Segui Keblog su Facebook:

Chi è abbastanza in là con gli anni da aver usato una macchina fotografica a pellicola sa quanto era difficile allora scattare la foto perfetta. Soprattutto perché, una volta scattata, la foto era quella, punto. Non era possibile manipolarla digitalmente con Photoshop e gli altri software di foto editing che abbiamo a disposizione oggi. Allora si vedevano occhi rossi o chiusi, espressioni del viso poco lusinghiere o capelli disordinati. Ma anche con l’avvento dei primi telefonini che facevano foto, i risultati erano piuttosto deludenti. Ora dai un’occhiata ad Instagram: foto perfette! E non è solo merito della tecnologia ma anche delle continue fonti di ispirazione che ci stimolano. Oggi, la fotografia non serve più soltanto a conservare i ricordi, ma a creare uno stile, un’immagine (nel senso più ampio del termine).

I social media sono pieni di foto perfette e accattivanti. A volte, dietro una foto, c’è un fotografo professionista o addirittura tutta una squadra (fotografo, truccatore, stilista, ecc), ma spesso, dietro una foto, c’è semplicemente creatività e ingegno. Molti fotografi ci hanno già svelato i dietro le quinte dei loro scatti perfetti, come la fotografa Calob Castellon, oppure ci hanno mostrato che spesso basta ristringere il campo, come Chompoo Baritone, dimostrando così che la maggior parte di noi può, con risorse minime e persino nei luoghi più inaspettati, ottenere delle foto perfette.

Ma nell’era della visibilità e della costante caccia all’attenzione e ai “Mi piace” sui social media, perché svelare a tutti ciò che rende le tue foto così impeccabili? Ci risponde implicitamente il fotografo messicano Omah, che ha raggiunto l’onorevole cifra di 100mila follower, desiderosi di scoprire come migliorare la loro presenza su Instagram. Anche se Omah è un fotografo professionista, la verità che rivela con le sue foto è assolutamente interessante perché ci fa capire che è possibile scattare (o, meglio, creare) una foto straordinaria su Instagram usando la creatività e un pizzico di Photoshop. Scoprirai così che puoi scattare le tue foto migliori in un bagno pubblico, in un parcheggio o, un vero classico, davanti a uno schermo.

Dai un’occhiata a questa illuminante serie di dietro le quinte di Omah per scoprire alcuni dei suoi trucchi e segreti per creare una perfetta foto per Instagram.

Altre info: Instagram | Facebook

1

Dietro le quinte delle perfette foto di Instagram, Omah

2

Dietro le quinte delle perfette foto di Instagram, Omah

3

Dietro le quinte delle perfette foto di Instagram, Omah

4

Dietro le quinte delle perfette foto di Instagram, Omah

5

Dietro le quinte delle perfette foto di Instagram, Omah

6

Dietro le quinte delle perfette foto di Instagram, Omah

7

Dietro le quinte delle perfette foto di Instagram, Omah

8

Dietro le quinte delle perfette foto di Instagram, Omah

9

Dietro le quinte delle perfette foto di Instagram, Omah

10

Dietro le quinte delle perfette foto di Instagram, Omah

11

Dietro le quinte delle perfette foto di Instagram, Omah

12

Dietro le quinte delle perfette foto di Instagram, Omah

13

Dietro le quinte delle perfette foto di Instagram, Omah

14

Dietro le quinte delle perfette foto di Instagram, Omah

15

Dietro le quinte delle perfette foto di Instagram, Omah

16

Dietro le quinte delle perfette foto di Instagram, Omah

17

Dietro le quinte delle perfette foto di Instagram, Omah

18

Dietro le quinte delle perfette foto di Instagram, Omah

19

Dietro le quinte delle perfette foto di Instagram, Omah

20

Dietro le quinte delle perfette foto di Instagram, Omah

21

Dietro le quinte delle perfette foto di Instagram, Omah

22

Dietro le quinte delle perfette foto di Instagram, Omah

23

Dietro le quinte delle perfette foto di Instagram, Omah

24

Dietro le quinte delle perfette foto di Instagram, Omah

25

Dietro le quinte delle perfette foto di Instagram, Omah

26

Dietro le quinte delle perfette foto di Instagram, Omah

27

Dietro le quinte delle perfette foto di Instagram, Omah

28

Dietro le quinte delle perfette foto di Instagram, Omah

Altrove sul Web

Che ne pensi?

Tag