in ,

In questo gruppo Facebook pubblicano foto pessime ma esilaranti di animali selvatici (39 foto nuove)

Segui Keblog su Facebook:

Non c’è bisogno di essere fotografi professionisti per scattare immagini piacevoli. Se poi parliamo di fotografie di animali selvatici, esiste addirittura un gruppo su Facebook dove ad essere maggiormente apprezzati sono proprio gli scatti peggiori, quelli più buffi e di qualità discutibile! Si chiama Crap Wildlife Photography ed è il luogo perfetto dove i fotografi dilettanti possono pubblicare foto esilaranti di animali colti in momenti poco lusinghieri! Nella serie di seguito ne vedrete di tutti i colori tra foto sfocate e pose scomposte. Immagini davvero pessime ma super divertenti! Votate le vostre preferite con un “mi piace” e non perdetevi le raccolte precedenti che potrete trovare qui, qui e qui!

Altre info: Facebook (gruppo) | Facebook (pagina) | Instagram | Twitter

#3 Una foto che ho scattato a uno dei tanti milioni di cervi selvatici a Nara, Giappone

Questi cervi sono grintosi. Si inchinano nel tradizionale saluto giapponese per corteggiarti e ottenere dei biscotti. Poi dopo l'educato saluto ti attaccano in massa, ti mordono il sedere, ti rubano la mappa turistica e rendono impossibile qualsiasi tentativo di fare loro foto decenti nei bellissimi dintorni. Così mi sono ritrovato con tanti scatti del genere.

    #7 Sapevo che c’erano procioni sull’albero, ma non riuscivo a vedere cosa stavano facendo fino a quando non si è acceso il flash… ecco le immagini che sono uscite

    #15 Ho trascorso circa 25 minuti strisciando lentamente sulla pancia, attraverso il fango ghiacciato in una fredda mattina d’inverno, per cercare lo scatto perfetto… non appena scatto, lui mi guarda e fa uscire il rutto più forte che abbia mai sentito

    #16 La volta che ho scattato una foto di due cardellini americani attraverso la finestra ed è uscita con l’aspetto di un punto croce

    #17 Stavo fotografando un pinguino, ho messo il teleobiettivo e lui si è spostato a meno di un metro di distanza, quindi ecco tutto quello che ho potuto far entrare nell’inquadratura

    #21 Trasmettiamo il segnale dell’opossum solo durante le emergenze più terribili con la spazzatura

    #27 Questo è il soffitto del mio bagno, e quello è un piede di quello che pensavo fosse un opossum (invece è un tricosuro volpino) che dorme lì dietro durante il giorno

    #35 Ho aiutato un procione che non era in grado di salire sulla riva scivolosa del fiume ed era bloccato in acqua. Sono stata ripagata con un bella scrollata di acqua addosso

    Se ti piacciono i nostri articoli, segui Keblog su Google News!

    What do you think?

    Ora Tocca a Te, Commenta!

    Lascia un commento