Segui Keblog su Facebook:

Il fotografo Stephen Orlando (di cui abbiamo parlato in precedenza) cattura il movimento che il musicista compie quando fa scorrere un arco lungo le corde di uno strumento, con il light painting. Utilizzando luci a LED accuratamente posizionate e una fotografia a lunga esposizione, Orlando è in grado di tracciare questi movimenti nello spazio, seguendo braccia e archi con percorsi di luce che si estendono fuori dal corpo e dallo strumento. Questi tracciati luminosi vengono catturati attraverso la sua tecnica fotografica e non sono modificati con Photoshop, rendendo queste opere di light painting ancora più spettacolari.

L’artista dell’Ontario, Canada, è stato ispirato dal light painter Gjon Mili, che ha anch’egli sperimentato con i violini nel 1952. Orlando spiega: “Affinché i tracciati di luce si muovano all’interno dell’inquadratura, deve esistere un movimento relativo tra il musicista e la macchina fotografica. Trovo più semplice spostare la fotocamera invece del musicista. I LED sono programmati per cambiare colore e trasmettere un senso di tempo. La progressione del tempo è da sinistra a destra nelle foto della viola e del violino, e dall’alto verso il basso nelle foto con il violoncello. Ogni immagine è il risultato di una sola esposizione e i tracciati di luce non sono stati manipolati digitalmente.

Altre info su motionexposure.com | Instagram | Facebook

light-painting-fotografia-lunga-esposizione-musicisti-violino-stephen-orlando-5

light-painting-fotografia-lunga-esposizione-musicisti-violino-stephen-orlando-2

light-painting-fotografia-lunga-esposizione-musicisti-violino-stephen-orlando-1

light-painting-fotografia-lunga-esposizione-musicisti-violino-stephen-orlando-4

light-painting-fotografia-lunga-esposizione-musicisti-violino-stephen-orlando-3

FONTE thisiscolossal.com

Che ne pensi?

Autore

"Solo l'amare, solo il conoscere conta, non l'aver amato, non l'aver conosciuto" PPP