La mia casa, il non mio gatto (32/49)

Nel febbraio 2019, abbiamo visto dalla telecamera di casa una cosa arancione che mangiava dalla ciotola per i gatti randagi. *inizio foto in alto a sinistra*
Ho postato una foto sull’app Nextdoor per cercare i proprietari. Nessuna risposta per circa due settimane, allora ho continuato a pubblicare foto tutti i giorni. Per farla breve, alla fine ho trovato la sua proprietaria che ha detto “sì, quello è il mio gatto”. Ma Sam continuava a gironzolare per casa nostra giorno dopo giorno… saliva nella mia macchina e si sdraiava sullo zerbino per aspettare il nostro arrivo.
Alla fine l’ho fatto entrare. Lo abbiamo chiamato Cinnamon. E amava la sua nuova casa. Ho chiamato la proprietaria e ha detto “ha scelto te”.
Giocava e dormiva con gli altri nostri animali.
Pubblicavo divertenti storie su di lui su Instagram e Facebook.
A novembre si è ammalato, così ho chiamato la sua proprietaria e gli ho detto “Sam sta male … Volevo solo che tu lo sapessi”.
Io e mio marito l’abbiamo portato dal veterinario, e gli ha dato pochi giorni di vita … così abbiamo dato un’occhiata alla sua lista dei desideri 1. Mangiare tonno, 2. Sedersi alla finestra soleggiata sul top della cucina proibito, e infine 3. Sdraiarsi fuori sotto il grande albero dove gli abbiamo portato leccornie e ciotole di acqua fresca.
Cinnamon / Sam è durato una settimana – insufficienza renale.
A volte, “la mia casa, il non mio gatto” … non è quello che sembra. Mi manca ancora quello stupido scroccone. *Fine foto in basso a destra* Novembre 2019. L’amore non ha potuto salvarlo.

Se ti piacciono i nostri articoli, segui Keblog su Google News!

What do you think?

1k Punti
Mi Piace

Tocca a te, lascia un commento!

Lascia un commento

Un commento