in

30 straordinari immagini vincitrici dei Monochrome Photography Awards 2023

L’arte della fotografia in bianco e nero non ha mai smesso di incantare e sorprendere. Con il suo potente linguaggio visivo, libera le emozioni più profonde e rivela la straordinaria bellezza che si cela nei contrasti e nelle sfumature. L’edizione 2023 dei Monochrome Photography Awards ha ancora una volta messo in luce l’incredibile talento di fotografi provenienti da tutto il mondo, che con le loro opere raccontano storie senza tempo, catturano momenti unici e trasformano il quotidiano in qualcosa di eccezionalmente affascinante.

Questa galleria di foto vincitrici offre un viaggio attraverso paesaggi mozzafiato, ritratti espressivi e composizioni creative, dove luce e ombra giocano a scacchi sulla tavola della realtà. Ogni immagine è una porta aperta verso nuove interpretazioni e riflessioni, che invitano lo spettatore a soffermarsi e contemplare. Ammirate le foto qui sotto, e non dimenticate che qui su Keblog la classifica la decidete voi, lettrici e lettori, votando le vostre immagini preferite!

#1 3° posto nella categoria Fauna Selvatica: “Baby back” di Baiju Patil, India

“Questa foto è stata scattata nel Parco Nazionale Daruji Karnataka, India. Questa foto è stata scattata mentre la madre camminava lungo la roccia, ma il cucciolo non era pronto a scendere dalla schiena. Mentre scendeva, piangeva letteralmente come un bambino e si arrampicava velocemente sulla schiena di sua madre”.

309 Punti
Mi Piace

Lascia un commento

    #2 3° posto nella categoria Natura: “Linguaggio dell’amore” di Fenqiang Liu, Stati Uniti

    “Nel 2020, in una serena mattina primaverile nella Florida centrale, un maestoso airone bianco maggiore è tornato con grazia al suo nido, dove il suo giovane airone bianco aveva pazientemente aspettato. Ho avuto il privilegio di osservare e documentare il legame profondo e tenero tra genitori e figli attraverso l’obiettivo della mia macchina fotografica”.

    289 Punti
    Mi Piace

    Lascia un commento

      #3 2° posto nella categoria Natura: “Il leader” di Xavier Ortega, Spagna

      “Cavalli Camargue che corrono nella palude.”

      282 Punti
      Mi Piace

      Lascia un commento

        #4 1° posto nella categoria Fauna Selvatica: “Il nostro regno” di James Lewin, Kenya

        “I leoni sono stati simboli importanti per l’umanità per migliaia di anni. Il loro coraggio, forza, lealtà e stretti legami familiari hanno ispirato milioni di persone nella loro vita quotidiana. Il mio obiettivo a Ndutu quest'anno era quello di creare un ritratto di gruppo che risuonasse e ci collegasse a questo mammifero iconico e mettesse in risalto le sue nobili qualità.

        Affinché si materializzasse un ritratto degno di nota, avevo bisogno che soggetto, posizione, composizione, luce, sfondo e cielo si unissero simultaneamente, il che, ovviamente, è totalmente fuori dal mio controllo. Queste poche e rare frazioni di secondo sono diventate ciò che cercavo. Semplicemente non c'è sensazione migliore di quando tutto viene ripagato.

        Sono particolarmente attratto da come lo sguardo fiero e nobile del leone rappresenti la stabilità e la leadership che i maschi dominanti apportano al branco e da come lo sguardo della leonessa ci ricordi la loro lealtà al branco e le potenti capacità di caccia. Porta un sottile equilibrio all’inquadratura, evidenziando le qualità ispiratrici di una specie così famosa e altamente apprezzata”.

        255 Punti
        Mi Piace

        Lascia un commento

          #5 2° posto nella categoria Belle Arti: “Pace” di Małgorzata Fober, Polonia

          “La fotografia “Pace” è stata creata per la serie intitolata “Tutto nelle nostre mani”. Questa è una delle 13 fotografie che compongono la serie di fotografie che ritraggono animali da me salvati. Ogni animale è mostrato in compagnia di mani umane, persone che hanno visitato la mia casa in quel momento”.

          248 Punti
          Mi Piace

          Lascia un commento

            #6 3° posto nella categoria Fotogiornalismo: “Rapa Das Bestas” di Hans-Maximo Musielik, Messico

            “L’intero lavoro è stato svolto nell’arco di 4-5 mesi tra aprile e agosto 2022 in diverse parti della regione della Val Miñor in Galizia, Spagna. Questa foto in particolare è stata scattata al “curro” Torroña a Pontevedra il 5 giugno 2022. La “Rapa das Bestas” o “rasatura delle bestie” è una tradizione galiziana che si svolge ogni estate in date e luoghi diversi, soprattutto lungo la Zone rurali montagnose del sud della Galizia. Fondamentalmente i cavalli vengono radunati e la gente del posto, in uno sforzo comunitario, li porta ai "curros" che sono per lo più strutture simili a rodeo con muri in pietra, dove le loro criniere e code vengono rasate. Microchip obbligatori vengono impiantati sui puledri appena nati. Dopo tutti questi processi vengono lasciati andare a vagare liberamente per un altro anno intero. Volevo documentare l'intero processo in luoghi diversi in cui venivano applicate diverse tecniche di cattura. L'immagine mostra solo una parte del “curro” dove sono stati radunati i cavalli. Per ovvi motivi ho immediatamente identificato il cavallo bianco dal resto della mandria e ho scattato un paio di foto”.

            233 Punti
            Mi Piace

            Lascia un commento

              #7 1° posto nella categoria Natura: “Storia invernale” di Bin Zhang, Cina

              “Mongolia Interna, Cina. La location delle riprese si trova nella prateria di Ulan Butong. Un cavallo si trova nella tempesta di neve del primo mattino, aspettando il suo proprietario.

              232 Punti
              Mi Piace

              Lascia un commento

                #8 Scoperta monocromatica 2023: “Il mio regno” di Simon Biddie, Regno Unito

                “I leoni marini maschi della California sono distinti dai leoni marini femmine; sono di dimensioni maggiori, hanno colli spessi e possiedono una cresta sagittale grigia sporgente. Durante la stagione degli amori i maschi dominanti diventano territoriali e proteggono il loro harem, che può contenere fino a 30 femmine. Questo maschio irrompe in un banco di sardine, con il suo harem dietro di lui. A Los Islotes, nel Parco Nazionale dell'Espiritu Santo, in Messico, il leone marino della California è protetto dalla legge messicana dal 1994. Come parte della zona di protezione della flora e della fauna delle Isole del Golfo della California (APFF-IGC), l'area è un zona di divieto di cattura applicata dalla Comisión Nacional de Áreas Naturales Protegidas (CONANP), che ha un impatto positivo sulle fonti di cibo dei predatori come i banchi di sardine. L'isola di Espiritu Santo è un sito patrimonio mondiale dell'UNESCO dal 2005 ed è stata dichiarata parco marino nazionale nel 2007. Grazie a questi sforzi, la colonia di leoni marini a Los Islotes si è ampliata e si stima che contenga 400-800 individui, rendendola ora una delle colonie più stabili della zona. La limitazione dell’attività umana diretta ha apportato enormi benefici alla popolazione di leoni marini della California a Espiritu Santo”.

                223 Punti
                Mi Piace

                Lascia un commento

                  #9 Fotografo monocromatico dell’anno 2023 e 1° posto nella categoria Ritratti: “Un sopravvissuto ad un attacco acido (Ritratto al Taj Mahal)” di Érico Hiller, Brasile

                  “Un sopravvissuto ad un attacco acido (Ritratto al Taj Mahal). Nel lavoro per il mio nuovo libro sulle donne, ero ad Agra, in India, e ho potuto incontrare innumerevoli donne come Geeta, nella foto, che ha posato per me, un ritratto senza tempo e inquietante, che mostra una traccia della violenza e l’intolleranza del nostro tempo”.

                  210 Punti
                  Mi Piace

                  Lascia un commento

                    #10 2° posto nella categoria Fauna Selvatica: “Senza titolo” di Andre Estevez, Stati Uniti

                    "Ho fotografato questa megattera mentre si nutriva nella baia di Monterey, in California. Sono riuscito a ottenere solo dettagli ravvicinati della bocca."

                    204 Punti
                    Mi Piace

                    Lascia un commento

                      #11 2° posto nella categoria Paesaggi: “Monte Fuji” di Kantapat Phutthamkul, Tailandia

                      “Ho scattato questa foto durante il mio viaggio in Giappone. Il monte Fuji è veramente iconico qui.”

                      198 Punti
                      Mi Piace

                      Lascia un commento

                        #12 1° posto nella categoria Paesaggi: “Zoccoli carichi di polvere: Saga dei cavalieri vulcanici” di Mahendra Bakle, India

                        “Il popolo tenggerese, conosciuto come “I cavalieri di Bromo” in Indonesia, incarna un’affascinante eredità culturale nello splendido paesaggio che circonda il Monte Bromo. I loro costumi vivaci e il ruolo di guide a cavallo creano un'esperienza coinvolgente per i visitatori che esplorano i terreni vulcanici. Questi cavalieri, con i loro abiti tradizionali e rituali radicati, offrono ai viaggiatori non solo un passaggio ma un incontro con il ricco patrimonio della regione”.

                        195 Punti
                        Mi Piace

                        Lascia un commento

                          #13 2° posto nella categoria Street: “Divertimento con le bolle” di Tebani Slade, Spagna

                          “Un pomeriggio, mentre tornavo a casa, mi sono imbattuto in questo lanciabolle. Portano così tanta gioia ai bambini che saltano e ballano per far scoppiare le bolle mentre fluttuano nell'aria. È una sensazione magica”.

                          189 Punti
                          Mi Piace

                          Lascia un commento

                            #14 1° posto nella categoria Street: “Nevicata” di Beata Zawrzel, Polonia

                            “Un ragazzo gioca nella neve dopo un'improvvisa e intensa nevicata successiva al primo mese di inverno piuttosto mite. Cracovia, Polonia, il 3 febbraio 2023.”

                            185 Punti
                            Mi Piace

                            Lascia un commento

                              #15 1° posto nella categoria Belle Arti: “Siamo parte della natura” di Markéta Novak Leupoldová, Repubblica Ceca

                              “A volte tendiamo a dimenticare che siamo parte integrante della natura.

                              Nelle mie fotografie creo composizioni in cui fondo l'uomo con la natura. Ciò crea un'immagine unitaria in cui l'uomo e la natura si fondono in un unico motivo”.

                              180 Punti
                              Mi Piace

                              Lascia un commento

                                #16 3° posto nella categoria Architettura: “Nabatea” di Nigel Malone, Australia

                                “Il nome di questa immagine deriva dai Nabatei, un'antica cultura con cui potresti avere più familiarità per la loro architettura scolpita nella pietra a Petra in Giordania. Hanno anche viaggiato in quelli che oggi sono i remoti deserti dell'Arabia, dove è stata scattata questa fotografia. Per questa immagine scattata su pellicola, ho utilizzato una fotocamera a telemetro vintage. Volevo una sensazione simile alle storiche immagini in bianco e nero dell’epoca della scoperta delle grandi piramidi, l’epoca di Howard Carter – che può provenire solo da obiettivi vintage”.

                                159 Punti
                                Mi Piace

                                Lascia un commento

                                  #17 1° classificato nella categoria Architettura: “Futuro passato” di Mario Tarantino, Spagna

                                  “Questa foto è stata scattata al Monumento Taal situato a Paarl, in Sud Africa. L’architettura brutalista del monumento è tipica degli anni ’70. Il monumento commemora l'afrikaans dichiarata lingua ufficiale del Sud Africa separata dall'olandese.

                                  La persona stagliata (che è mio padre) dimostra le dimensioni, crea un'atmosfera e una storia e contribuisce a rendere l'immagine surreale.

                                  Sia nella composizione che nella post-elaborazione dell'immagine desideravo trasmettere un'atmosfera mondana. Un luogo importante, un punto d'incontro centrale o forse un luogo di culto. Nel tentativo di sviluppare ulteriormente la surrealtà, l’elaborazione delle immagini è stata effettuata in bianco e nero”.

                                  151 Punti
                                  Mi Piace

                                  Lascia un commento

                                    #18 3° posto nella categoria Moda/Bellezza: “Una ragazza con carta stagnola” di Xiayu(Renee) Li, Stati Uniti

                                    “Sono stato ispirato a creare una serie di foto accattivanti con una bellissima ragazza adornata con carta stagnola, poiché ho trovato la combinazione intrigante. Per aumentare l’effetto drammatico, ho realizzato decorazioni di carta stagnola appositamente per la ragazza, trasformando il suo aspetto in un ritratto affascinante e sorprendente”.

                                    143 Punti
                                    Mi Piace

                                    Lascia un commento

                                      #19 2° classificato nella categoria Ritratto: “Ritorno da te” di Giandomenico Veneziani, Italia

                                      “Sono in missione.
                                      Il mio mondo sta morendo, tutto intorno a me perde forza vitale.
                                      Tutto svanisce e la battaglia per la sopravvivenza si trasforma in odio e dolore.
                                      Viaggio alla ricerca di una soluzione. Non ho destinazione, non esiste un punto di arrivo. Mi muovo cercando di catturare l'essenza della rinascita.
                                      C'è un varco davanti a me, credo sia una porta: attraverso di essa… all'improvviso un'onda mi sommerge. Sto per annegare e so che devo nuotare forte per emergere da queste acque strane e impetuose. Chiudo gli occhi e quando li riapro mi ritrovo a galleggiare su uno specchio d'acqua.
                                      Non so dove mi trovo, questo nuovo mondo è diverso dal mio.
                                      Sono stanco, ma con le poche forze che mi restano cerco di emergere da questo mare. Penso che il mio viaggio non possa terminare con una resa. Il mio unico scopo è riuscire a salvare i miei simili, la mia mente è pervasa solo da questo obiettivo.
                                      Vago per terre sconosciute e ostili. Il caldo mi soffoca e quella grande stella all'orizzonte mi brucia la pelle. Sto per arrendermi. Il mio aspetto è cambiato, la mia forma non è più la stessa. So che sono sempre io, anche se faccio fatica a riconoscermi.
                                      Ad un certo punto, al limite della disperazione, noto qualcosa: una luce mi chiama insistentemente, mi spaventa, ma allo stesso tempo mi affascina.
                                      Lentamente mi avvicino.
                                      La voce della luce si fa sempre più intensa. Il mio corpo trema.
                                      Eccola qui!
                                      Quella luce si impossessa di me, entra lacerando la mia pelle. Nessun dolore. Riesco a percepire serenità e armonia. Il mio corpo ha nuova energia. Mi pervade, scorre”.

                                      137 Punti
                                      Mi Piace

                                      Lascia un commento

                                        #20 1° posto nella categoria fotogiornalismo: “Lotta con la palla nel fango” di Nguyen Dang Giang, Vietnam

                                        132 Punti
                                        Mi Piace

                                        Lascia un commento

                                          #21 3° posto nella categoria Nudo: “Domenica mattina a Parigi” di Julien Sunye, Paesi Bassi

                                          “Parigi, Francia, 2021”.

                                          127 Punti
                                          Mi Piace

                                          Lascia un commento

                                            #22 1° posto nella categoria Nudo: “Monolito” di Lukasz Spychala, Polonia

                                            “L’uomo ci sembra un insieme stabile, uniforme, duro come una roccia, proprio come il monolite del titolo. Dimentichiamo però che, come le rocce, spesso siamo formati dall’erosione. Possiamo abituarci alle brutte esperienze, accettare che siano diventate una parte inseparabile di noi stessi e trasformarle in un lato forte della nostra personalità”.

                                            113 Punti
                                            Mi Piace

                                            Lascia un commento

                                              #23 1° posto nella categoria Astratta: “Poesia del silenzio Xxvi-7” di Roland Blum, Liechtenstein

                                              “Poetry of Silence è un corpus continuo di fotografie aeree del deserto create nel deserto del Namib. Questa fotografia è stata creata nel Namib meridionale, vicino alla frastagliata costa atlantica, dove questi modelli e strutture astratti in costante cambiamento vengono modellati dagli elementi.

                                              La foto è stata scattata da circa 1500 metri da terra volando con un elicottero".

                                              113 Punti
                                              Mi Piace

                                              Lascia un commento

                                                #24 1° posto nella categoria Fotomanipolazione: “Yin” di Bella Von Einsiedel, Germania

                                                “Parte della mia serie ‘YIN & YANG’.

                                                Una serie che mostra la connessione tra l'essere umano, la natura e l'equilibrio dell'universo. Il lato positivo e il lato oscuro della vita, che convivono insieme e quindi non possono essere viste separatamente. Cosa sarebbe lo Yin senza lo Yang? Apprezzeremmo la luce senza conoscere l'oscurità? È sempre più buio prima dell'alba."

                                                112 Punti
                                                Mi Piace

                                                Lascia un commento

                                                  #25 2° posto nella categoria Astratta: “Lava bianca” di Hilda Champion, Stati Uniti

                                                  “Fiore immerso nell’acqua e nel latte”.

                                                  106 Punti
                                                  Mi Piace

                                                  Lascia un commento

                                                    #26 3° posto nella categoria Astratta: “Orecchione 6” di Dale M Reid, Canada

                                                    “Inizialmente, l'orecchione ha catturato la mia immaginazione e da allora ho aggiunto altre varietà selvatiche come soggetto. La mia visione creativa utilizza la loro forma bizzarra e varia, le trame aliene e i dettagli intricati combinati con la composizione e l'illuminazione per presentare immagini nitide con una dose di astrazione. L’astrazione li rende unici e li apre a molteplici interpretazioni a seconda dell’immaginazione dello spettatore che utilizza i propri ricordi personali e le esperienze di vita per costruire contenuti”.

                                                    104 Punti
                                                    Mi Piace

                                                    Lascia un commento

                                                      #27 2° posto nella categoria Moda/Bellezza: “Miss Mod” di Chelsea Marrin, Stati Uniti

                                                      95 Punti
                                                      Mi Piace

                                                      Lascia un commento

                                                        #28 3° posto nella categoria Paesaggi: “Aphairesi – Studio 14” di René Algesheimer, Svizzera

                                                        “La parola greca per astrazione è αφαίρεση (aphairesi), che significa “rimozione” o “ritiro”. Questo termine è spesso usato nel contesto della filosofia per riferirsi al processo di astrazione o separazione di un'idea o di un concetto dalle sue rappresentazioni concrete o sensoriali. Nell'arte, l'astrazione può anche riferirsi al processo di riduzione di una forma o immagine ai suoi elementi geometrici o formali essenziali, che possono poi essere riorganizzati e ricombinati per creare un nuovo linguaggio visivo.

                                                        Il progetto segue l’idea di espressionismo astratto di Clement Greenberg. Come matematico, attraverso questo progetto, spero di sfidare gli spettatori a vedere il mondo in un modo nuovo, ad apprezzare la bellezza e la complessità delle forme geometriche e a considerare i modi in cui il linguaggio della geometria può essere utilizzato per esprimere un'ampia gamma di emozioni ed esperienze".

                                                        95 Punti
                                                        Mi Piace

                                                        Lascia un commento

                                                          #29 1° posto nella categoria Concettuale: “Jesters Gender Game” di Austn Fischer, Regno Unito

                                                          “Jesters Gender Game, una celebrazione dell’intrepida esplorazione delle performance di genere da parte degli artisti queer storici. Questo progetto fotografico trae ispirazione da visionari come Claude Cahun e Marcel Moore, che hanno sfidato le norme di genere attraverso autoritratti provocatori. Questo progetto incarna il concetto di “performance di genere” di Judith Butler, illuminando l’idea che il genere è una performance costruita socialmente e modellata dalle aspettative culturali.

                                                          Attraverso un vibrante arazzo di abbigliamento, trucco e linguaggio del corpo, i partecipanti a Jesters Gender Game creano intricate narrazioni di identità e liberazione. Le fotografie rivelano giocosamente come l'abbigliamento influenza le percezioni della società, determinando i personaggi individuali. Incoraggia gli spettatori a riflettere sui propri presupposti e ad abbracciare la ricchezza dell'espressione umana.

                                                          Una fusione di storia, teorie di genere e umorismo, “Jesters Gender Game” ci invita a celebrare la bellezza della diversità e ad abbracciare il nostro sé autentico”.

                                                          94 Punti
                                                          Mi Piace

                                                          Lascia un commento

                                                            #30 2° posto nella categoria Concettuale: “Storia di film horror” di Hardi Budi, Indonesia

                                                            “Hai mai visto un film horror? Qual è la tua reazione quando guardi una scena spaventosa? Queste immagini sono una metafora, che racconta come le persone reagiscono quando guardano un film horror. Il servizio fotografico è stato realizzato in un vecchio teatro a Giakarta".

                                                            90 Punti
                                                            Mi Piace

                                                            Lascia un commento

                                                              Se ti piacciono i nostri articoli, segui Keblog su Google News!

                                                              What do you think?

                                                              149 Punti
                                                              Mi Piace

                                                              Tocca a te, lascia un commento!

                                                              Lascia un commento