in ,

I vincitori del concorso fotografico BigPicture Natural World mostrano la resilienza della natura (12 foto)

Segui Keblog su Facebook:

Il concorso fotografico BigPicture Natural World, tramite la California Academy of Sciences, chiede ogni anno ai fotografi naturalisti di tutto il mondo di inviare le loro migliori foto per celebrare la bellezza e la biodiversità della natura, e le lotte che questa deve affrontare. Le foto vincitrici dell’edizione 2021 sono davvero spettacolari.

Il primo premio è andato alla fotografa Jo-Anne McArthur per il suo scatto intitolato Hope Amidst the Ashes. La fotografa stava accompagnando un gruppo di Vets for Compassions che cercava di salvare i koala feriti durante i terribili incendi boschivi in Australia. La foto vincitrice mostra una femmina di canguro grigio orientale con il suo cucciolo al sicuro nel marsupio, i due animali sono circondati dalla distruzione della foresta bruciata. È un’immagine potente che vuole essere una metafora della resilienza della natura.

Le immagini di vincitori e finalisti sono state suddivise per categorie Aquatic Life, Art of Nature, Winged Life e Terrestrial Life. Sono immagini incredibili del mondo naturale che dovrebbero ispirate tutti a proteggere e conservare la biodiversità del nostro pianeta.

Date un’occhiata qui sotto, e non dimenticate che la classifica qui a Keblog la decidete voi mettendo “mi piace” sotto alle vostre preferite!

Altre info: Sito Web | Facebook | Instagram

#1 “Hope Amidst the Ashes” di Jo-Anne McArthur. Vincitrice del Primo Premio

"Gli incendi boschivi hanno devastato il paesaggio australiano negli ultimi anni, bruciando circa 17 milioni di ettari solo nel 2019 e nel 2020. Spinti da siccità e temperature da record, gli incendi hanno devastato habitat e popolazioni di animali selvatici, e gli scienziati sono preoccupati che questi eventi diventino più comuni con il cambiamento climatico. Nonostante la preoccupante tendenza, gli ambientalisti restano impegnati a proteggere le aree e le specie che rendono unico questo paese insulare.
Nel gennaio dello scorso anno, poco dopo un devastante incendio boschivo vicino alla costa sud-orientale dell'Australia, la fotografa Jo-Anne McArthur ha accompagnato una squadra di un'organizzazione chiamata Vets for Compassion che cercava, in una piantagione di eucalipti, dei koala feriti e affamati (Phascolarctos cinereus). Lì, ha avvistato questa femmina di canguro grigio orientale (Macropus giganteus) con il cucciolo nel suo marsupio. Erano in qualche modo sopravvissuti al cataclisma. Per McArthur, è stato un momento intenso: due delle specie più iconiche d'Australia, il canguro e l'albero di eucalipto, si trovano a un bivio preoccupante nella loro storia. Ma gli individui nella sua inquadratura erano anche simboli di speranza, speranza che la vita possa continuare contro ogni previsione".

3 Punti
Mi Piace

    #2 Facing Reality” di Amos Nachoum. Finalista nella categoria Aquatic Life

    "Con i loro manti setosi, i grandi occhi scuri e i sorrisi perenni, le foche leopardo (Hydrurga leptonyx) possono sembrare davvero coccolose mentre si rilassano sui banchi di ghiaccio antartici. Ma, sicuramente, i pinguini guardano in maniera diversa questi potenti predatori. Con un peso che arriva fino a 600 chilogrammi, potenti mascelle, denti affilati e lunghe pinne anteriori che le spingono attraverso l'acqua a velocità che possono arrivare a 37 chilometri all'ora, le foche leopardo sono in grado di catturare una vasta gamma di prede. Pochi animali sono al sicuro in loro presenza. Gli studi hanno dimostrato che le foche leopardo si nutrono di tutto: krill, pesci, polpi, granchi, pinguini e altre foche. Un recente studio condotto nella penisola antartica, non lontano da dove il fotografo Amos Nachoum ha catturato questa immagine di una foca leopardo che attacca un giovane pinguino Gentoo (Pygoscelis papua), ha scoperto che i pinguini costituiscono circa un quarto della dieta della foca leopardo durante tutto l'anno. Tale percentuale aumenta a quasi il 50 percento per le foche leopardo femmine più grandi, specialmente quando hanno cuccioli. Mentre le regioni polari continuano a riscaldarsi in modo sproporzionato rispetto al resto del mondo, gli scienziati stanno cercando di capire meglio tali comportamenti alimentari e il loro potenziale impatto sulle popolazioni di specie vulnerabili".

    3 Punti
    Mi Piace

      #3 “Boss” di Michelle Valberg. Vincitrice nella categoria Terrestrial Life

      "Su un'isola remota nel nord della British Columbia, la fotografa Michelle Valberg si è accucciata a terra, cercando di ricordare di respirare. Diversi metri davanti a lei, un orso Kermode (Ursus americanus kermodei) - una sottospecie dell'orso nero americano - aveva immerso la testa in un fiume in cerca di uova di salmone, e lei sapeva cosa sarebbe successo dopo. Quando il grande orso ha sentito il bisogno di respirare, ha tirato fuori la testa dall'acqua e si è scrollato, lanciando scintillanti goccioline d'acqua in una spirale intorno alla sua testa.
      Sebbene la maggior parte degli orsi Kermode che vagano per le isole costiere della regione siano neri, circa il 10-25 percento è bianco. Questa colorazione particolare non è segno di albinismo, perché questi orsi hanno la pelle e gli occhi pigmentati. È, tuttavia, un tratto ereditario completamente recessivo, e gli scienziati si sono chiesti a lungo perché gli orsi morfo-bianchi, spesso chiamati orsi spirito o orsi fantasma, fossero così comuni su queste isole. Nel 2009, un team di ricercatori dell'Università di Victoria ha monitorato la capacità di pesca del salmone tra gli orsi Kermode, sia neri che bianchi, e ha scoperto che gli orsi neri avevano un po' più successo quando pescavano di notte, mentre gli orsi bianchi avevano molto più successo durante il giorno. Gli orsi fantasma, come quello fotografato da Valberg, sono molto vistosi per gli umani, ma non per un salmone che guarda attraverso l'acqua. Con il cielo luminoso sullo sfondo, un predatore bianco è in realtà meno appariscente di uno scuro, motivo per cui così tanti uccelli marini e trampolieri hanno il piumaggio bianco.
      In quel particolare giorno, l'orso davanti a Valberg avrebbe potuto essere di qualsiasi colore; le uova che si trovavano sul letto del fiume costituivano un pasto facile. Rilassato e tranquillo, ha brevemente guardato negli occhi Valberg prima di abbassare la testa in acqua. "Ho sentito un nodo alla gola", dice la fotografia naturalistica di quel momento che riassumeva un significato preciso per lei: l'opportunità di guardare negli occhi la natura selvaggia e vederci il riflesso di noi stessi, di capire che, dopo tutto, siamo intrinsecamente legati'."

      2 Punti
      Mi Piace

        #4 “New Kid in School” di Yung-Sen Wu. Vincitrice nella categoria Aquatic Life

        "Con barriere montuose, più di mille specie di pesci tropicali e diverse specie di squali corallini, Il Blue Corner di Palau, situato a circa 40 chilometri a sud-ovest di Koror, è considerato uno dei migliori siti di immersione al mondo. Ma ammirarne la bellezza non è cosa da poco. Le correnti imprevedibili che cambiano velocità e direzione in un attimo possono distruggere l'energia anche del subacqueo più esperto e mandarlo contro la barriera corallina o verso il mare aperto.
        Date queste condizioni turbolente, è difficile immaginare che il fotografo subacqueo Yung-Sen Wu non abbia provato una sfumatura di gelosia per il nuoto senza sforzo del barracuda aerodinamico (Sphyraena sp.) che era lì per fotografare. Conosciuti più per la loro abilità nella caccia che per il loro carattere amichevole, i barracuda erano lenti ad abituarsi alla presenza di Wu. Nel corso di cinque giorni, tuttavia, Wu ha sfidato quotidianamente le correnti dell'Angolo Blu nel tentativo di conquistare la loro fiducia, ottenendo finalmente, nel suo ultimo giorno, il permesso di entrare per catturare questa immagine sorprendente".

        2 Punti
        Mi Piace

          #5 “Rain Dance” di Sarang Naik. Vincitrice nella categoria Art of Nature

          "Danzando al bagliore della luce del fotografo Sarang Naik, un pennacchio dorato di spore si alza da un fungo vicino a Toplepada, in India. A tempo debito, questa magica polvere di fata creerà più funghi, e non solo nel modo in cui potresti pensare. Mentre un piccolo numero di questi potenti granelli atterrerà su un terreno sufficientemente adatto per produrre i filamenti sotterranei ramificati che generano nuovi funghi, molte più spore arriveranno nell'atmosfera per servire a uno scopo altrettanto importante. Ogni anno, milioni di tonnellate di spore fungine raggiungono l'atmosfera dove forniscono il nucleo solido per la condensazione dell'acqua in nuvole e pioggia, dando vita alle foreste di tutto il mondo e sostenendo le future generazioni di funghi. Ma questo ciclo può andare in entrambe le direzioni. Man mano che la siccità peggiora con il cambiamento climatico, nasceranno meno funghi, il che a sua volta riduce le piogge favorite dalle spore, portando poi a siccità più intense in futuro".

          1 Punto
          Mi Piace

            #6 “Taking a Load Off” di Nicolas Reusens. Finalista nella categoria Winged Life

            "Sebbene non ci sia una particolare carenza di posatoi negli altopiani ecuadoriani, pochi sembrano fatti su misura per piccole zampe come il lungo e sottile becco di un colibrì dal becco di spada (Ensifera ensifera). Quello che potrebbe sembrare un ragazzino che si prende una pausa sotto lo sguardo esasperato del genitore, si rivela invece un uccello di un'altra specie: un opportunista colibrì maculato (Adelomyia melanogenys) che cerca semplicemente di risparmiare un po' di energia. Per i colibrì, in particolare le specie che vivono nelle fresche e umide foreste pluviali andine come queste due, le calorie, quelle che consumano e quelle che conservano, sono la chiave per la sopravvivenza e la riproduzione. Dopotutto, per quanto questi uccelli siano minuscoli, possono essere necessarie centinaia di visite ai fiori ogni giorno per far funzionare un colibrì. Per questo è difficile rinunciare a un trespolo ben posizionato e dotato di rilevamento dei predatori".

            1 Punto
            Mi Piace

              #7 “Sign of the Tides” di Ralph Pace. Vincitrice nella categoria Human/Nature

              "Sebbene ci stiamo finalmente avvicinando ad un mondo post-pandemia, le cicatrici del COVID-19 vivranno negli anni a venire, comprese quelle sul nostro ambiente. Dall'inizio della pandemia, la produzione di plastica monouso è salita alle stelle, in gran parte guidata dall'aumento dei dispositivi di protezione individuale, epidemiologicamente necessari ma ecologicamente devastanti. Secondo uno studio, 129 miliardi di mascherine e 65 miliardi di guanti sono stati utilizzati a livello globale ogni mese durante la pandemia, il 75% dei quali rischia di finire nelle discariche o nei mari. Gran parte di quei dispositivi, inclusa questa mascherina oggetto di indagine da parte di un curioso leone marino della California (Zalophus californianus), viene realizzata in plastica resistente che impiega centinaia di anni per decomporsi. Tuttavia, se l'anno passato ci ha mostrato qualcosa, è che con risorse e determinazione tutto può essere realizzato. Forse nascerà presto un nuovo approccio ai prodotti monouso".

              1 Punto
              Mi Piace

                #8 “Another Planet” di Fran Rubia. Vincitrice nella categoria Landscapes, Waterscapes, and Flora

                "Quello che a prima vista sembra essere lava che scorre lungo i lati di questi vulcani islandesi è, in realtà, l'ossido di ferro depositato durante le eruzioni precedenti. A differenza di Geldingadalir, un vulcano a soli 20 minuti da Reykjavík che sta eruttando attivamente dal 19 marzo 2021, l'ultima eruzione qui nella Riserva Naturale di Fjallabak ha avuto luogo nel 1480.
                Il clima nella riserva è arido e freddo e la stagione di crescita delle piante è limitata a circa due mesi all'anno, quindi la vegetazione è scarsa e le montagne striate di minerali conferiscono al paesaggio gran parte del suo colore. Il fotografo Fran Rubia è rimasto sbalordito dalla sua bellezza assoluta, soprattutto quando l'ha vista per la prima volta dall'alto. 'Quando ho fatto decollare il drone per un volo di ricognizione, sono rimasto sorpreso dalla grande quantità di ossido di ferro all'interno dei vulcani', dice. La fotografia che ha scattato più tardi quel giorno lo fece riflettere sull'importanza di preservare tali luoghi. 'Poiché l'immagine sembra essere stata fotografata in un altro mondo, su un altro pianeta, mi è sembrato un luogo primordiale senza alcuna alterazione umana, il che lo ha reso ancora più speciale'".

                1 Punto
                Mi Piace

                  #9 “Down the Hatch” di Angel Fitor. Finalista nella categoria Art of Nature

                  "Questa vista meravigliosa e affascinante potrebbe benissimo essere l'ultima cosa che molte sfortunate creature oceaniche vedono prima di cadere vittima della medusa barile (Rhizostoma pulmo). Conosciuta anche come polmone di mare, la specie è una delle meduse più grandi del mondo, raggiungendo i 90 centimetri o più di diametro. Si estende dal Nord e Sud Atlantico al Mediterraneo e al Mar Nero. Mentre il più delle volte si vede morta e appiattita sulle spiagge, quando si trova in acqua la campana traslucida della medusa barile assume la forma di un fungo, orlato da un brillante nastro viola di organi sensoriali. Otto tentacoli fluttuanti scorrono dietro la campana, sottomettendo la preda e tirandola verso la bocca della medusa. Scattando in controluce, il fotografo Angel Fitor è stato in grado di catturare quei tentacoli con dettagli ravvicinati e minacciosi".

                  1 Punto
                  Mi Piace

                    #10 “Beak to Beak” di Shane Kalyn. Vincitrice nella categoria Winged Life

                    "I corvi comuni (Corvus corax) di solito si accoppiano per la vita, e questo momento intimo e con il becco aperto catturato dal fotografo Shane Kalyn è probabilmente un esempio di come si prendono cura reciprocamente, consolidando il loro legame e mantenendo pulito il piumaggio. Per quanto tenero sia questo comportamento, a volte mette gli uccelli a rischio di un intervento aggressivo da parte di altri membri della loro specie. Uno studio del 2014 condotto da scienziati dell'Università di Vienna ha rivelato che i corvi interrompono spesso le sessioni di toelettatura tra altri individui accoppiati, in particolare quelli con legami meno stretti. Questi interventi sono un apparente tentativo di impedire alle coppie vicine di sviluppare quei forti legami di coppia che portano a un maggiore successo riproduttivo. Come osserva la scienziata Kaeli Swift, 'accogliere i risultati di questo studio richiede l'accettazione dell'idea che un animale, in particolare un uccello, sia in grado di anteporre le ricompense future ai rischi o alle perdite nel presente. Come esseri umani, questo tipo di pianificazione futura è un'abilità che diamo per scontata, ma è piuttosto un'impresa cognitiva'. Per gli uccelli con una capacità documentata di utilizzare strumenti e risolvere enigmi, è solo un'altra dote impressionante da aggiungere all'elenco".

                    1 Punto
                    Mi Piace

                      #11 “Ice Bears” di Peter Mather. Vincitrice nella categoria Photo Story (una di sei immagini).

                      "Nel territorio canadese dello Yukon, gli orsi grizzly (Ursus arctos horribilis) ritardano il loro letargo per catturare gli ultimi salmoni della stagione. Quando le temperature scendono sotto i -20 gradi Celsius, la pelliccia intrisa d'acqua dei grizzly si congela diventando un lampadario di ghiaccioli che tintinnano ad ogni passo. I popoli indigeni locali raccontano storie di frecce incapaci di penetrare l'armatura ghiacciata degli orsi. Sfortunatamente, gli orsi di ghiaccio di Yukon, come sono conosciuti, stanno affrontando nuove minacce contro le quali la loro armatura non può fare nulla. Il cambiamento climatico e altre attività umane stanno portando a scarse discese di salmoni, flussi fluviali ridotti e inverni più brevi, eventi che mettono a repentaglio lo stile di vita degli orsi di ghiaccio".

                      1 Punto
                      Mi Piace

                        #12 “Nutritional Supplement” di Nick Kanakis. Finalista nella categoria Landscapes, Waterscapes, and Flora

                        "Nonostante le sue modeste dimensioni e la sua rarità in natura, la Venere acchiappamosche (Dionaea muscipula) è una delle piante più riconoscibili al mondo: la sua forma rappresenta più del tipico aspetto della pianta carnivora. Quell'inversione di ruolo, una pianta che mangia animali, è diventata una novità per molte persone, generando un lucroso mercato delle piante coltivate e, purtroppo, anche il bracconaggio di quelle selvatiche. Nelle sue foreste native di pino a foglia lunga (Pinus palustris) delle Carolinas, tuttavia, essere carnivori è un mezzo di sopravvivenza. Lì, la specie si guadagna da vivere come le altre piante, sfruttando l'energia della luce solare per produrre il proprio cibo. Ma, a differenza di molte altre piante, la Venere acchiappamosche deve ottenere anche i nutrimenti vitali che mancano dai terreni in cui cresce. Con le sue foglie incernierate che si chiudono di scatto al minimo tocco di grilletti simili a peli sulla loro superficie, è altamente specializzata per fare proprio questo, come nel caso di questo sirfide (Toxomerus sp.) che, in una foresta della Carolina del Nord, lo ha imparato a proprie spese".

                        1 Punto
                        Mi Piace

                          Se ti piacciono i nostri articoli, segui Keblog su Google News!

                          What do you think?

                          13 Punti
                          Mi Piace

                          Keblogger: Francesca Proietti

                          Appassionata di animali, fotografia, artigianato e viaggi, nonché keblogger sfegatata!

                          Ora Tocca a Te, Commenta!

                          Lascia un commento