Segui Keblog su Facebook:

La maggior parte di noi perde l’immaginazione propria dei bambini, quando diventiamo adulti. Ma non Akiko Ida e Pierre Javelle. Dal 2002, questi due fotografi professionisti lavorano ad una serie fotografica di giocosi diorami dal nome MINIMIAM, che vede protagonisti dei personaggi in miniatura in un mondo di alimenti giganteschi.

Nei loro diorami, Javelle e Ida dispongono persone in miniatura che svolgono attività di tutti i giorni attorno a frutta, verdura, dolci e altri alimenti che usano nelle loro foto. Sebbene lo scopo del lavoro era semplicemente quello di creare una serie di immagini che facessero sorridere le persone, alcune delle foto affrontano argomenti come il riscaldamento globale e il nostro rapporto con la natura.

I due creativi che stanno dietro al progetto MINIMIAM si sono incontrati durante i loro studi di fotografia presso l’Arts Decoratifs a Parigi. Entrambi condividono un interesse nel fotografare i cibi e lo fanno con successo, ed è forse per questo che la loro serie ha un aspetto così delizioso.

minimiam.com

miniam-diorami-cibo-pierre-javelle-akiko-ida

miniam-diorami-cibo-pierre-javelle-akiko-ida

miniam-diorami-cibo-pierre-javelle-akiko-ida

miniam-diorami-cibo-pierre-javelle-akiko-ida

miniam-diorami-cibo-pierre-javelle-akiko-ida

miniam-diorami-cibo-pierre-javelle-akiko-ida

miniam-diorami-cibo-pierre-javelle-akiko-ida

miniam-diorami-cibo-pierre-javelle-akiko-ida

miniam-diorami-cibo-pierre-javelle-akiko-ida

miniam-diorami-cibo-pierre-javelle-akiko-ida

miniam-diorami-cibo-pierre-javelle-akiko-ida

miniam-diorami-cibo-pierre-javelle-akiko-ida

miniam-diorami-cibo-pierre-javelle-akiko-ida

miniam-diorami-cibo-pierre-javelle-akiko-ida

miniam-diorami-cibo-pierre-javelle-akiko-ida

miniam-diorami-cibo-pierre-javelle-akiko-ida

miniam-diorami-cibo-pierre-javelle-akiko-ida

miniam-diorami-cibo-pierre-javelle-akiko-ida

miniam-diorami-cibo-pierre-javelle-akiko-ida

miniam-diorami-cibo-pierre-javelle-akiko-ida

miniam-diorami-cibo-pierre-javelle-akiko-ida

[fonte]

Che ne pensi?

Tag