Segui Keblog su Facebook:

Da dieci anni, l’artista JR espone i suoi monumentali collage fotografici in spazi pubblici, sia che si tratti del Medio Oriente, delle favelas di Rio, o delle baraccopoli del Kenya, di New York, di Le Havre o di Shanghai, le sue opere sono apparse nelle città di tutto il mondo.

Questa primavera, JR è stato invitato dal Museo del Louvre a trasformare una tra le più riconoscibili facciate del famoso museo, in una illusione monumentale ottica. L’iconica piramide verrà trasformata in un’immagine anamorfica sorprendente. Stampato su carta, in immagini in bianco e nero, troviamo l’edificio storico del Louvre che andrà a ricoprire l’intera piramide; il collage, osservato da un certo punto di vista, si allinea perfettamente al contesto architettonico e nasconderà completamente la piramide di vetro alla vista.
L’installazione è attualmente in corso, e sarà esposta al pubblico dal 25 maggio al 27 giugno 2016.

Altre info: jr-art.netFacebook | Instagram | Twitter | Louvre

L’artista JR sta trasformando la famosa piramide di vetro del Museo del Louvre in un’opera d’arte anamorfica

JR-installazione-piramide-louvre-ricoperta-parigi-1david emeran

L’iconica piramide sarà completamente ricoperta di immagini stampate in bianco e nero dello storico palazzo del Museo in grande scala

JR-installazione-piramide-louvre-ricoperta-parigi-2david emeran

Il collage, osservato da un certo punto di vista, si allinea perfettamente al contesto architettonico

JR-installazione-piramide-louvre-ricoperta-parigi-3musée du louvre

E nasconderà completamente la piramide di vetro alla vista

JR-installazione-piramide-louvre-ricoperta-parigi-4JR

L’installazione è attualmente in corso d’opera

JR-installazione-piramide-louvre-ricoperta-parigi-51993paris

Sarà esposta al pubblico dal 25 maggio al 27 giugno 2016.

JR-installazione-piramide-louvre-ricoperta-parigi-6musée du louvre

Il manifesto della mostra progettato da Jeremy Schneider

JR-installazione-piramide-louvre-ricoperta-parigi-7 jeremy schneider

FONTE designboom.com

Che ne pensi?

Autore