Segui Keblog su Facebook:

La società Miniwiz, con sede a Taipei, dimostra come sia possibile arredare completamente uno spazio contemporaneo, senza dimenticare il gusto e l’eleganza, utilizzando rifiuti. L’azienda, in collaborazione con PENTATONIC, dopo aver acquisito materiali scartati, tessili, tecnologici e metallici, li ha trasformati in divani, letti, tappezzeria e persino tazze e bicchieri, senza utilizzare colla o VOC chimico tossico, ed ha arredato 400 metri quadri nel centro di Milano.

Lo spazio è stato rinominato House of Trash e trasmette un chiaro messaggio a tutto il settore: non solo è possibile utilizzare materiali riciclati per creare elementi di alto design, ma non esistono scuse per non farlo. House of Trash è arredata completamente con elementi fatti con la spazzatura, che a loro volta, grazie al particolare trattamento effettuato da Miniwiz, potrebbero essere riciclati nuovamente in un ciclo infinito. Anche l’opera d’arte dell’acclamato artista francese Mode2, è stata creata su materiali riciclati.

Lo spazio, che non è aperto al pubblico, è in parte casa, in parte ufficio e in parte showroom e verrà utilizzato dai professionisti del settore per dare vita a collaborazioni e progetti che riguardano la sostenibilità e l’eco-compatibilità. “Non abbiamo più scuse per progettare e produrre qualsiasi cosa in cui il materiale non provenga dai rifiuti” afferma con fermezza Miniwiz. E noi siamo assolutamente d’accordo.

Altre info: Miniwiz | Facebook | YouTube | Pentatonic

Casa Arredata Con Spazzatura House Of Trash Miniwiz

Casa Arredata Con Spazzatura House Of Trash Miniwiz

Casa Arredata Con Spazzatura House Of Trash Miniwiz

Casa Arredata Con Spazzatura House Of Trash Miniwiz

Casa Arredata Con Spazzatura House Of Trash Miniwiz

Casa Arredata Con Spazzatura House Of Trash Miniwiz

Casa Arredata Con Spazzatura House Of Trash Miniwiz

Casa Arredata Con Spazzatura House Of Trash Miniwiz

Casa Arredata Con Spazzatura House Of Trash Miniwiz

Casa Arredata Con Spazzatura House Of Trash Miniwiz

Che ne pensi?

Tag