Segui Keblog su Facebook:

Una serie fotografica che parla di impegno sociale. Negli Stati Uniti mezzo milione di persone, ogni notte, dorme all’aperto. Un numero che cresce ogni anno.

Attraverso il suo progetto “Careful: Soul Inside” il fotografo brasiliano Pedro Oliveira punta l’obiettivo sulla questione. Un viaggio alla scoperta della vita di persone senza fissa dimora che nasce nel 2015, quando il fotografo inizia ad incontrare alcuni senzatetto e a farsi raccontare le loro storie di esseri umani con sogni e progetti, per una qualunque ragione, finiti sulla strada.

Attraverso le sue fotografie Oliveira cerca di cogliere quello che non vediamo, tutto ciò che si nasconde dietro l’apparenza di abiti dismessi, volti segnati dal sole e dalle intemperie, dagli stenti e le mille difficoltà; difficoltà che comprendono il cercarsi un pasto, il mantenere un aspetto dignitoso nonostante la mancanza di igiene quotidiana, tra la completa indifferenza della società.

Ma principalmente, Oliveira cerca di sgretolare l’enorme muro sociale che rende le aspettative, i desideri e le speranze dei senzatetto, invisibili alla maggior parte di noi.

Altre info: Pedro Oliveira | Facebook | Instagram

1. King James

Foto Senzatetto Pedro Oliveira

Abbiamo parlato per un po’ e sembrava davvero interessato alla fotografia. Dopo un po’ gli ho chiesto se potevo fotografarlo. Molto timido, in un primo momento non era d’accordo. Allora gli chiesi se voleva farmi una foto. Aveva paura di far cadere la fotocamera, ma la curiosità probabilmente è stata più forte e accettò di scattare la foto. La foto che mi ha fatto ha rotto il ghiaccio e dopo mi ha permesso di fargli questo scatto.

2. Doug

Foto Senzatetto Pedro Oliveira

Foto Senzatetto Pedro Oliveira Stavo camminando per il centro, cercando un posto per prendere un caffè, quando Doug è letteralmente saltato davanti a me, con il più grande sorriso che io abbia mai visto, e ha detto “perché non fotografi questo?” Con una faccia buffa e tenendo in mano un’edizione dello Street Roots, un giornale locale venduto a Portland …

3. Veronika

Foto Senzatetto Pedro Oliveira

Foto Senzatetto Pedro Oliveira Mentre camminavamo per la città, la conversazione si è evoluta. Veronica mi ha detto che solo lei stessa era colpevole della sua condizione. Ha spiegato che tutto è iniziato durante i primi anni dell’adolescenza come una forma di liberazione. “I miei genitori mi amano ancora, ma sono troppo imbarazzata per tornare a casa. Sono io che ho deciso di lasciarli” confessa la ragazza.

4. Glenn

Foto Senzatetto Pedro Oliveira

Foto Senzatetto Pedro Oliveira Ho conosciuto Glenn (nome fittizio) nel centro di Portland. Non sapevo se fosse veramente un senzatetto, ma ho deciso di fare due chiacchierare con lui. Glenn mi ha detto che dopo avere lavorato in molti campi diversi nella sua vita, è stato licenziato e che a causa della sua età non avrebbe mai potuto ottenere un altro lavoro e, di conseguenza, è finito per le strade. La versione in bianco e nero di questo ritratto ha vinto due diversi concorsi di ritratto.

5. Jake El Grande

Foto Senzatetto Pedro Oliveira “Il mio nome è John, ma puoi chiamarmi Jake el Grande (fingendo un accento spagnolo) … non sembri un fotografo. Cosa succede dopo (dopo l’immagine)? I poliziotti salteranno fuori dalle loro macchine nascoste? “- John (Jake) è un senzatetto dipendente da metanfetamine che vive intorno a Portland.

6. Dale

Foto Senzatetto Pedro Oliveira

Foto Senzatetto Pedro Oliveira Ho parlato con Dale per 5 minuti, ma era con un amico che ha sostenuto essere la sua unica compagnia e migliore amico. Dale era chiaramente una persona senza tetto, ma dal momento che non era molto a suo agio con le domande, ho deciso di fare solo delle foto.

7. Dean

Foto Senzatetto Pedro Oliveira Entrando nel negozio la signora dietro il bancone sembra a disagio e un po’ nervosa. Sentii volesse dire qualcosa, ma era esitante. “Tutto ok, signora?” Chiesi. E la barista rispose: “So che hai buone intenzioni, ma non voglio questo tizio qui. È un malfattore ed è sempre maleducato coi nostri clienti. Stamattina gridava oscenità a una donna”. Dopo avergli dato il caffè, ho chiesto dell’incidente. Dean ha spiegato: “Non ho idea di quello che stia dicendo, mi hanno sempre confuso con qualcun altro … c’è qualcuno qui, che sembra esattamente come me”.

8. Sandra Reggan

Foto Senzatetto Pedro Oliveira Sandra è una venditrice ambulante di Roots Street che ho conosciuto un paio di mesi fa. Sempre molto cortese e ottimista, quello che richiamava la mia attenzione su Sandra era il suo stile. La vedo sempre nel mio quartiere e ogni volta indossa un vestito diverso ed elegante.

9. Jimmy / James

Foto Senzatetto Pedro Oliveira

Foto Senzatetto Pedro Oliveira Ho incontrato Jimmy, mostrandogli il lavoro su “James: The King”. Era molto gentile e affermò che James fosse un uomo buono e uno dei suoi migliori amici. Mentre parlava, Jimmy mi disse che aveva il sogno di diventare un giornalista, ma dopo un po’ aveva abbandonato l’università e per diversi motivi era finito per le strade. Ho avuto la possibilità di dirgli del mio progetto e lui ha accettato di essere uno dei miei soggetti.

10. Michael

Foto Senzatetto Pedro Oliveira

Foto Senzatetto Pedro Oliveira “Ti dico che se mi aiuti con “qualcosa”, puoi sicuramente fotografarmi, amico. Della mia vita posso solo dirti che vivo per le strade da 12 anni, che amo il rum e che le persone mi dicono che assomiglio al Dr.House “- Michael, nato in Montana e che ha vissuto per le strade negli ultimi 12 anni.

11. Priscilla

Foto Senzatetto Pedro Oliveira Stavo camminando nel parco quando ho visto Jim e Priscilla (non vuole dirmi il suo vero nome quindi userò Priscilla che è il nome di mia sorella, non sono abbastanza creativo per inventarne un altro) seduti a terra con tre o quattro pezzi di pollo fritto. Mi sono presentato, spiegando anche l’idea del mio progetto. “Sei un poliziotto o qualcosa del genere?” ha chiesto Priscilla. “Indosso le infradito e i pantaloncini da calcio sembro un poliziotto? Ho risposto. “Non lo so. Non sono sicura che un poliziotto debba sembrare qualcosa,” mi ha sfidato.”Beh, nemmeno io, ma non lo sono”. Mi ha sorriso e detto “puoi parlare con me e fare le foto, ma devi pagare. Sarebbero cinque”. “Giusto,” ho pensato e annuito. Priscilla è dell’Oregon, e non è mai stata da nessun’altra parte. Sua madre è morta quando aveva solo nove mesi, vittima di un ictus cerebrale. Secondo lei, sua madre era un’alcolizzata e l’ha usata per spegnere le sigarette e le metteva il vino al posto del latte nel biberon, così non avrebbe pianto la notte. Dopo la morte di sua madre, il padre di Priscilla si sposò di nuovo: “ero come Cenerentola, ma come si vede…” si è fermata, e ha dato un altro morso al pezzo di pollo, come se volesse farmi indovinare le prossime parole… . Sapevo bene cosa voleva dire: “… come posso vedere, non ha avuto il lieto fine “. Priscilla mi ha detto che è stata trascurata, hanno abusato fisicamente e verbalmente di lei durante la sua infanzia, e che suo padre e la sua matrigna la consideravano un problema nella loro relazione. Alla fine mi sono sentito come se avessimo un legame. Era così aperta e sincera, ma all’improvviso, come se si fosse risvegliata da uno stato mentale di torpore, la luminosità nei suoi occhi era sparita: “quindi stai facendo quelle cazzo di foto o no? Non ho tutto il giorno, e comunque dove sono i miei soldi?” Mi sono sentito imbarazzato, quasi invadente, ahimè, sapevo che lo ero.

12. Un tempo Mark, oggi Philipe

Foto Senzatetto Pedro Oliveira Stavo camminando, sotto la pioggia, cercando i possibili personaggi per le mie (come mi piace chiamarle) interviste. Dopo 30 minuti a piedi sotto la pioggia e il freddo ero pronto a tornare a casa. Così ho fatto. Passavo in una piazza / parco quando notai Philipe che si trovava sotto questo piccolo spazio, che a malapena poteva adattarsi al suo corpo . Mi guardò e sorrise, mentre mi salutava con un caldo “Buon pomeriggio”. “Bene, non torno a casa senza un’intervista.” Ricordo di avere pensato.
Era forte, veloce, saggio, ma sembrava anche un po’ fuori di testa. Ma … sai cosa, dimentica quello che ho appena detto, preferisco dire che era un grande sognatore.
Appena mi sono avvicinato e ho chiesto il suo nome, mi ha risposto dicendo “era Mark, ora sta cambiando in Philipe”. Philipe ha 65 anni, ed è un reduce di Guerra.

Altrove sul Web

Che ne pensi?

Tag