Segui Keblog su Facebook:

L’artista americana Michelle Ramin ha deciso di dipingere la sua visita al Louvre di Parigi, una cosa che aveva sognato tutta la vita, e ha creato una serie di dipinti ad olio che catturano la follia delle calche e l’atmosfera eccitata della più famosa galleria della Francia.

Tuttavia, durante la sua prima visita, lei e suo marito non potevano immaginare la folla che avrebbero trovato, o la lotta tra la gente per scattare foto con le loro macchine fotografiche o smartphone. Nel vedere la Gioconda ha detto: “Ho guardato attraverso la porta e l’eccitazione è diventata rapidamente frustrazione e rabbia, tutto quello che ho potuto vedere è stata una calca di persone, spinti l’uno contro l’altro come un formicaio; la Gioconda era nascosta dietro un mare di facce infinite e dietro schermi di telefoni cellulari, telecamere e braccia estese in aria alla ricerca di rubare un’immagine.
Non è quello che mi aspettavo. Una realtà molto più grottesca, ma anche molto più contemporanea, una rappresentazione di noi, di me, di te, di tutti noi”.

Ritornata in America, Michelle, grazie a questa esperienza, inizia il suo lavoro sulla distanza che si crea tra la realtà e la nostra vita digitale.

Gioconda

dipinti-olio-visitatori-louvre-parigi-michelle-ramin-3

 Uno sguardo a Renoir

dipinti-olio-visitatori-louvre-parigi-michelle-ramin-8

Calca davanti alla “Merlettaia” di Vermeer

dipinti-olio-visitatori-louvre-parigi-michelle-ramin-4

Dietro la Venere

dipinti-olio-visitatori-louvre-parigi-michelle-ramin-1

Hercules, l’Arciere

dipinti-olio-visitatori-louvre-parigi-michelle-ramin-5

Rousseau

dipinti-olio-visitatori-louvre-parigi-michelle-ramin-7

Considerazioni su le Ninfee

dipinti-olio-visitatori-louvre-parigi-michelle-ramin-6

Riflessioni

dipinti-olio-visitatori-louvre-parigi-michelle-ramin-2

FONTE boredpanda.com

Che ne pensi?

Autore