in ,

Il National Park Service chiede ai visitatori di smettere di leccare questi rospi

Segui Keblog su Facebook:

Spesso, le autorità dei parchi naturali vietano ai visitatori di dare da mangiare agli animali selvatici, per la sicurezza degli animali stessi. Ma il National Park Service, l’agenzia federale statunitense che si occupa della gestione dei parchi nazionali, ha dovuto pubblicare un insolito avviso, esortando i visitatori a smettere di leccare i rospi.

Il National Park Service ha pubblicato un avviso in cui esorta i visitatori a smettere di leccare questi rospi

Rospo del deserto di Sonora, incilius alvarius, rospo allucinogenoImmagine: Wikipedia

“Come diciamo per la maggior parte delle cose che incontrate in un parco nazionale, che si tratti di una lumaca banana, di un fungo sconosciuto o di un grosso rospo con occhi luminosi nel cuore della notte, per favore astenersi dal leccare”, ha scritto l’agenzia.

L’avvertimento pubblicato su Facebook fa riferimento al rospo del deserto di Sonora, l’incilius alvarius, conosciuto anche come il rospo del fiume Colorado.

“Questi rospi hanno ghiandole parotoidi prominenti che secernono una potente tossina”, ha scritto l’agenzia. “Può farvi star male se toccate la rana o la tossina vi va in bocca.”

A quanto pare, c’è un particolare motivo per cui molte persone cercano un incontro così intimo con questo animaletto…

Rospo del deserto di Sonora, incilius alvarius, rospo allucinogenoImmagine: Wikipedia

Ma perché qualcuno dovrebbe voler leccare un rospo? Voglio dire, potrebbe esserci chi, nella speranza di assistere a qualche tipo di trasformazione, vorrebbe dargli un bacino. Ma leccarlo sembra un tantino “spinto”. Ebbene, la risposta è semplice: una sostanza allucinogena chiamata 5-MeO-DMT.

Sebbene le secrezioni di questo rospo possa far “sballare”, il National Capital Poison Center osserva che può anche “causare gravi irritazioni, dolore e danni ai tessuti”. Una o due leccate possono causare un “intorpidimento della bocca e della gola, nonché effetti sul cuore che possono essere mortali”.

L’agenzia elenca anche gli effetti nocivi alla salute, tra cui aritmia, blocco cardiaco, riduzione della pressione sanguigna e arresto cardiaco. Un fatto che dovrebbe allarmare le persone che si trovano a tu per tu con uno di questi animaletti è che gli effetti nocivi possono verificarsi anche in seguito all’assorbimento della tossina attraverso la pelle.

… l’incilius alvarius secerne una sostanza allucinogena

Rospo del deserto di Sonora, incilius alvarius, rospo allucinogeno

Immagine: Wikipedia

Molti estimatori di questi rospi, in realtà, non li leccano ma ne fumano le secrezioni, come ha fatto in passato Mike Tyson. Il rospo è ora considerato in pericolo di estinzione nel New Mexico, la causa è in parte da ricercarsi nell'”eccessiva raccolta” da parte di persone che cercano quelle secrezioni che alterano la mente.

Questo rospo è lungo circa 18 cm, il che lo rende uno dei più grandi negli USA, ed emette un verso debole e grave, della durata di meno di un secondo.

L’agenzia ha anche condiviso su Facebook un’immagine del rospo che “fissa la tua anima”, catturata da una telecamera con sensore di movimento all’Organ Pipe Cactus National Monument in Arizona.

Quindi anche noi vi imploriamo: non leccatelo

Rospo del deserto di Sonora, incilius alvarius, rospo allucinogenoImmagine: National Park Service

Se ti piacciono i nostri articoli, segui Keblog su Google News!

What do you think?

10 Punti
Mi Piace

Keblogger: Roberto Massimi

Appassionato di innovazioni tecnologiche creative e fotografia.

Tocca a te, lascia un commento!

Lascia un commento