La misteriosa storia della celebre “Venere di Milo”

    La misteriosa storia della celebre Venere di Milo
    Segui Keblog su Facebook:

    Dall’alto della sua postazione all’interno del Museo del Louvre, la “Venere di Milo” affascina milioni di visitatori ogni anno.

    La celebre scultura di marmo, che è una delle più famose al mondo, con un altezza di 2,02 metri, si presenta nelle sue fattezze ben riconoscibili, priva di alcune parti che ne aumentano ulteriormente il fascino.

    Dissotterrata nel 19° secolo, la dea scolpita rimane avvolta parzialmente nel mistero, anche se archeologi e storici dell’arte sono riusciti a ricostruire la storia della sua possibile provenienza.

    Storia Venere Di Milo

    Che cos’è la Venere di Milo?

    La Venere di Milo è una scultura di marmo attribuita presumibilmente ad Alexandros di Antiochia e realizzata nel tardo II secolo aC.

    Conosciuta anche come Afrodite di Milos, la scultura riproduce le fattezze di una donna seminuda, realizzata in due blocchi di marmo e diverse parti scolpite separatamente, secondo il Louvre.

    Storia Venere Di Milo Diego Delso via Wikimedia Commons

    Si ritiene inoltre che la scultura originariamente fosse dipinta e ornata di gioielli, anche se il marmo non presenta tracce di pigmenti o metalli.

    Storia Venere Di Milo Jastrow via Wikimedia Commons

    Storia Venere Di Milo Jastrow via Wikimedia Commons

    Storia Venere Di Milo Heeyon Kim via Wikimedia Commons

    Storia Venere Di Milo Bradley Weber via Wikimedia Commons

    Grazie al suo corpo sinuoso e alla sua nudità è stata ritenuta essere la dea dell’amore ma potrebbe anche rappresentare la dea del mare Anfitrite, che aveva un significato particolare per l’isola dove è stata rinvenuta la statua.

    Venere dea dell’amore

    Storia Venere Di Milo Stephen Haynes via Wikimedia Commons

    Anfitrite dea del mare

    Storia Venere Di Milo Stefano Bolognini via Wikimedia Commons

    Ma com’è avvenuta la scoperta della Venere di Milo?

    Altrove sul Web

    Che ne pensi?

    Tag