Segui Keblog su Facebook:

L’Unione Europea (UE) e il Programma Alimentare Mondiale delle Nazioni Unite (WFP) hanno collaborato con diversi illustratori di libri per bambini, provenienti da tutta l’UE, per raffigurare l’importanza degli oggetti quotidiani nel dare speranza, sicurezza e comfort ai bambini rifugiati, strappati via dalle loro case e dalla normalità.

Questi illustratori europei, che conoscono i bambini e sanno visualizzare il mondo dal punto di vista dei piccoli, si sono riuniti per mostrare come oggetti apparentemente banali significano molto di più per un bambino rifugiato di quanto immaginiamo.

Da un orsacchiotto a un libro di storia, da uno spazzolino da denti a un paio di scarpe, questi oggetti rappresentano un qualcosa che i bambini possono sentire come appartenenti a loro, una fuga dalla realtà. Questi oggetti confortano i bambini con il loro sapore familiare e danno loro la speranza e l’emozione che ogni bambino merita.

Altre info: Leanne Coombes

1. Natalie Smilie, Irlanda del Nord

illustrazioni-bambini-profughi-ue-Rubber-Duck-Natalie-Smillie-Northern-Ireland

Questo disegno di Natalie Smilie, illustratrice di libri per bambini dell’Irlanda del Nord, si concentra su un singolo giocattolo da bagno, un’anatra di gomma, che funge da via di fuga verso un paradiso subacqueo.

2. Lieke van der Vorst, Paesi Bassi

illustrazioni-bambini-profughi-ue-Pyjamas-Lieke-van-der-Vorst-the-Netherlands

La stampa su questo pigiama ricorda ad una ragazzina i bei momenti trascorsi con il suo piccolo animale che ha dovuto lasciarsi dietro durante la fuga, e dal quale non vede l’ora di tornare un giorno. Il disegno è di Lieke van der Vorst, dei Paesi Bassi.

3. Kristof Devos, Belgio

illustrazioni-bambini-profughi-ue-Toothbrush-Kristof-Devos-Belgium

Il belga Kristof Devos, autore e illustratore di “Dit is Miep”, raffigura il valore della routine. Pone l’accento sull’importanza di uno spazzolino per i denti, che regala ai bambini rifugiati un sapore di normalità. Kristof ci porta nell’immaginazione di un bambino rifugiato e ci mostra come quello spazzolino da denti fornisce alla bambina un’esperienza magica.

4. Kristyna Litten, UK

illustrazioni-bambini-profughi-ue-Skipping-Rope-Kristyna-Litten-UK-

Kristyna Litten, un’autrice e illustratrice che vive nel Regno Unito ma con le radici nell’Europa dell’Est, ci guida attraverso il comfort delle routine mattutine e serali dei bambini rifugiati. Questa routine viene raffigurata illustrando i pasti quotidiani e la gioia di giocare con gli amici.

5. Hanneke Supply, Belgio

illustrazioni-bambini-profughi-ue-Bedtime-Story-Hanneke-Supply-Belgium

L’illustratrice belga Hanneke Supply sottolinea l’importanza della routine serale per un bambino. Questa immagine raffigura la semplicità di una storia della buonanotte, un momento importante per la famiglia.

6. Mariajose Gajate Molina, Spagna

illustrazioni-bambini-profughi-ue-Football-Mariajose-Gajate-Molina-Spain

L’illustratrice spagnola Mariajose Gajate Molina si concentra sull’importanza della comunità e dello spirito di squadra che si possono trovare in una semplice partita a calcio. Questo perché i bambini crescono meglio in ambienti interattivi e l’illustrazione di Mariajose mostra come un oggetto così semplice come un pallone possa avere un effetto così profondo sul loro benessere.

7. Marika Pegoraro, Italia

illustrazioni-bambini-profughi-ue-Toy-Car-Marika-Pegoraro-Italy

L’illustratrice italiana Marika Pegoraro ci mostra la gioia che una semplice auto giocattolo può regalare, anche attraverso gli alti e bassi della vita.

8. Aleksei Bitskoff, Estonia

illustrazioni-bambini-profughi-ue-Book-2-Aleksei-Bitskoff-Estonia- illustrazioni-bambini-profughi-ue-Book-Aleksei-Bitskoff-Estonia-

L’illustratore estone Aleksei Bitskoff ci mostra come i bambini si affezionano agli oggetti che conoscono e amano. Questi oggetti sono delle necessità che per un bambino dovrebbero essere sempre soddisfatte.

La gioia e l’entusiasmo negli occhi di questi bambini mostrano l’effetto che dei semplici oggetti possono avere sulla loro immaginazione, grazie all’aiuto dell’UE.

Questo articolo ci è stato inviato tramite il nostro form.

Autore

Che ne pensi?

Tag