Segui Keblog su Facebook:

Il World Press Photo è un concorso fotografico che premia non solo le immagini più belle ma soprattutto quelle che raccontano storie importanti. I fotoreporter candidati hanno sfidato spesso il pericolo per questi scatti e operano al più alto livello nella loro professione.

Le immagini finaliste del concorso sono state selezionate tra oltre 78.000 fotografie e si contenderanno oltre al premio World Press Photo of the Year il nuovissimo World Press Photo Story of the Year, che verrà assegnato al fotografo la cui “creatività visiva e abilità ha prodotto una storia con un eccellente editing ed un sequenziamento che cattura o rappresenta un evento o un problema di grande importanza giornalistica nel 2018”.

L’altra novità di questa edizione è il numero di finaliste donne che sale al 32%, contro un 12% di candidate dell’anno precedente. In competizione per la vittoria finale, che verrà annunciata l’11 aprile 2019 ad Amsterdam, fotografi di agenzie importanti come Getty Images, Panos e Reuters e fotografi freelance. Una menzione speciale va all’italiano Marco Gualazzini in lizza per entrambi i premi finali.

Altre info: World Press Photo | Facebook | Instagram

1

Finalisti World Press Photo

“Akashinga – the Brave Ones” ©Brent Stirton, Getty Images
Le Akashinga (‘Le coraggiose’) sono donne ranger che lavorano per proteggere la loro comunità e l’ambiente. Sono donne che la vita ha messo a dura prova e probabilmente per questo coraggiose e tenaci. Molte di loro provengono da un’estrema povertà, alcune sono state violentate altre picchiate dal loro partner a sangue. Dopo un severo addestramento sono entrate a far parte di questo gruppo e ogni giorno si battono per difendere elefanti e rinoceronti dai bracconieri, spesso rischiando la vita. Nella foto Petronella Chigumbura (30), membro dell’unità anti-bracconaggio, mentre partecipa all’addestramento nel Phundundu Wildlife Park, nello Zimbabwe.

2

Finalisti World Press Photo “Bambina che piange al confine” © John Moore, Getty Images
Famiglie di immigrati messicani hanno attraversato il Rio Grande e sono state prese in detenzione dalle autorità. La piccola Yana, di quasi due anni, e sua madre facevano parte di una carovana di profughi che aveva iniziato il viaggio in aprile. Yana, dall’Honduras, piange mentre sua madre Sandra Sanchez viene perquisita da un agente della pattuglia di frontiera degli Stati Uniti, a McAllen, Texas, USA, il 12 giugno.

3

Finalisti World Press Photo “Being Pregnant After FARC Child-Bearing Ban” ©Catalina Martin-Chico, Panos
Dalla firma di un accordo di pace tra il governo colombiano e il movimento ribelle delle FARC nel 2016, c’è stato un boom di nascite tra ex guerrigliere. La gravidanza è stata ritenuta incompatibile con la vita di una guerriglia. Le donne furono costrette a mettere la guerra prima dei bambini, a lasciare i bambini con i parenti o, secondo alcuni, a subire aborti forzati, una accusa che le FARC negano. Yorladis è incinta per la sesta volta, dopo che altre cinque gravidanze sono state interrotte durante i suoi anni di militanza nelle Forze Armate Rivoluzionarie della Colombia. Dice che è riuscita a nascondere la gravidanza al suo comandante fino al sesto mese indossando abiti larghi.

4

Finalisti World Press Photo“Ragazzo Almajiri” ©Marco Gualazzini, Contrasto
Un ragazzo orfano supera un muro con disegni raffiguranti lanciagranate, a Bol, nel Ciad.

5

Finalisti World Press Photo “La scomparsa di Jamal Khashoggi” ©Chris McGrath, Getty Images
Un uomo non identificato cerca di trattenere la stampa, il 15 ottobre, mentre gli investigatori sauditi arrivano al consolato dell’Arabia Saudita a Istanbul, in Turchia, in mezzo a una crescente reazione internazionale in seguito alla scomparsa del giornalista Jamal Khashoggi.

6

Finalisti World Press Photo “Vittime di un presunto attacco di gas nella Ghouta orientale” ©Mohammed Badra, European Pressphoto Agency
Il popolo di Ghouta orientale, un distretto periferico fuori Damasco e una delle ultime enclave di ribelli nel conflitto siriano in corso, è stato assediato dalle forze governative per cinque anni. Durante l’offensiva finale, la Ghouta orientale è stata vittima di razzi e bombardamenti aerei, tra cui almeno un presunto attacco di gas, nel villaggio di al-Shifunieh, il 25 febbraio 2018.

7

Finalisti World Press Photo “La carovana dei migranti” ©Pieter Ten Hoopen, Agence Vu / Civilian Act
Durante l’ottobre e il novembre 2018, migliaia di rifugiati del centro America si sono uniti a una carovana diretta al confine con gli Stati Uniti. La carovana, radunata con una campagna di social media, ha lasciato San Pedro Sula, in Honduras, il 12 ottobre 2018, attirando persone persone dal Nicaragua, El Salvador e dal Guatemala. Un mix di persone che fuggivano da repressione politica e violenza, e da condizioni economiche difficili nella speranza di una vita migliore. Viaggiare in una carovana offriva un senso di sicurezza maggiore su una rotta in cui i migranti erano stati precedentemente rapiti, ed era un’alternativa al pagamento di tariffe elevate ai contrabbandieri.
Le carovane migratrici viaggiano verso il confine degli Stati Uniti in diversi periodi dell’anno, ma questa è stata una delle più numerose degli ultimi tempi, con ben 7.000 viaggiatori, tra cui almeno 2.300 bambini, secondo le agenzie delle Nazioni Unite. Le condizioni lungo la strada erano estenuanti, con persone che camminavano intorno ai 30 km al giorno, spesso a temperature superiori ai 30 ℃. La carovana di solito parte alle 4 del mattino ogni giorno per evitare il caldo. Come per le altre, questa carovana ha attirato la condanna del presidente degli Stati Uniti Donald Trump, che ne ha fatto un punto focale di raduni e l’ha usato per ribadire la sua richiesta di politiche di immigrazione tenaci e la costruzione di un muro di confine.

8

Finalisti World Press Photo “La carovana dei migranti” ©Pieter Ten Hoopen, Agence Vu / Civilian Act
Famiglie che si lavano, lavano i vestiti e si rilassano accanto al Rio Novillero, quando la carovana si prende un giorno di riposo vicino a Tapanatepec.

9

Finalisti World Press Photo “La carovana dei migranti” ©Pieter Ten Hoopen, Agence Vu / Civilian Act
Un padre e un figlio dormono dopo una lunga giornata di cammino, Juchitán, il 30 ottobre 2018.

10

Finalisti World Press Photo “La crisi del lago Ciad” ©Marco Gualazzini, Contrasto
Una crisi umanitaria è in corso nel bacino del Ciad, causata da una complessa combinazione di conflitti politici e fattori ambientali. Il Lago Chad, uno dei più grandi laghi dell’Africa e un’ancora di salvezza per 40 milioni di persone, sta vivendo una massiccia desertificazione. A causa dell’irrigazione non pianificata, della siccità estesa, della deforestazione e della cattiva gestione delle risorse, la dimensione del lago è diminuita del 90 percento negli ultimi 60 anni. I mezzi di sostentamento tradizionali come la pesca sono diminuiti e la scarsità d’acqua sta causando conflitti tra agricoltori e allevatori di bestiame. Il gruppo jihadista Boko Haram, che è attivo nell’area, accusa queste privazioni. Il gruppo utilizza i villaggi locali come terreno di reclutamento. Nella foto degli uomini lanciano una piroga attraverso il canneto paludoso sul bordo del lago.

11

Finalisti World Press Photo “La crisi del lago Ciad” ©Marco Gualazzini, Contrasto
Ad Ababakar Mbomi, attivista anti-jihadista a Melea, Ciad, hanno sparato 11 volte quando Boko Haram ha cercato di rapire sua moglie nel 2014.

12

Finalisti World Press Photo “La crisi del lago Ciad” © Marco Gualazzini, Contrasto
Donne raccolgono acqua dal lago.

13

Finalisti World Press Photo “Crisi nello Yemen” ©Lorenzo Tugnoli, Contrasto, per The Washington Post
Secondo le Nazioni Unite, dopo quasi quattro anni di conflitto nello Yemen, almeno 8,4 milioni di persone sono a rischio di fame e 22 milioni di persone, il 75% della popolazione, hanno bisogno di assistenza umanitaria. Nel 2014, i ribelli musulmani di Houthi Shia hanno conquistato le aree settentrionali del paese, costringendo il presidente, Abdrabbuh Mansour Hadi, all’esilio. Il conflitto si diffuse e si intensificò quando l’Arabia Saudita, in coalizione con altri otto stati arabi prevalentemente sunniti, inviò attacchi aerei contro gli Houthi. Nel 2018, la guerra aveva portato a ciò che l’Onu definì il peggior disastro umanitario creato dall’uomo. L’Arabia Saudita ha detto che l’Iran stava sostenendo gli Houthi con armi e rifornimenti, un’accusa che l’Iran ha negato. La coalizione guidata dai sauditi ha attuato un blocco sullo Yemen, imponendo restrizioni all’importazione di cibo, medicinali e carburante. Le carenze risultanti hanno esacerbato la crisi umanitaria.

14

Finalisti World Press Photo “Crisi nello Yemen” ©Lorenzo Tugnoli, Contrasto, per The Washington Post
Il 26 novembre un miliziano si trova in prima linea fuori dalla città assediata di Taiz. Gli aiuti ed i rifornimenti possono essere consegnati alla città solo lungo una strada sotto il controllo della coalizione saudita.

15

Finalisti World Press Photo “Crisi nello Yemen” ©Lorenzo Tugnoli, Contrasto, per The Washington Post
Wafa Ahmed Hathim (25) ha perso la gamba sinistra l’8 dicembre, quando un colpo di mortaio è atterrato nella sua casa nel porto di Hudaydah, strategicamente importante per il Mar Rosso, in un momento in cui si stava negoziando sulla pace in Svezia.

16

Finalisti World Press Photo “Una lotta per la democrazia” ©John Wessels, Agence France-Presse
Il 30 dicembre, nella Repubblica democratica del Congo (RDC), si sono tenute le elezioni generali a lungo ritardate per trovare un successore al presidente Joseph Kabila. La campagna è stata caratterizzata da proteste, manifestazioni di piazza e scontri tra sostenitori dell’opposizione e polizia. Le elezioni sono state ripetutamente rinviate da quando il mandato del presidente Kabila è scaduto nel 2016. Le elezioni sono state vinte da Felix Tshisekedi, leader del più grande partito di opposizione della RDC, l’Unione per la democrazia e il progresso sociale (UDPS). Il risultato è stato contestato dai partiti rivali, ma è stato accolto a livello internazionale come il primo trasferimento pacifico di potere dall’indipendenza del Congo nel 1960.

17

Finalisti World Press Photo “La casa che sanguina” ©Yael Martínez
In tutto il Messico, oltre 37.400 persone sono state classificate come “mancanti” da fonti ufficiali. La stragrande maggioranza è probabilmente morta, vittime della violenza in atto che ha causato oltre 250.000 morti dal 2006. Queste sparizioni sono la fonte di traumi psicologici duraturi per le famiglie lasciate indietro. Nel 2013, uno dei cognati del fotografo è stato ucciso e altri due sono scomparsi. Ciò lo portò a documentare la risultante frattura psicologica ed emotiva nella propria famiglia e nelle famiglie di altre persone scomparse, per fornire un resoconto personale della disperazione e del senso di assenza che si accumulano nel tempo.

18

Finalisti World Press Photo “Dakar Fashion” ©Finbarr O’Reilly
Dakar è un centro in crescita della moda franco-africana ed è la patria di Fashion Africa TV, la prima stazione interamente dedicata alla moda nel continente. L’annuale Dakar Fashion Week include uno stravagante spettacolo di strada aperto a tutti e frequentato da migliaia di persone provenienti da tutti gli angoli della capitale. Adama Paris è una forza trainante durante la settimana della moda.

19

Finalisti World Press Photo “Passaggi a nord-ovest” ©Jessica Dimmock, per argomento
Le persone transgender in tutto il mondo sono ancora esposte a diffamazioni e abusi sociali diffusi. Per molti transgender, venire a patti con il proprio sé femminile è un processo continuo. Alcuni trovano modi in cui esprimere la propria identità in privato. Margot (64 anni), di Oakland, in California, ha iniziato a vestirsi da donna all’età di cinque anni, ma è rimasta nascosta fino all’età di 59 anni.

20

Finalisti World Press Photo “Volti di un’epidemia” ©Philip Montgomery, per The New Yorker
Secondo l’Istituto nazionale per l’abuso di droghe, oltre 130 persone al giorno negli Stati Uniti muoiono dopo un sovradosaggio di oppioidi. Il presidente Donald Trump ha dichiarato l’epidemia di oppioidi un’emergenza nazionale per la salute pubblica. La crisi ha le sue radici negli anni ’90, quando le compagnie farmaceutiche assicurarono ai medici che gli antidolorifici oppioidi non creavano dipendenza. La ditta Purdue Pharma, in particolare, è stata accusata di marketing aggressivo anche quando erano noti gli effetti degli oppioidi. L’aumento della prescrizione di oppioidi come Oxycontin ha portato a un diffuso abuso. Alcune persone passarono all’eroina, che era più economica, e in seguito agli oppioidi sintetici, che sono ancora più forti e che probabilmente portano più facilmente ad un sovradosaggio fatale.

21

Finalisti World Press Photo “Vivere tra ciò che è rimasto dietro” ©Mário Cruz
Un bambino che raccoglie materiale riciclabile giace su un materasso circondato da immondizia che galleggiava sul fiume Pasig, a Manila, nelle Filippine. Il fiume Pasig è stato dichiarato biologicamente morto negli anni ’90, a causa di una combinazione di inquinamento industriale e rifiuti che venivano scaricati dalle comunità vicine che vivevano senza adeguate infrastrutture igienico-sanitarie. Un rapporto del 2017 di Nature Communications cita il Pasig come uno dei 20 fiumi più inquinati al mondo, con 63.700 tonnellate di plastica depositate nell’oceano ogni anno. Sono stati fatti sforzi considerevoli per ripulire il Pasig, ma in alcune parti del fiume gli scarti sono ancora così densi che è possibile camminare sopra la spazzatura.

22

Finalisti World Press Photo “Problemi doppi, benedetti due volte” ©Bénédicte Kurzen, Noor e Sanne de Wilde, Noor
La Nigeria ha uno dei più alti casi di gemelli nel mondo, in particolare tra gli Yoruba nel sud-ovest. Le comunità hanno sviluppato diverse pratiche culturali in risposta a questo alto tasso di natalità, dalla venerazione alla demonizzazione. In passato, i gemelli in alcune regioni erano considerati malvagi e denigrati o uccisi alla nascita. Oggigiorno, l’arrivo dei gemelli è generalmente accolto con festeggiamenti, e molti pensano che portino fortuna e ricchezza. Nella città sud-occidentale di Igbo-Ora, soprannominata “La casa dei gemelli della nazione”, sembra che quasi ogni famiglia abbia almeno una coppia di gemelli. Nel 2018, la città ha ospitato un Twins Festival, a cui hanno partecipato oltre 2000 coppie. Nella fotografia sono stati utilizzati due filtri di colore, proprio per esprimere la dualità: dell’identità, dei fotografi e dell’atteggiamento nei confronti dei gemelli.

23

Finalisti World Press Photo “Piangendo per la libertà” ©Forough Alaei
In Iran, alle donne è vietato entrare negli stadi di calcio. Poiché il calcio è lo sport più popolare della nazione, il divieto è stato un problema pubblico controverso. Il 1° marzo 2018, il presidente della FIFA Gianni Infanto ha incontrato il presidente dell’Iran, Hassan Rouhani, per affrontare la questione. Anche gruppi sui social-media hanno messo sotto pressione il presidente, e il 20 giugno 2018 una sentenza ha permesso agli stadi di Azadi e Takhti di Teheran di ammettere gruppi selezionati di donne per le partite internazionali. La concessione alle tifose si applicava solo alle partite internazionali e, dopo che un alto funzionario giudiziario si era opposto nell’ottobre 2018, fu ritirato. Il 10 novembre 2018, il presidente della FIFA, che partecipava alla partita della Coppa AFC a Teheran, ha chiesto di far partecipare le donne. Ad una selezione è stato permesso di entrare, ma sono molte quelle rimaste escluse.

24

Finalisti World Press Photo “Fenicottero con i calzini” ©Jasper Doest
Un fenicottero caraibico ispeziona delle calze improvvisate, create per aiutare a curare le sue gravi lesioni ai piedi, presso il Fundashon Dier en Onderwijs Cariben, a Curaçao. L’uccello è stato portato in aereo dalla vicina isola di Bonaire, dopo aver trascorso alcune settimane in un centro di riabilitazione locale. Tali lesioni sono comuni tra i fenicotteri in cattività, in quanto hanno piedi molto sensibili e sono abituati a camminare su terreno soffice. Dopo alcune settimane di cura, l’uccello è stato trasportato di nuovo a Bonaire. Ci sono circa 3000 coppie riproduttive di fenicotteri caraibici a Bonaire e altri 200-300 uccelli a Curaçao.

25

Finalisti World Press Photo “Il miele di Dio” © Nadia Shira Cohen
Peter Peter (10) siede nel camion di suo padre durante il raccolto di soia, a Nuevo Durango.
Gli agricoltori mennoniti che coltivano soia a Campeche, nella penisola dello Yucatan in Messico, stanno presumibilmente influenzando negativamente il sostentamento degli apicoltori locali. I Menmnoniti coltivano grandi appezzamenti di terreno nella zona. Gruppi ambientalisti e produttori di miele affermano che l’introduzione della soia geneticamente modificata e l’uso del glifosato agrochimico mette in pericolo la salute, contamina le colture e riduce il valore di mercato del miele minacciando il suo marchio “biologico”. La produzione di soia porta anche alla deforestazione, dal momento che la terra viene sempre più acquistata per l’agricoltura, incidendo ulteriormente sulle popolazioni di api.

26

Finalisti World Press Photo “Beckon Us From Home” ©Sarah Blesener
Gli studenti si sottopongono a un allenamento con armi da fuoco a Borodino, il campo di battaglia in cui la Russia combatté le forze di Napoleone nel 1812. L’educazione patriottica, spesso con un sottotesto militare, costituisce la molla principale di molti programmi giovanili sia in Russia che negli Stati Uniti. In America, i doppi messaggi di “America prima” e “americanismo” possono essere trovati non solo come una forza trainante dei movimenti politici adulti, ma in tutto il paese in campi e club dove ai giovani viene insegnato cosa significa essere americani. In Russia, club e campi patriottici sono incoraggiati dal governo. Il fotografo ha visitato dieci programmi giovanili negli Stati Uniti, oltre a scuole e campi estivi militari in Russia.

27

Finalisti World Press Photo “Stupro maschile” ©Mary F. Calvert
L’ex marine statunitense Ethan Hanson mentre fa il bagno a casa sua, ad Austin, Minnesota, USA, dopo che a causa di un trauma sessuale vissuto durante il servizio militare non riesce più a fare la doccia. Durante un campo di addestramento, a Ethan e alle altre reclute fu ordinato di camminare nudi attraverso una doccia comune mentre venivano pressati insieme. Ethan ha riportato l’incidente ma è stato molestato dagli altri uomini per averlo fatto. Incubi e attacchi di panico lo costrinsero a rassegnare le dimissioni. Le recenti figure del Dipartimento della Difesa mostrano che l’aggressione sessuale nei militari è in aumento. I militari sono meno propensi delle donne a segnalare traumi sessuali, temendo rappresaglie o stigma.

28

Finalisti World Press Photo “Servizio al sole” ©David Gray, Reuters
Naomi Osaka serve durante la sua partita contro la tennista Simona Halep, dalla Romania, durante il torneo di tennis Australian Open, presso la Margaret Court Arena, a Melbourne, in Australia, il 22 gennaio.

29

Finalisti World Press Photo “Puma selvaggi della Patagonia” ©Ingo Arndt, per National Geographic
I Puma, conosciuti anche come leoni di montagna o coguari, si trovano dallo Yukon canadese alle Ande meridionali, dove si trova la più vasta gamma di grandi mammiferi selvaggi dell’emisfero occidentale. Possono sopravvivere in una varietà di habitat, dai deserti e praterie alle foreste e montagne innevate, ma sono generalmente timidi e sfuggenti con gli esseri umani. Si ritiene che il parco nazionale Torres del Paine nella Patagonia cilena, contenga concentrazioni più elevate di puma che in qualsiasi parte del mondo. I puma sono predatori da agguato, seguono la loro preda a distanza per un’ora o più prima di attaccare. A Torres del Paine, i puma si nutrono principalmente di guanachi, che sono strettamente legati ai lama.

Altrove sul Web

Che ne pensi?

Tag