in ,

50 foto storiche rare che mostrano gli eventi da una nuova prospettiva

Segui Keblog su Facebook:

Grazie alla fotografia, l’uomo ha potuto catturare momenti fugaci del passato e preservarli nel tempo. La storia raccontata attraverso le immagini ha un impatto completamente diverso rispetto a quella studiata nei libri. Attraverso le foto possiamo comprendere il momento storico più intimamente, e vedere uomini e donne dei secoli scorsi per come erano davvero, senza il bisogno di immaginarli!

Di seguito troverete 50 fotografie storiche rare che vi mostreranno il passato da una nuova prospettiva. Vedrete scene emozionanti, in alcuni casi commoventi fino alle lacrime, o semplici attività quotidiane che raccontano alcuni dei passi che l’uomo ha mosso per costruire il mondo che conosciamo oggi.

Oggigiorno non possiamo immaginare un mondo in cui non esiste la fotografia, ma la sua nascita è piuttosto recente! Meno di duecento anni fa! Tutto iniziò nel 1826, quando Joseph Nicéphore Niépce realizzò quello che è conosciuto come il primo scatto fotografico della storia, “Veduta dalla finestra a Le Gras”.

Niépce inventò un processo, noto come eliografia, che consisteva nell’utilizzo di bitume di Giudea, un tipo di asfalto sensibile alla luce, e di una lastra di peltro cosparsa di questo materiale. Dove la luce raggiungeva la lastra il bitume si induriva, e resisteva al successivo lavaggio con olio di lavanda. La lastra così ottenuta, dopo che le parti rimaste scoperte venivano scavate con dell’acquaforte, poteva essere utilizzata per la stampa. Per realizzare “Vista dalla finestra a Le Gras” Niépce utilizzò una camera oscura, e la lastra fu esposta alla luce per circa 8 ore (Potete trovare la foto scattata da Joseph Nicéphore Niépce qui).

Alla eliografia seguì un nuovo processo, la dagherrotipia, che permise alla fotografia di diffondersi più ampiamente. Questo nuovo procedimento fotografico, molto più rapido del precedente, fu sviluppato da Louis Daguerre a partire da un’idea di Joseph Nicéphore Niépce.

Più o meno nello stesso periodo, in Gran Bretagna, Henry Fox Talbot stava sperimentando la talbotipia, un metodo che utilizzava carta rivestita con ioduro d’argento, su cui applicava oggetti, che poi esponeva alla luce.

L’epoca della fotografia moderna nasce solo nel 1880, quando viene utilizzata per la prima volta un’emulsione al bromuro d’argento che permetteva di preparare le lastre in anticipo e di svilupparle poi in laboratorio. Le prime pellicole trasparenti entrarono in commercio poco dopo, nel 1888, e si devono a George Eastman, creatore del marchio Kodak. Nel 1913, queste invenzioni fotografiche furono seguite dalla primissima fotocamera 35 mm progettata dall’inventore tedesco Oskar Barnack.

Il primo protipo di macchina fotografica digitale risale al 1975, e fu ideato da Steven Sasson, un ingegnere della Kodak. L’apparecchio utilizzava al posto della pellicola fotosensibile un sensore CCD. All’inizio dell’era digitale, le macchine fotografiche venivano distinte in “reflex” o “digitali”. Le prime si consideravano macchine professionali e le seconde macchine fotografiche compatte amatoriali, ma oggi le cose sono cambiate e anche le reflex hanno un sensore digitale.

Le fotocamere digitali usano un sensore digitale capace di registrare luce e colori, e un processore per interpretare questi dati. Necessario è anche l’utilizzo di una memoria digitale su cui memorizzare le immagini o i video. Grazie alla possibilità di scattare centinaia di foto e di poterle vedere subito, la fotografia digitale è stata una vera rivoluzione che ha spazzato via dal mercato la fotografia a rullino.

#1 Un uomo prende un autobus per soli bianchi a Durban, come forma di protesta contro l’apartheid del Sudafrica, 1986

#2 Charles Thompson saluta i suoi nuovi compagni di classe alla scuola pubblica n. 27 nel settembre 1954, meno di quattro mesi dopo che la Corte Suprema aveva stabilito che la segregazione razziale era incostituzionale. Charles era l’unico bambino afroamericano della scuola. Foto di Richard Stacks

#3 Membri della resistenza olandese celebrano la notizia della morte di Adolf Hitler, aprile 1945

#4 Un soldato serbo dorme con il padre che è andato a trovarlo al fronte, vicino a Belgrado, 1914/1915

#5 Ruby Bridges, la prima afroamericana a frequentare una scuola elementare bianca nel profondo sud, 1960

#8 Statua del David di Michelangelo, con una protezione in muratura per evitare danni da bombe, durante la Seconda Guerra Mondiale

#10 Nel 1969, quando ai neri americani non era ancora concesso di nuotare nelle piscine “dei bianchi”, il signor Rogers decise di invitare l’agente Clemmons al suo show, il “Mister Rogers’ Neighborhood”, e gli propose di rinfrescarsi immergendo i piedi in una piccola piscina di plastica insieme a lui

#11 Margaret Hamilton e il software di navigazione scritto a mano che lei e il suo team hanno prodotto per il progetto Apollo, 1969

#19 Questa giovane ragazza serba fu impiccata all’età di 17 anni vicino a Gradiska nel 1943. Durante la battaglia di Kozara perse suo padre, suo fratello (15) e suo zio

Quando i nazisti chiesero a Lepa Radic chi erano i suoi "complici" prima di impiccarla, lei rispose: "Li conoscerai quando verranno a vendicarmi".

#20 Un uomo, arrestato per essersi travestito da donna, esce da un furgone della polizia, New York, 1939

#21 Quando David Isom, 19 anni, si presentò in una piscina per “soli bianchi” in Florida, l’8 giugno 1958, i funzionari decisero di chiudere la struttura

#22 Albert Einstein, la sua segretaria Helen (a sinistra) e la figlia Margaret (a destra) diventano cittadini statunitensi per evitare di tornare nella Germania nazista, 1940

#23 Una giovane regina Elisabetta nei panni di un meccanico durante la Seconda Guerra Mondiale (1939 circa)

#24 Un soldato tedesco torna a casa ma scopre che la sua famiglia non è più lì. Francoforte, 1946

#28 Un uomo legge per degli operai in una fabbrica di sigari cubani (ca. 1900-1910). Dato che molti dipendenti della fabbrica erano analfabeti venivano assunte delle persone per leggere romanzi, poesie, opere di saggistica e giornali

#29 Jakob Nacken (221 cm) è il soldato nazista più alto che abbia mai chiacchierato con il caporale canadese Bob Roberts (160 cm), dopo essersi arreso a quest’ultimo vicino a Calais, Francia, nel settembre del 1944

#32 La diciottenne Keshia Thomas protegge un uomo caduto, che si ritiene sia associato al Klu Klux Klan, da una folla inferocita di manifestanti anti-klan. Ann Arbor, Michigan, Stati Uniti. 1996 . Foto di Mark Brunner

#33 Un’infermiera con un bambino malato durante l’epidemia di vaiolo, Wrocław, Polonia, 1963

#35 Fuoco e furia: i B-25 volano oltre il Vesuvio, in Italia, mentre il vulcano vomita lava e cenere

26 persone persero la vita a causa dei crolli dei tetti nella zona interessata dalla ricaduta di ceneri, e oltre 12000 persone furono costrette a lasciare le loro case. I paesi più danneggiati furono Terzigno, Pompei, Scafati, Angri, Nocera, Poggiomarino e Cava.

    #37 Ritratto dell’esploratore artico Peter Freuchen e sua moglie, l’illustratrice di moda Dagmar Cohn, 1947

    #41 I cittadini sovietici guardano il “muro del dolore”, onorando le centinaia di migliaia di persone uccise dallo stalinismo. Nel 1988, il governo sovietico permise che le informazioni sulle vittime della grande epurazione di Stalin diventassero pubbliche

    #42 Un agente di polizia protegge un membro del Ku Klux Klan, dopo che una folla ha circondato gli uomini del klan ad Austin, in Texas, 1983

    #43 La “mosca umana” George Willig scala l’esterno della torre sud del World Trade Center nel 1977. Dopo avere completato la scalata in 3,5 ore, fu arrestato in cima e multato di 1,10 $ dalla città

    #47 Una donna francese accoglie un soldato americano due giorni dopo la liberazione. Strasburgo, Francia, 22 novembre 1944

    #48 Ruth Lee, hostess in un ristorante cinese, porta una bandiera cinese in modo da non essere scambiata per una giapponese quando prende il sole nei suoi giorni liberi a Miami. 15 dicembre 1941

    Se ti piacciono i nostri articoli, segui Keblog su Google News!

    What do you think?

    Ora Tocca a Te, Commenta!

    Lascia un commento