori più creativi e le opere più interessanti nel campo dell’arte, della fotografia e del design.