Segui Keblog su Facebook:

Il fotografo australiano Ray Collins usa la macchina fotografica per evidenziare la bellezza effimera delle onde del mare quando si sollevano e s’infrangono in cascate di schiuma. Il fotografo nuota in mare ogni giorno, sperando di catturare creste d’acqua che sembrano montagne e colline. Congelata nel tempo, ogni onda sospesa assume l’aspetto di una scultura in vetro attraversato da sfumature luminose di acqua e di verde smeraldo.

Guardando le sue bellissime immagini, è difficile credere che Collins, che è daltonico, ha iniziato la sua carriera di fotografo solo nel 2007, dopo aver lavorato come un minatore di carbone per anni. A causa di un infortunio al ginocchio ha smesso di lavorare nelle miniere, ha sostituito il suo mondo sotterraneo con un paradiso sottomarino pieno di sole, surf, e di spettacolari onde. “Ho lavorato in una miniera di carbone in un sotterraneo più lungo di quanto avrei mai potuto immaginare, ma i miei primi ricordi sono di me in mare, quindi credo che sia un cerchio che si chiude”, ha detto ad Huffington Post. “Vi dirò una cosa, ci si sente molto meglio in mare dopo aver spaccato rocce e aver evitato di essere schiacciato da gallerie che crollano per 12 ore di fila. Mi sento completamente libero.”

Le foto di Collins sono state pubblicate nel suo ultimo libro ‘Found at Sea’, descritto come “un percorso visivo capace di catturare i momenti fugaci del viaggio di un’onda in dissipazione”.

Altre info su raycollinsphoto.com | Facebook | Instagram

Fury - Ray Collins

foto-onde-oceano-ray-collins-7

foto-onde-oceano-ray-collins-2

foto-onde-oceano-ray-collins-3

foto-onde-oceano-ray-collins-1

foto-onde-oceano-ray-collins-4

 

FONTE hffingtonpost.com

Che ne pensi?

Autore