Fotografo viaggia per il mondo e scatta 130 ritratti di ragazze con capelli rossi

    Segui Keblog su Facebook:

    Brian Dowling, un fotografo originario del Mississippi (USA) che attualmente vive a Berlino, ha scattato foto di ragazze con capelli rossi, provenienti da 20 paesi del mondo. La sua è stata una sfida: combattere gli stereotipi offensivi che vengono spesso associati alle persone con i capelli rossi, talvolta sfociando in ripetuti episodi di bullismo.

    Dowling è un fotografo nel campo dell’intrattenimento, ma per questo progetto si è preso un anno di pausa dalle sue abituali attività. I foto ritratti sono stati scattati senza l’aiuto di makeup artist, luci speciali e particolari foto ritocchi che avrebbero privato di autenticità le foto di queste modelle.

    I capelli rossi, uno dei colori di capelli più rari al mondo, è causato da una mutazione genetica conosciuta come MC1R e interessa circa l’1% della popolazione mondiale. Queste foto sono state raccolte in un libro intitolato “Redhead Beauty”, disponibile su Kickstarter.

    Altre info: Brian Dowling | Facebook | Instagram | Twitter | Kickstarter

    1. Alina, Ucraina

    Foto ragazze capelli rossi - Brian Dowling, Redhead Beauty

    2. Italia

    Foto ragazze capelli rossi - Brian Dowling, Redhead Beauty

    3. Madeline, USA

    Foto ragazze capelli rossi - Brian Dowling, Redhead Beauty

    4. Kirstie, Scozia

    Foto ragazze capelli rossi - Brian Dowling, Redhead Beauty

    5. Carmen, Paesi Bassi

    Foto ragazze capelli rossi - Brian Dowling, Redhead Beauty

    6. Krissy, Germania

    Foto ragazze capelli rossi - Brian Dowling, Redhead Beauty

    7. Ellie, Inghilterra

    Foto ragazze capelli rossi - Brian Dowling, Redhead Beauty

    8. Elias, Irlanda del Nord

    Foto ragazze capelli rossi - Brian Dowling, Redhead Beauty

    9. Maria, Russia

    Foto ragazze capelli rossi - Brian Dowling, Redhead Beauty

    10. Gracie, Irlanda

    Foto ragazze capelli rossi - Brian Dowling, Redhead Beauty

    Altrove sul Web

    FONTE independent.co.uk

    Che ne pensi?

    Tag