in ,

Artista ricrea il volto degli imperatori romani usando l’intelligenza artificiale (60 foto)

Segui Keblog su Facebook:

Pensando ai grandi imperatori romani non possono che venirci in mente imprese gloriose, battaglie, assassinii, congiure e le numerose statue raffiguranti volti fieri, dallo sguardo volitivo, che sono conservate nei musei. Ma se volessimo rendere queste sculture più umane, e immaginare Adriano, Cesare o Traiano come uomini in carne e ossa, come potremmo fare? Ovviamente, usando l’intelligenza artificiale! Ed è proprio quello che ha fatto Haroun Binous, uno studente di farmacia di origine tunisina, che con un po’ di creatività, un software di ricostruzione facciale e Photoshop, ha ricreato i volti dei grandi personaggi storici dell’antica Roma. Binous ha provato ad immaginarne espressioni e colori e il risultato è davvero entusiasmante. Date un’occhiata al suo lavoro di seguito e votate i vostri imperatori preferiti mettendo “mi piace”!

Altre info: Facebook

Anche se per alcuni storici l’Impero Romano nacque nel 49 a.C., quando la dittatura di Gaio Giulio Cesare segnò la fine della Repubblica, generalmente, come anno della sua fondazione viene indicato il 27 a.C, periodo in cui Ottaviano salì al potere e assunse il titolo di Augusto. Da allora alla fine dell’Impero, nel 395, si susseguirono al comando 105 imperatori, ed è curioso ricordare che molti, più della metà, morirono di morte violenta. Alcuni furono vittime di cospirazioni, altri avvelenati e in certi casi costretti al suicidio. Furono davvero pochi quelli che morirono sereni nel loro letto.

Tra gli imperatori più amati ricordiamo Ottaviano Augusto, che fu molto apprezzato per l’equilibrio nella politica e nell’economia, e che fece fiorire il campo artistico. Tra i più spietati possiamo citare Caligola, che ricordiamo per la follia e la dissolutezza, o Domiziano che con il suo “regime del terrore” eliminò chiunque fosse sospettato di tramare contro di lui, anche tra i collaboratori più vicini.

Il fascino degli imperatori romani arriva ai nostri giorni e la voglia di scoprire che volti avessero è davvero tanta. Anche Haroun Binous è sempre stato affascinato dall’Impero Romano e negli anni la sua passione si è trasformata in un vero hobby. Ha raccontato che la sua serie ha avuto origine un anno fa, quando si mise a cercare delle immagini realistiche degli imperatori romani. Non trovandole, decise di imparare a usare un software di ricostruzione facciale per crearle da sé. Ci sono voluti 8 mesi per completare il progetto, che è composto da più di 60 ricostruzioni, e ogni immagine creata presenta la statua di riferimento utilizzata da Binous.

Per le sue ricostruzioni Binous si è basato principalmente sul lavoro di H. V. Canter “Personal Appearance in the Biography of the Roman Emperors”, e sulle opere di Svetonio e Plinio che descrivono fisicamente i primi 12 imperatori. Il giovane ha sottolineato che le informazioni sugli imperatori del III e IV secolo sono più scarse, così ha dovuto fare ricerche sul DNA dei genitori disponibile su Artbreeder e anche sulle caratteristiche generali delle persone delle rispettive regioni. In questo modo, ha trovato il tono della pelle, il colore degli occhi e qualsiasi aspetto generale più appropriato da aggiungere al suo lavoro.

Se ti piacciono i nostri articoli, segui Keblog su Google News!

What do you think?

46 Points
Mi Piace

Ora Tocca a Te, Commenta!

Lascia un commento