Segui Keblog su Facebook:

Tra il 1949 e il 1953, il fotografo e regista di origini svizzere Robert Frank lasciò spesso la sua nuova casa a New York per andare in Europa e scattare fotografie in Francia, Svizzera, Spagna e Gran Bretagna, foto che mostrano le grandi città europee attraverso il suo occhio squisitamente umanista, poetico e realista.

Nel 1951 e all’inizio del 1952, Frank visitò Londra (“mi piaceva la luce, mi piaceva la nebbia”) e si mise a fotografare quell’atmosfera che rende questa città unica. Ha seguito i finanzieri inglesi in giro per la città, catturandoli nei loro tradizionali cappelli a cilindro e cappotti lunghi, creando immagini che li ritraggono in una danza poetica con il loro ambiente avvolto dalla nebbia. Ha scattato foto di lavoratori, uomini che consegnavano il carbone, bambini che giocavano per le strade, persone che aspettavano o si rilassavano nei parchi, e immagini di povertà.

In queste fotografie ha contrapposto soldi e lavoro, ricchezza e povertà, creando un progetto fotografico dinamico che non è mai stato mostrato prima nella sua interezza.

Altre info: Wikipedia

1

Foto in bianco e nero di Londra nei primi anni '50, Robert Frank

2

Straordinarie foto in bianco e nero di Londra nei primi anni '50

3

Foto in bianco e nero di Londra nei primi anni '50, Robert Frank

4

Foto in bianco e nero di Londra nei primi anni '50, Robert Frank

5

Foto in bianco e nero di Londra nei primi anni '50, Robert Frank

6

Foto in bianco e nero di Londra nei primi anni '50, Robert Frank

7

Foto in bianco e nero di Londra nei primi anni '50, Robert Frank

8

Foto in bianco e nero di Londra nei primi anni '50, Robert Frank

9

Foto in bianco e nero di Londra nei primi anni '50, Robert Frank

10

Foto in bianco e nero di Londra nei primi anni '50, Robert Frank

11

Foto in bianco e nero di Londra nei primi anni '50, Robert Frank

12

Foto in bianco e nero di Londra nei primi anni '50, Robert Frank

13

Foto in bianco e nero di Londra nei primi anni '50, Robert Frank

14

Foto in bianco e nero di Londra nei primi anni '50, Robert Frank

Altrove sul Web

Che ne pensi?

Tag