in

Papà terrorizzato vede suo figlio neonato nella lavatrice a metà ciclo, ma è una maglietta

Segui Keblog su Facebook:

Il mestiere di genitore è uno dei più difficili. Le prime preoccupazioni nella vita di un padre o di una madre riguardano l’educazione e l’incolumità dei figli, specie quando sono piccoli. Recentemente, un papà ha raccontato di aver avuto quasi un infarto quando ha visto per caso una maglietta con una foto del viso del suo bambino di pochi mesi nella lavatrice, a metà ciclo. Si tratta dell’utente di Imgur ARussianAndHisBike, che ha raccontato come ha avuto lo spavento più grande della sua vita prima di rendersi conto che si trattava solo di una foto di suo figlio neonato stampata su una maglietta, e che il bambino in carne e ossa stava bene. La foto del piccolo è più o meno a grandezza naturale, l’espressione del bambino sembra essere piuttosto sofferente e il volto era pressato su vetro dell’oblò della lavatrice, il che ha reso il tutto molto realistico, e terrorizzante.

Papà terrorizzato vede suo figlio neonato nella lavatrice a metà ciclo, ma è una magliettaImmagine: ARussianAndHisBike

Il papà ha voluto condividere sul social network una foto della scena, e il post è diventato virale. La foto era così realistica che un commentatore ha pregato il papà di aggiungere un titolo sulla foto e spiegare che si tratta di una maglietta. Un’altra persona ha commentato che l’immagine le ha fatto venire un “infarto”.

Il papà, preoccupato che una cosa del genere possa capitare anche ad altri, ha suggerito di mettere un “avviso” sulla lavatrice per evitare uno spavento simile. “Per favore, se lavi la tua maglietta preferita con sopra un’immagine del tuo bambino, metti un avviso sulla lavatrice o qualcosa del genere”.

Ma alcuni hanno semplicemente consigliato al papà di rivoltare le magliette la prossima volta che le lava, in quel modo le stampe dureranno anche molto più a lungo.

Papà terrorizzato vede suo figlio neonato nella lavatrice a metà ciclo, ma è una maglietta

Immagine: ARussianAndHisBike

What do you think?

Altrove sul Web

Che ne Pensi?

Lascia un commento