Segui Keblog su Facebook:

Il concorso World Press Photo non premia solo le fotografie più belle ma diffonde immagini che arrivano dritte al cuore dei problemi che affliggono il mondo. Sono scatti che raccontano storie dure e che spesso diffondono realtà poco conosciute. I concorrenti partecipano con immagini di altissimo livello e spesso rischiano la vita pur di ottenerle.

Il vincitore assoluto dell’edizione 2019 è il fotografo John Moore, di Getty Images, con la fotografia “Bambina che piange al confine”. Protagonista dello scatto è una bambina di due anni che appunto piange. Il suo nome è Yanela Sanchez e insieme a sua madre, Sandra Sanchez, dopo avere attraversato il Rio Grande, viene presa in custodia dai funzionari del confine USA a McAllen, in Texas. Entrambe, insieme ad altre famiglie, erano fuggite dalla povertà e dalla violenza in cui ormai vivevano in Honduras, nel tentativo di migliorare la propria vita.

La fotografia è diventata subito virale e ha suscitato un grande dibattito. “Spesso si parla di immigrazione in termini di statistiche, e quando metti un volto umano e umanizzi un problema, fai sentire le persone”, dice Moore. “E quando fai sentire le persone, arriva la compassione. E se ho ottenuto anche solo un po’ di compassione, allora va bene”. A voi i vincitori del World Press Photo 2019.

Altre info: World Press Photo | Facebook | Instagram

1. Environment, Singles, Primo Classificato: “Akashinga – The Brave Ones” di Brent Stirton

Vincitori World Press Photo 2019

Le Akashinga (‘Le coraggiose’) sono donne ranger che lavorano per proteggere la loro comunità e l’ambiente. Sono donne che la vita ha messo a dura prova e probabilmente per questo coraggiose e tenaci. Molte di loro provengono da un’estrema povertà, alcune sono state violentate altre picchiate dal loro partner a sangue. Dopo un severo addestramento sono entrate a far parte di questo gruppo e ogni giorno si battono per difendere elefanti e rinoceronti dai bracconieri, spesso rischiando la vita. Nella foto Petronella Chigumbura (30), membro dell’unità anti-bracconaggio, mentre partecipa all’addestramento nel Phundundu Wildlife Park, nello Zimbabwe.

2. Contemporary Issues, Singles, Secondo Classificato: “Male Rape” di Mary F. Calvert

Vincitori World Press Photo 2019 L’ex marine statunitense Ethan Hanson mentre fa il bagno a casa sua, ad Austin, Minnesota, USA, dopo che a causa di un trauma sessuale vissuto durante il servizio militare non riesce più a fare la doccia. Durante un campo di addestramento, a Ethan e alle altre reclute fu ordinato di camminare nudi attraverso una doccia comune mentre venivano pressati insieme. Ethan ha riferito dell’incidente ai suoi superiori ma è stato molestato dagli altri uomini per averlo fatto. Incubi e attacchi di panico lo costrinsero a rassegnare le dimissioni. Le recenti figure del Dipartimento della Difesa mostrano che l’aggressione sessuale nei militari è in aumento. I militari sono meno propensi delle donne a segnalare traumi sessuali, temendo rappresaglie o stigma.

3. Nature, Singles, Secondo Classificato: “Flamingo Socks” di Jasper Doest

Vincitori World Press Photo 2019 Un fenicottero caraibico ispeziona delle calze improvvisate, create per aiutare a curare le sue gravi lesioni ai piedi, presso il Fundashon Dier en Onderwijs Cariben, a Curaçao. L’uccello è stato portato in aereo dalla vicina isola di Bonaire, dopo aver trascorso alcune settimane in un centro di riabilitazione locale. Tali lesioni sono comuni tra i fenicotteri in cattività, in quanto hanno piedi molto sensibili e sono abituati a camminare su terreno soffice. Dopo alcune settimane di cura, l’uccello è stato trasportato di nuovo a Bonaire. Ci sono circa 3000 coppie riproduttive di fenicotteri caraibici a Bonaire e altri 200-300 uccelli a Curaçao.

4. Spot News, Singles, Primo Classificato: “Crying Girl On The Border” di John Moore

Vincitori World Press Photo 2019 Famiglie di immigrati messicani hanno attraversato il Rio Grande e sono state prese in detenzione dalle autorità. La piccola Yana, di quasi due anni, e sua madre facevano parte di una carovana di profughi che aveva iniziato il viaggio in aprile. Yana, dall’Honduras, piange mentre sua madre Sandra Sanchez viene perquisita da un agente della pattuglia di frontiera degli Stati Uniti, a McAllen, Texas, USA, il 12 giugno.

5. Nature, Stories, Secondo Classificato: “Meet Bob” di Jasper Doest

Vincitori World Press Photo 2019 Bob, un fenicottero dei Caraibi, vive tra gli umani sull’isola di Curaçao, in Olanda. Bob è rimasto gravemente ferito volando contro una finestra di un hotel, ed è stato curato da Odette Doest che gestisce Fundashon Dier en Onderwijs Cariben (FDOC), un centro di riabilitazione per la fauna selvatica. Durante la riabilitazione di Bob, Odette scoprì che il fenicottero era abituato agli umani, e che quindi non sarebbe sopravvissuto se fosse tornato in libertà. Così oggi Bob è diventato un “ambasciatore” per la FDOC, che educa la gente del posto sull’importanza di proteggere la natura selvaggia dell’isola.

6. Nature, Stories, Terzo Classificato: “Wild Pumas Of Patagonia” di Ingo Arndt

Vincitori World Press Photo 2019 I Puma, conosciuti anche come leoni di montagna, si trovano dallo Yukon canadese alle Ande meridionali, dove si può trovare la più vasta gamma di grandi mammiferi selvaggi dell’emisfero occidentale. Possono sopravvivere in una varietà di habitat, dai deserti e praterie alle foreste e montagne innevate, ma sono generalmente timidi e sfuggenti con gli esseri umani. Si ritiene che nella regione di Torres del Paine, nella Patagonia cilena, ci siano concentrazioni più elevate di puma che in qualsiasi altra parte del mondo. I puma perseguitano la loro preda a distanza per un’ora o più prima di attaccare. A Torres del Paine, i puma si nutrono principalmente di guanachi, che sono strettamente legati ai lama.

7. Portraits, Singles, Terzo Classificato: “When I Was Ill” di Alyona Kochetkova

Vincitori World Press Photo 2019 Alyona Kochetkova è a casa, incapace di mangiare il borscht (zuppa di barbabietola), il suo cibo preferito, durante il trattamento per il cancro. La fotografia è stata scattat dopo l’intervento chirurgico e la chemioterapia, quando, pur conoscendo l’importanza vitale del cibo, Alyona ha faticato a mangiare.

8. Sports, Stories, Secondo Classificato: “Never Saw Him Cry” di Michael Hanke

Vincitori World Press Photo 2019 Zdenĕk Šafránek è il capitano della squadra di hockey su ghiaccio del Para Repubblica Ceca e ha partecipato a tre Paraolimpiadi. È finito sulla sedia a rotelle dopo un incidente sul lavoro, in un’officina nel 2003. Rappresenta anche il suo paese in mountain bike e handcycling, e nel 2017-18 è stato il campione di paraboxer della Repubblica Ceca. Šafránek vive nella città di Pátek, vicino a Podĕbrady, nella Repubblica Ceca, con la sua compagna e tre figli.

9. Contemporary Issues, Singles, Terzo Classificato: “Afghan Refugees Waiting To Cross The Iranian Border” di Enayat Asadi

Vincitori World Press Photo 2019 Un rifugiato afgano conforta il suo compagno mentre attende il trasporto attraverso il confine orientale dell’Iran, il 27 luglio. L’UNHCR riferisce che l’Iran ha quasi un milione di rifugiati registrati, la stragrande maggioranza proveniente dall’Afghanistan. Inoltre, si stima che oltre 1.5 milioni di afghani senza documenti siano presenti nel paese. Molte persone in fuga dalla violenza, dall’insicurezza e dalla povertà in Afghanistan non trovano altra alternativa che usare i trafficanti illegali, lungo le rotte in cui sono esposti a rapine, rapimenti e morte. Il loro obiettivo è passare attraverso l’Iran e la Turchia o la Grecia per cercare una vita migliore altrove.

10. Environment, Singles, Terzo Classificato: “Living Among What’s Left Behind” di Mário Cruz

Vincitori World Press Photo 2019Un bambino che raccoglie materiale riciclabile giace su un materasso circondato da immondizia che galleggiava sul fiume Pasig, a Manila, nelle Filippine. Il fiume Pasig è stato dichiarato biologicamente morto negli anni ’90, a causa di una combinazione di inquinamento industriale e rifiuti che venivano scaricati dalle comunità vicine che vivevano senza adeguate infrastrutture igienico-sanitarie. Un rapporto del 2017 di Nature Communications cita il Pasig come uno dei 20 fiumi più inquinati al mondo, con 63.700 tonnellate di plastica depositate nell’oceano ogni anno. Sono stati fatti sforzi considerevoli per ripulire il Pasig, ma in alcune parti del fiume gli scarti sono ancora così densi che è possibile camminare sopra la spazzatura.

11. Contemporary Issues, Singles, Primo Classificato: “The Cubanitas” di Diana Markosian

Vincitori World Press Photo 2019 Pura attraversa il suo quartiere in una decappottabile rosa anni ’50, mentre la comunità si riunisce per festeggiare il suo quindicesimo compleanno, all’Avana, Cuba. La quinceañera di una ragazza (il quindicesimo compleanno) è una tradizione latina di formazione che segna il passaggio alla femminilità. È un rito di passaggio specifico per genere, che mostra tradizionalmente la purezza di una ragazza e la prontezza al matrimonio. Le famiglie vanno incontro a spese enormi, spesso preparando feste suntuose. A Cuba, la tradizione si è trasformata in una performance che coinvolge servizi fotografici e video, spesso documentati in un fotolibro. La quinceañera di Pura ha avuto un significato speciale, poiché alcuni anni prima, quando le era stato diagnosticato un tumore al cervello, le era stato detto che non avrebbe vissuto oltre i 13 anni.

12. Portraits, Singles, Primo Classificato: “Dakar Fashion” di Finbarr O’reilly

Vincitori World Press Photo 2019 Dakar è un centro in crescita della moda franco-africana ed è la patria di Fashion Africa TV, la prima stazione interamente dedicata alla moda nel continente. L’annuale Dakar Fashion Week include uno stravagante spettacolo di strada aperto a tutti e frequentato da migliaia di persone provenienti da tutti gli angoli della capitale. Adama Paris è una forza trainante durante la settimana della moda.

13. Contemporary Issues, Stories, Secondo Classificato: “Colombia, (Re)birth” di Catalina Martin-Chico

Vincitori World Press Photo 2019 Dalla firma di un accordo di pace tra il governo colombiano e il movimento ribelle delle FARC nel 2016, c’è stato un boom di nascite tra ex guerrigliere. La gravidanza è stata ritenuta incompatibile con la vita di una guerriglia. Le donne furono costrette a mettere la guerra prima dei bambini, a lasciare i bambini con i parenti o, secondo alcuni, a subire aborti forzati, una accusa che le FARC negano. Angelina è stata tra le prime ex guerriglieri a rimanere incinta nel campo di transizione delle FARC a San José del Guaviare, in Colombia. Si è unita alle FARC all’età di 11 anni, con il nome di ‘Olga’, dopo che il patrigno aveva tentato di abusare di lei. Yorladis è incinta per la sesta volta, dopo che altre cinque gravidanze sono state interrotte durante i suoi anni di militanza nelle Forze Armate Rivoluzionarie della Colombia. Dice che è riuscita a nascondere la gravidanza al suo comandante fino al sesto mese indossando abiti larghi.

14. Environment, Stories, Secondo Classificato: “God’s Honey” di Nadia Shira Cohen

Vincitori World Press Photo 2019 Gli apicoltori, guidati da Russel Armin Balan, tendono i loro alveari a Tinum, nello Yucatan, in Messico. Gli agricoltori mennoniti che coltivano la soia a Campeche, nella penisola dello Yucatan in Messico, stanno presumibilmente influenzando negativamente il sostentamento degli apicoltori Maya locali. I Mennoniti coltivano grandi appezzamenti di terreno nella zona. Gruppi ambientalisti e produttori di miele affermano che l’introduzione della soia geneticamente modificata e l’uso del glifosato agrochimico mette in pericolo la salute, contamina le colture e riduce il valore di mercato del miele minacciando il suo marchio “biologico”. La produzione di soia porta anche alla deforestazione, dal momento che la terra viene sempre più acquistata per l’agricoltura, incidendo ulteriormente sulle popolazioni di api.

15. Contemporary Issues, Stories, Terzo Classificato: “Faces Of An Epidemic” di Philip Montgomery

Vincitori World Press Photo 2019 Secondo l’Istituto nazionale per l’abuso di droghe, oltre 130 persone al giorno negli Stati Uniti muoiono dopo un sovradosaggio di oppioidi. Il presidente Donald Trump ha dichiarato l’epidemia di oppioidi un’emergenza nazionale per la salute pubblica. La crisi ha le sue radici negli anni ’90, quando le compagnie farmaceutiche assicurarono ai medici che gli antidolorifici oppioidi non creavano dipendenza. La ditta Purdue Pharma, in particolare, è stata accusata di marketing aggressivo anche quando erano noti gli effetti degli oppioidi. L’aumento della prescrizione di oppioidi come Oxycontin ha portato a un diffuso abuso. Alcune persone passarono all’eroina, che era più economica, e in seguito agli oppioidi sintetici, che sono ancora più forti e che probabilmente portano più facilmente ad un sovradosaggio fatale.

16. Portraits, Stories, Primo Classificato: “Land Of Ibeji” di Bénédicte Kurzen e Sanne De Wilde

Vincitori World Press Photo 2019 La Nigeria ha uno dei più alti casi di gemelli nel mondo, in particolare tra gli Yoruba nel sud-ovest. Le comunità hanno sviluppato diverse pratiche culturali in risposta a questo alto tasso di natalità, dalla venerazione alla demonizzazione. In passato, i gemelli in alcune regioni erano considerati malvagi e denigrati o uccisi alla nascita. Oggigiorno, l’arrivo dei gemelli è generalmente accolto con festeggiamenti, e molti pensano che portino fortuna e ricchezza. Nella città sud-occidentale di Igbo-Ora, soprannominata “La casa dei gemelli della nazione”, sembra che quasi ogni famiglia abbia almeno una coppia di gemelli. Nel 2018, la città ha ospitato un Twins Festival, a cui hanno partecipato oltre 2000 coppie.

17. Contemporary Issues, Stories, Primo Classificato: “Blessed Be The Fruit: Ireland’s Struggle To Overturn Anti-Abortion Laws” di Olivia Harris

Vincitori World Press Photo 2019 L’artista di graffiti Shirani Bolle dipinge un ritratto di Savita Halappanavar, morta nel 2012 dopo che non le fu consentito di abortire, a Dublino, in Irlanda. Il 25 maggio, l’Irlanda ha votato a larga maggioranza per rovesciare le sue leggi sull’aborto, che erano tra le più restrittive al mondo. Un referendum del 1983 aveva portato a un ottavo emendamento della costituzione irlandese che rinforzava il divieto di abortire, anche se le gravidanze derivavano da stupro e incesto. Prima del referendum, circa 3.000 donne viaggiavano nel Regno Unito ogni anno per abortire. Nel 2012, la morte di Savita Halappanavar causata da una sepsi dopo che i medici le avevano negato di abortire alla 17° settimana, nonostante la donna non si sentisse bene, ha mobilitato gli attivisti. Il suo nome è diventato sinonimo del movimento per abrogare l’ottavo emendamento. La campagna si è ampliata, sostenendo che le restrizioni sulle donne hanno un impatto su tutti nella società e che anche il sostegno degli uomini era necessario per effettuare il cambiamento. Gli attivisti hanno usato piattaforme di social media per diffondere il loro messaggio e hanno portato la discussione in piazza sotto forma di dimostrazioni e spettacoli teatrali. Quasi due terzi della popolazione irlandese ha partecipato al referendum, con il 66,4% che ha votato per rovesciare il divieto di abortire. Entro la fine dell’anno, il presidente irlandese aveva firmato un nuovo disegno di legge, rendendo l’aborto per qualsiasi gravidanza inferiore a 12 settimane disponibile senza costi.

18. Spot News, Stories, Secondo Classificato: “Syria, No Exit” di Mohammed Badra

Vincitori World Press Photo 2019 Entro febbraio 2018, il popolo di Ghouta orientale, un distretto periferico fuori Damasco e una delle ultime enclave di ribelli nel conflitto siriano in corso, era stato assediato dalle forze governative per cinque anni. Durante l’offensiva finale, la Ghouta orientale è stata sottoposta a razzi e bombardamenti aerei, tra cui almeno un presunto attacco di gas, nel villaggio di al-Shifunieh, il 25 febbraio. Le cifre sono difficili da verificare, ma Medici senza frontiere (MSF) ha registrato 4.829 feriti e 1.005 uccisi tra il 18 febbraio e il 3 marzo, secondo i dati delle loro strutture mediche. MSF ha anche segnalato 13 ospedali e cliniche danneggiati o distrutti in soli tre giorni.

19. Spot News, Stories, Primo Classicato: “The Migrant Caravan” di Pieter Ten Hoopen

Vincitori World Press Photo 2019 Durante l’ottobre e il novembre 2018, migliaia di rifugiati del centro America si sono uniti a una carovana diretta al confine con gli Stati Uniti. La carovana, radunata con una campagna di social media, ha lasciato San Pedro Sula, in Honduras, il 12 ottobre 2018, attirando persone persone dal Nicaragua, El Salvador e dal Guatemala. Un mix di persone che fuggivano da repressione politica e violenza, e da condizioni economiche difficili nella speranza di una vita migliore. Viaggiare in una carovana offriva un senso di sicurezza maggiore su una rotta in cui i migranti erano stati precedentemente rapiti, ed era un’alternativa al pagamento di tariffe elevate ai contrabbandieri.
Le carovane migratrici viaggiano verso il confine degli Stati Uniti in diversi periodi dell’anno, ma questa è stata una delle più numerose degli ultimi tempi, con ben 7.000 viaggiatori, tra cui almeno 2.300 bambini, secondo le agenzie delle Nazioni Unite. Le condizioni lungo la strada erano estenuanti, con persone che camminavano intorno ai 30 km al giorno, spesso a temperature superiori ai 30 ℃. La carovana di solito parte alle 4 del mattino ogni giorno per evitare il caldo. Come per le altre, questa carovana ha attirato la condanna del presidente degli Stati Uniti Donald Trump, che ne ha fatto un punto focale di raduni e l’ha usato per ribadire la sua richiesta di politiche di immigrazione tenaci e la costruzione di un muro di confine.

20. General News, Singles, Secondo classificato: “Still Life Volcano” di Daniele Volpe

Vincitori World Press Photo 2019 Il soggiorno di una casa abbandonata a San Miguel Los Lotes, in Guatemala, giace coperto di cenere dopo l’eruzione del Volcán de Fuego avvenuta il 3 giugno. Fuego, a circa 40 km a sud-ovest della capitale, Città del Guatemala, è uno dei vulcani più attivi dell’America Latina ed erutta periodicamente dal 2002. È monitorato da vulcanologi, ma questa eruzione è arrivata senza preavviso. La gente che viveva intorno al vulcano, molti al pranzo della domenica, fu sorpresa dalla repentinità dell’evento, quando Fuego sputò lava incandescente, cenere, gas e detriti fiammeggianti sui villaggi sottostanti. L’eruzione è stata una delle più mortali in Guatemala nell’ultimo secolo. L’Istituto nazionale di scienze forensi del Guatemala ha segnalato il recupero di 318 corpi, di cui oltre un terzo non identificati.

21. Nature, Singles, Terzo Classificato: “Glass Butterfly” di Angel Fitor

Vincitori World Press Photo 2019 Un Leucothea multicornis, con le ali aperte, si proietta nelle acque al largo di Alicante, in Spagna. Il Leucotea multicornis è un vorace predatore, cattura la sua preda usando cellule appiccicose piuttosto che pungendo. Poco si sa sulla biologia di questa specie poiché sono creature fragili ed estremamente difficili da studiare e fotografare.

22. Portraits, Stories, Secondo Classificato: “Northwest Passages” di Jessica Dimmock

Vincitori World Press Photo 2019 Le persone transgender in tutto il mondo sono ancora esposte a diffamazioni e abusi sociali diffusi. Per molti transgender, venire a patti con il proprio sé femminile è un processo continuo.

23. Long-Term Projects, Stories, Primo Classificato: “Beckon Us From Home” di Sarah Blesener

Vincitori World Press Photo 2019 Gli studenti si sottopongono a un allenamento con armi da fuoco a Borodino, il campo di battaglia in cui la Russia combatté le forze di Napoleone nel 1812. L’educazione patriottica, spesso con un sotto testo militare, costituisce la molla principale di molti programmi giovanili sia in Russia che negli Stati Uniti. In America, i doppi messaggi di “America prima” e “americanismo” possono essere trovati non solo come una forza trainante dei movimenti politici adulti, ma in tutto il paese in campi e club dove ai giovani viene insegnato cosa significa essere americani. In Russia, club e campi patriottici sono incoraggiati dal governo. Il fotografo ha visitato dieci programmi giovanili negli Stati Uniti, oltre a scuole e campi estivi militari in Russia.

24. Nature, Stories, Primo Classificato: “Falcons And The Arab Influence” di Brent Stirton

Vincitori World Press Photo 2019 La millenaria pratica della falconeria sta vivendo un risveglio internazionale, soprattutto a seguito degli sforzi nel mondo arabo. L’UNESCO ora riconosce la falconeria come patrimonio culturale immateriale dell’umanità (ICH), uno status che nessun altro sport di caccia gode. I falchi allevati in cattività hanno contribuito a diminuire il commercio di uccelli selvatici catturati, tra cui alcune specie elencate come in via di estinzione. Ma alcuni falconi allo stato selvatico continuano a essere a rischio di cattura e di altri fattori antropici come la scossa elettrica su linee elettriche mal progettate, degrado dell’habitat e prodotti agrochimici.

25. Portraits, Stories, Terzo Classificato: “Falleras” di Luisa Dörr

Vincitori World Press Photo 2019 Donne e ragazze indossano abiti fallera per il festival Fallas de Valencia a Valencia, in Spagna. Ispirati agli abiti indossati secoli addietro dalle donne che lavorano nei campi di riso in giro per la città, i vestiti sono cambiati nel tempo e ora sono creazioni elaborate che possono costare oltre 1.000 euro. Realizzati principalmente in pizzo e seta, gli abiti Fallera sono indossati da chiunque voglia prendere parte a quello che è uno dei più grandi festival di strada della Spagna. Per completare l’abito, le falleras si sistemano i capelli in uno stile tradizionale ornato di pettini e gioielli decorati, spesso tramandati di generazione in generazione.

26. Spot News, Stories, Terzo Classificato: “Ambulance Bomb” di Andrew Quilty

Vincitori World Press Photo 2019 Un’ambulanza piena di esplosivi ha ucciso 103 persone e ne ha ferite 235 a Kabul, in Afghanistan, il 27 gennaio. L’ambulanza era passata inosservata attraverso un punto di sicurezza, ma sebbene l’attentatore fosse stato identificato in un secondo checkpoint, non gli fu impedito di far esplodere i suoi esplosivi. L’attentato è avvenuto all’ora di pranzo vicino a Chicken Street, una zona commerciale centrale un tempo frequentata da cittadini stranieri e vicina a edifici governativi e diplomatici. Le vittime, tuttavia, erano in prevalenza civili e poliziotti afghani. I talebani hanno rivendicato la responsabilità per l’attentato, che si è classificato tra i peggiori attacchi civili nella capitale afgana degli ultimi anni.

27. General News, Stories, Primo Premio: “Yemen Crisis” di Lorenzo Tugnoli

Vincitori World Press Photo 2019 Dopo quasi quattro anni di conflitto nello Yemen, almeno 8,4 milioni di persone sono a rischio di fame e 22 milioni di persone, il 75% della popolazione, ha bisogno di assistenza umanitaria, secondo le Nazioni Unite. Nel 2014, i ribelli musulmani di Houthi Shia hanno conquistato le aree settentrionali del paese, costringendo il presidente, Abdrabbuh Mansour Hadi, all’esilio. Il conflitto si diffuse e si intensificò quando l’Arabia Saudita, in coalizione con altri otto stati arabi prevalentemente sunniti, inviò attacchi aerei contro gli Houthi. Nel 2018, la guerra aveva portato a ciò che l’ONU definì il peggior disastro umanitario creato dall’uomo. L’Arabia Saudita ha detto che l’Iran, uno stato a maggioranza sciita, stava sostenendo gli Houthi con armi e rifornimenti, un’accusa che l’Iran ha negato. La coalizione guidata dai sauditi ha attuato un blocco sullo Yemen, imponendo restrizioni all’importazione di cibo, medicinali e carburante. Le carenze risultanti hanno esacerbato la crisi umanitaria. In molti casi, le condizioni di quasi carestia sono state causate non tanto dall’indisponibilità del cibo, ma dal momento che sono diventate inaccessibili, fuori dalla portata della maggior parte degli yemeniti a causa delle restrizioni all’importazione, dell’aumento dei costi di trasporto a causa della scarsità di combustibile, di una valuta in calo e di altri interruzioni di fornitura causate dall’uomo.

28. Nature, Singles, Primo Classificato: “Harvesting Frogs’ Legs” di Bence Máté

Vincitori World Press Photo 2019 Le rane con le gambe mozzate e circondate da ranocchie lottano in superficie, dopo essere state gettate in acqua a Covasna, nei Carpazi orientali, in Romania, ad aprile. Le zampe delle rane vengono spesso raccolte in primavera, quando maschi e femmine si riuniscono per accoppiarsi e deporre le uova. Le gambe vengono talvolta recise mentre l’animale vive ancora. Con un mercato di 40 milioni di dollari ogni anno, le zampe di rana vengono vendute in tutti i paesi del mondo. Una piccola parte della popolazione dei Carpazi si guadagna da vivere raccogliendo le zampe delle rane in natura e vendendole.

29. Long-Term Projects, Stories, Secondo Classificato: “The House That Bleeds” di Yael Martínez

Vincitori World Press Photo 2019 In tutto il Messico, oltre 37.400 persone sono state classificate come “mancanti” da fonti ufficiali. La stragrande maggioranza è probabilmente morta, vittime della violenza in atto che ha causato oltre 250.000 morti dal 2006. Queste sparizioni sono la fonte di traumi psicologici duraturi per le famiglie lasciate indietro. Nel 2013, uno dei cognati del fotografo è stato ucciso e altri due sono scomparsi. Ciò lo portò a documentare la risultante frattura psicologica ed emotiva nella propria famiglia e nelle famiglie di altre persone scomparse, per fornire un resoconto personale della disperazione e del senso di assenza che si accumulano nel tempo.

30. Environment, Singles, Secondo Classificato: “Evacuated” di Wally Skalij

Vincitori World Press Photo 2019 I cavalli evacuati sono legati a un palo, mentre il fumo di un incendio si gonfia sopra di loro, a Zuma Beach, a Malibu, California, USA, il 10 novembre. La stagione degli incendi boschivi del 2018 in California è stata la più mortale e la più distruttiva mai registrata, bruciando un’area di oltre 676.000 ettari. Mentre gli scienziati hanno indicato gli effetti del cambiamento climatico come causa, il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha incolpato la gestione delle foreste.

Altrove sul Web

Che ne pensi?

Tag