Segui Keblog su Facebook:

Il fotografo turco Uğur Gallenkuş torna a parlare del contrasto tra i due mondi in cui viviamo. Da una parte guerre ed ingiustizie sociali e dall’altra pace e lusso.

“Tutto è iniziato quando ho visto la paura e la disperazione negli occhi dei bambini rifugiati che cercavano di arrivare in Europa. Penso che non sappiamo nulla di guerre e carestie. Oggi viviamo in pace, ma finché questi problemi persistono potremmo finire coinvolti”.

Attraverso i suoi foto-collage, Gallenkuş affianca due realtà in netto contrasto che mostrano i problemi del mondo moderno. “Come artista, credo che l’arte sia la padrona di tutte le lingue”, dice, “al fine di creare una maggiore consapevolezza che aiuti a risvegliare le comunità”.

Altre info: Instagram

1. Siria

Foto: Murad Sezer

2. Siria

Foto: Abdullah Hammam

3. Turchia

Una donna cammina accanto a tende in un campo profughi siriano nella città turca di Suruc nella provincia di Sanliurfa l’11 ottobre 2014. Foto: Aris Messinis

4. Iraq

I bambini di una famiglia di rifugiati siriani sfollati dormono per strada a Erbil, Iraq nel 2013. Foto: Emrah Yorulmaz

5. Siria

Mohammed Mohiedin Anis o Abu Omar, 70 anni, fuma la pipa mentre si siede nella sua camera da letto distrutta, ascoltando musica sul suo giradischi, ad Aleppo. Foto: Joseph Eid

6. Bosnia

Vita quotidiana a Sarajevo, Bosnia ed Erzegovina nel 1993. Graffiti sul muro: “Benvenuti all’inferno!” Corri più che puoi o un cecchino serbo può spararti. Foto: Laurent Van der Stockt

7. Sudan del Sud

Nel dicembre 2005, nel sud del Sudan, un ragazzo beve acqua dal fiume Akuem, vicino al villaggio di Malual Kon nello stato di Bahr el Ghazal. Solo circa un terzo della popolazione ha accesso ad acqua potabile sicura e la minaccia di malattie trasmesse dall’acqua è aumentata mentre le città si riempiono a causa del ritorno di sfollati e rifugiati dopo decenni di guerra civile. Foto: Georgina Cranston

8. Yemen

Il conflitto di quattro anni tra il governo dello Yemen sostenuto dai sauditi e i ribelli Houthi legati all’Iran ha spinto il paese già impoverito sull’orlo della carestia, lasciando molti incapaci di permettersi cibo e acqua, con un totale di 5,2 milioni di bambini a rischio di fame secondo l’ONG. Foto: Essa Ahmed

9. Iraq

Edifici distrutti a Mosul incorniciati attraverso la finestra di un hotel danneggiato vicino alla Città Vecchia. Foto: Felipe Dana

10. Iraq

Ali Nassar Fadil, 4 anni, giace in un reparto dell’ospedale della Croce Rossa italiana il 13 aprile 2004, dopo aver perso il braccio sinistro e la gamba 5 giorni prima a causa di un’esplosione causata dalle forze statunitensi che ha ucciso suo nonno e altre 9 persone a Fallujah, Iraq. Foto: Paula Bronstein

11. Mediterraneo

Rifugiati e migranti dall’Eritrea, dal Mali, dal Bangladesh e da altri paesi attendono a bordo di un gommone per essere soccorsi nel Mar Mediterraneo, 27 chilometri a nord di Sabratha, in Libia. Foto: Santi Palacios

12. Grecia

Un rifugiato siriano che trasporta sua figlia verso il confine della Grecia con la Macedonia, 2015. Foto: Yannis Behrakis

13. Liberia

Joseph Duo, un comandante della milizia liberiana fedele al governo, esulta dopo aver sparato una granata a propulsione a razzo contro le forze ribelli in un ponte strategico chiave il 20 luglio 2003 a Monrovia, in Liberia. Foto: Chris Hondros

14. Afghanistan

I bambini sopportano il brutale costo di una guerra infinita. 10 bambini della stessa famiglia mentre andavano a scuola l’anno scorso, si imbatterono in una bomba di mortaio inesplosa, una cosa comune in Afghanistan dove la guerra infuria ancora tra i talebani e le forze nazionali appoggiate dagli USA. Non rendendosi conto di cosa fosse o del pericolo che rappresentava, i bambini curiosi presero il dispositivo e lo portarono alla zia. Ma esplose. Tre bambini e il parente più anziano restarono uccisi e i restanti sette persero almeno un arto ciascuno. Questo è solo uno degli incidente da munizioni inesploso. Ci sono migliaia di civili, tra cui bambini, che sono stati uccisi o paralizzati negli attacchi terroristici talebani e negli attacchi aerei delle forze nazionali appoggiate dagli USA o dagli Stati Uniti. Foto: Noorullah Shirzada

15. Siria

Foto: Mohamad Abazeed

16. Drone

17. Siria

Un bambino siriano si siede su un carro armato distrutto in Siria nel 2015. Foto: Yasin Akgül

18. Siria

Una donna ferita ancora sotto shock lascia l’ospedale di Dar El Shifa ad Aleppo, in Siria, il 20 settembre 2012. Dozzine di civili siriani sono stati uccisi, tra cui quattro bambini, in bombardamenti di artiglieria da parte delle forze governative siriane nella città siriana settentrionale. Foto: Manu Brabo

19. Siria

Alladin, nove anni, raccoglie munizioni usate per venderle come metallo ad Aleppo, in Siria. Foto: Niclas Hammarström

20. Ovunque

Non comprare, adotta.

21. Siria

Le bombe cadono da un caccia MIG-23 ad est della capitale, Damasco. Foto: Amer Almohibany

22. Pakistan

Un’aula completamente distrutta dopo un attacco talebano a Swabi, in Pakistan. Agosto 2012. Foto: Diego Ibarra Sánchez

23. Mediterraneo

I migranti attendono di essere salvati dai membri della ONG spagnola Proactiva Open Arms, dopo aver lasciato la Libia nel tentativo di raggiungere il suolo europeo a bordo di un gommone sovraffollato, a nord della costa libica. Foto: Felipe Dana

24. Sudan del Sud

Vickie, 4 anni, tiene in mano una spazzola per capelli mentre cammina nel campo di transito di Kuluba, Uganda, 31 marzo 2017. La guerra civile nel Sudan del Sud ha ucciso decine di migliaia di persone e scacciato più di 1,5 milioni di persone negli ultimi tre anni, creando la più grande crisi di rifugiati al mondo. Foto: Jerome Delay

25. India

Gente si riunisce per prendere l’acqua da un enorme pozzo nel villaggio di Natwarghad, nello stato indiano occidentale del Gujarat, il 1° giugno 2003. Foto: Amit Dave

26. Ovunque

Un ex leone da circo a cui manca un occhio siede in una gabbia a Lima, in Perù. Foto: Rodrigo Abd

27. Rohingya

La dodicenne Kurshida mostra il suo disegno in uno “spazio a misura di bambino” del CODEC e dell’UNICEF il 21 settembre 2017 a Cox’s Bazar, in Bangladesh. Kurshida è fuggita in Bangladesh dal villaggio di Bourashidapara in Myanmar quasi un mese fa. Il suo disegno raffigura una scena a cui ha assistito mentre fuggiva dal suo villaggio; i militari sparano dappertutto, illuminando la sua casa in fiamme, i militari tagliano la gola di sua nipote con un machete mentre dormiva, sua sorella neonata viene colpita, un elicottero fa cadere bombe e i suoi vicini vengono colpiti mentre tentano di fuggire. Il 60 percento dei 420.000 rohingya che sono fuggiti in Bangladesh, molti di età inferiore ai 18 anni, sono arrivati nelle tende di fortuna altamente traumatizzati dopo aver visto membri della famiglia uccisi e le loro case incendiate. Foto: Allison Joyce

28. Siria

Foto: Abd Doumany

29. Rohingya

Una bambina rifugiata rohingya accanto ai rifugiati appena arrivati che sono fuggiti in Bangladesh dal Myanmar a Ukhiya il 6 settembre 2017. Foto: K.M. Asad

30. Liberia

Combattente bambino posa con una pistola in una struttura di addestramento militare durante la guerra civile liberiana. Foto: Patrick Robert

Altrove sul Web

Che ne pensi?

Tag