Segui Keblog su Facebook:

I vincitori del BigPicture Natural World Photography Competition sono stati annunciati. Le foto premiate sono state selezione da una giuria di esperti tra oltre 6.500 immagini inviate da 67 paesi del mondo. Il tema del concorso fotografico riguardava la fauna selvatica e ad aggiudicarsi il premio più importante, il Grand Prize, è stato il fotografo e biologo marino Audun Rikardsen dalla Norvegia, con una strepitosa immagine di uno splendido gallo forcello. L’esemplare è stato fotografato appollaiato su un ramo nella costa norvegese, in uno scatto d’abilità tecnica e pazienza.

“Vince il Grand Prize di quest’anno una foto straordinaria che combina capacità tecniche e brillantezza creativa”, afferma Suzi Eszterhas, presidente della giuria di BigPicture. “Il fotografo è riuscito a catturare il gallo in un modo che trasporta lo spettatore sulla scena. È una testimonianza di come la pazienza, la dedizione e la profonda conoscenza del soggetto possano produrre un’immagine straordinaria. In questo caso, Audun ha passato anni a cercare di catturare questa fotografia, e sono così grato che ha perseverato, perché è davvero un regalo per tutti noi”.

Di seguito potrete vedere le altre foto premiate.

Altre info: BigPicture Natural World Photography Competition | Facebook | Instagram

“Taking Center Stage” di Audun Rikardsen, Grand Prize Winner

Vincitori BigPicture Natural World Photography Competition 2019

La bellezza della costa settentrionale norvegese quasi scompare di fronte a questo maschio di fagiano di monte, anche conosciuto con il nome di gallo forcello, che si presta ad uno scatto d’eccellenza. Rikardsen ha trascorso molte gelide giornate invernali sul luogo per fotografare un’aquila. Ma durante la primavera il ramo è diventato il luogo preferito di un nuovo soggetto: un gallo forcello nero. Il gallo non solo si è abituato rapidamente all’otturatore e al flash della fotocamera di Rikardsen, ha raccontato il fotografo, ma era quasi come se godesse di essere sotto i riflettori.

“The Human Touch” di James Gifford, Vincitore nella categoria “Human/Nature”

Vincitori BigPicture Natural World Photography Competition 2019

Non è esagerato affermare che André Bauma, capo custode del Centro Senkwekwe per i gorilla orfani nel Parco Nazionale di Virunga, rischi la propria vita quotidiana per gli animali a lui affidati. Negli ultimi decenni, più di 170 rangers sono stati uccisi nel parco, e il Centro Senkwekwe è stato invaso dai ribelli in diverse occasioni. Anche in questi momenti, Bauma non ha mai abbandonato i gorilla del Centro. “Siamo le loro mamme” afferma. I gorilla trattano Bauma e la sua squadra come la loro famiglia. “Mentre guardavo da lontano”, afferma il fotografo James Gifford, “uno dei gorilla avvolse André in un abbraccio, dandomi la possibilità di cogliere la loro straordinaria relazione. Non ho mai visto prima un legame così stretto e naturale tra specie selvatiche e un essere umano”.

“Clouds of Salt” di Chiara Salvadori, Vincitore nella ctegoria “Art of Nature”

Vincitori BigPicture Natural World Photography Competition 2019

Sulle alte pianure del nord-ovest dell’Argentina, la fotoreporter Chiara Salvadori ha incontrato una scena davvero magica. In piedi ad un’altitudine di 3.900 metri, circondata dalla bellezza nuda del Salar de Antofalla, una delle saline più grandi del mondo, vide i colori del paesaggio cambiare modellati dalle ombre delle nuvole che scorrevano veloci sopra la sua testa.

“Boneyard Waltz” di Daniel Dietrich, Finalista nella categoria “Terrestrial Wildlife”

Vincitori BigPicture Natural World Photography Competition 2019

Un trio di orsi polari oltrepassa un mucchio di ossa di balena lungo la costa di Barter Island, nel nord dell’Alaska, con i loro nasi insanguinati che suggeriscono un pasto recente e più fresco. Gli orsi polari dominano l’ecosistema artico e sono in genere cacciatori solitari, tranne quando imparano dalla mamma, come i fratelli qui raffigurati. Alla fine, i cuccioli si avventureranno da soli a pattugliare il vicino Arctic National Wildlife Refuge, una zona selvaggia che comprende oltre 30.000 miglia quadrate. Ma questi epici territori di caccia non possono rimanere intatti per sempre: la regione detiene circa 7,7 miliardi di barili di petrolio recuperabile. Inoltre, il cambiamento climatico sta costringendo gli orsi a percorrere distanze molto più lunghe alla ricerca di cibo. Per questo trio, tuttavia, c’è una minaccia più imminente. L’orso più piccolo si gira per controllare un grande maschio che li segue.

“Curiosity” di Mikhail Korostelev, Vincitore nella categoria “Terrestrial Wildlife”

Vincitori BigPicture Natural World Photography Competition 2019

Catturare una fotografia subacquea di un enorme orso bruno mentre pesca il salmone potrebbe sembrare un’impresa impossibile e incredibilmente pericolosa. Ma con ingenuità, pazienza e abbondanza di orsi, il fotografo naturalista Mikhail Korostelev è riuscito a fare proprio questo. Per migliorare le sue possibilità, Korostelev si è avventurato nel Sud Kamchatka Sanctuary, una riserva protetta di 322.000 ettari sulla punta della penisola più orientale della Russia. Non solo è la patria della più grande di tutte le popolazioni di orso bruno protetto in Russia, ma i fiumi del santuario sono ricchi di salmoni lungo la costa del Pacifico. Lungo il fiume Ozemaya, uno dei ritrovi di pesca preferiti dagli orsi, Korostelev ha immerso una telecamera telecomandata e ha atteso. In poco tempo un orso curioso si è imbattuto nell’oggetto insolito seduto sul fondo del fiume e, mentre iniziava a indagare, Korostelev ha scattato questa fotografia mozzafiato.

“Resilience” di Julie Fletcher, finalista nella categoria “Terrestrial Wildlife”

Vincitori BigPicture Natural World Photography Competition 2019

Nel 2018, l’Australia ha vissuto il suo terzo anno più caldo con temperature record che, insieme a siccità storiche, hanno creato le condizioni migliori per gli incendi boschivi. Per i koala le probabilità di sopravvivere alle fiamme veloci di questi incendi sono sottili. Il che ha reso la scoperta della fotografa Julie Fletcher ancora più sorprendente. Fletcher stava documentando le desolate foreste devastate dal fuoco sull’isola di Kangaroo al largo dell’Australia Meridionale, quando vide il koala determinato, la pelliccia tinta di terra bruciata, ad arrampicarsi su un albero per sgranocchiare foglie carbonizzate e croccanti. “Mi ha guardato per tutto il tempo”, dice, “con un’intensità che raccontava la sua storia”.

“Traveling to the Edge” di Buddy Eleazer, finalista nella categoria “Terrestrial Wildlife”

Vincitori BigPicture Natural World Photography Competition 2019

Nel deserto Namib-Naukluft della Namibia, una orice gazzella invia uno spruzzo di sabbia fine che scende a cascata lungo il fianco di una duna rosso ruggine. Sebbene l’ascesa sia faticosa e il sole sfolgorante, il sollievo l’attende in cima. Lungo la linea di confine, l’antilope troverà una brezza fresca e umida proveniente dal vicino Oceano Atlantico. Semplicemente inalando questa aria più fresca l’animale è in grado di ridurre la temperatura del sangue destinato al cervello, evitando il surriscaldamento in questo ambiente altrimenti inarrestabile.

“Duality” di Armand Sarlangue, vincitore nella categoria “Landscapes, Waterscapes, and Flora”

Vincitori BigPicture Natural World Photography Competition 2019

Sebbene non sia la destinazione più conosciuta del paese, l’isola norvegese di Senja sta rapidamente crescendo in popolarità. Una montagna in particolare è in gran parte responsabile di questa fama. Con un’altezza di quasi 650 metri sopra il livello del mare, Segla è un picco che incarna la robustezza e la natura selvaggia della Norvegia settentrionale. Qui, le renne vagano ancora nella tundra mentre balene megattere, orche e aquile di mare inseguono aringhe lungo stretti fiordi. Fino a poco tempo fa, questi ecosistemi, che forniscono sostentamento e rifugio sicuro per la fauna selvatica e mezzi di sostentamento per molti norvegesi, erano a rischio a causa di un’industria di combustibili fossili. Poi, nell’aprile di quest’anno, il partito laburista norvegese, la maggioranza parlamentare del paese, ha sorpreso molti impegnandosi a proteggere permanentemente Senja e le isole e i corsi d’acqua vicini nell’artico norvegese, dalle trivellazioni petrolifere e dalle esplorazioni. Una mossa che promette di mantenere selvaggi questi luoghi per le generazioni a venire.

“Losing Wings” di Piotr Naskrecki, vincitore nella categoria “Winged Life”

Vincitori BigPicture Natural World Photography Competition 2019

La maggior parte delle termiti che costruiscono tumuli nell’Africa sub-sahariana sono creature senza occhi, prive di ali e sotterranee. Ma una volta all’anno, le regine producono una prole alata che è destinata a un’esistenza diversa. Quando le prime forti piogge segnano la fine della stagione secca, milioni di termiti alate emergendo in massa in un volo nuziale sincronizzato di breve durata. “Pochi minuti dopo essere atterrate a terra, la maggior parte di esse si spezza le ali e inizia a cercare partner”, afferma lo scienziato e fotografo Piotr Naskrecki. Entro un giorno, il terreno diventa letteralmente tappezzato di ali scartate, fornendo passerelle imbottite per una varietà di altre creature, tra cui le piccole formiche carpentiere alate di questa foto.

“Sea Dragon” di Pier Mané, vincitore nella categoria “Aquatic Life”

Vincitori BigPicture Natural World Photography Competition 2019

Il fondo dell’oceano sembra un posto improbabile dove trovare una lucertola. Infatti, le iguane marine (Amblyrhynchus cristatus) delle Isole Galápagos sono le uniche lucertole ad avventurarsi sotto le onde. Con le opzioni alimentari scarse lungo le coste vulcaniche delle isole, le iguane marine si sono evolute fino a raggiungere il mare. Immergendosi in profondità, fino a 25 metri, con un solo respiro, si muovono sulle alghe che crescono nelle acque fredde che sono ricche di sostanze nutritive. Sfortunatamente, i pasti nutrienti non sono sempre così abbondanti. Le acque più calde portate dalle correnti di El Niño possono uccidere le alghe verdi e rosse e sostituirle con alghe più difficili da digerire. Mentre questi eventi ambientali possono decimare le popolazioni di iguana, i rettili hanno sviluppato un trucco ingegnoso che consente a molte di sopravvivere a tali condizioni, a patto che non si verifichino troppo spesso, riducendo il loro fabbisogno calorico.

“Bohemian Skirt” di Jinggong Zhang, finalista nella categoria “Aquatic Life”

Vincitori BigPicture Natural World Photography Competition 2019

Nella foto possiamo ammirare un polpo femmina palmato (Tremoctopus gracilis). Mentre i maschi della specie sono molto piccoli, misurano circa 15 millimetri di lunghezza, le femmine completamente cresciute spesso si estendono fino a 2 metri. Quando viene minacciata, una femmina allunga la sua membrana e la agita come uno stendardo gonfio. In questo modo aumenta le dimensioni della sua silhouette, cosa spesso sufficiente a scoraggiare i predatori. Di fronte a un attaccante ferocemente determinato, tuttavia, il polpo può rapidamente staccare parti della sua membrana lungo linee visibili di “frattura” e inviare un frammento di distrazione che si muove a spirale attraverso l’acqua come un mantello da torero, dandole il tempo di fuggire.

Altrove sul Web

Che ne pensi?

Tag