Segui Keblog su Facebook:

Natura e uomo sono strettamente connessi dalla loro anima, mentre la loro materia si scompone in una struttura evanescente, mutevole. Viceversa, il tempo assorbe e rinnova ogni cosa mentre lo spazio stabilisce il destino. adesso, con la fotografia, voglio raccontare il mio modo di unire corpo e anima, rendendo tutto alla armonia della vita. Ho scattato queste foto in Sicilia, tra i boschi, alla ricerca di forme contorte, intricate nella natura delle piante. Mi sono immerso dentro cave artificiali, con millenni di storia scolpiti nella roccia, per rivivere l’atmosfera dei luoghi nel tempo. Ho attraversato grandi campi coltivati e in essi sono cresciuto di sostanza.

Anche tra gli antichi ruderi delle campagne, scovati spesso tra i rovi, mi sono sentito appartenente a quel grande flusso della vita che si trasforma, mentre le tracce del passato mi raccontavano dei loro giorni migliori. Ma nei luoghi abbandonati, prima creati, ho percepito la vera essenza del tempo, dalla prepotenza dell’uomo alla predominanza della natura che avvolge e muta ogni cosa. Di tutto questo vortice di sensazioni ne ho assorbito lo spazio e ho riempito i vuoti con il mio passaggio, ma l’esperienza più grande è sempre quella del mare, dove ogni volta è sempre un coinvolgimento intimo, profondo. È proprio esso che stabilisce il contatto, l’unica vera emozione che ti fa sentire ancora una volta più vivo e fluente come il suo muoversi nello spazio.

A volte, quando si vorrebbe fermare il tempo per poter decidere dove andare, basterebbe solo seguire la propria ombra per comprendere quanto siamo già connessi al proprio destino. Esso è puro contatto con quello che ci circonda e quando ce ne accorgiamo diventiamo un’ombra bianca, il passaggio da uno stato a un altro.

Altre info: Instagram | Facebook

White shadow, fotografia di Alfredo Ingraldo

White shadow, fotografia di Alfredo Ingraldo

White shadow, fotografia di Alfredo Ingraldo

White shadow, fotografia di Alfredo Ingraldo

White shadow, fotografia di Alfredo Ingraldo

White shadow, fotografia di Alfredo Ingraldo

White shadow, fotografia di Alfredo Ingraldo

White shadow, fotografia di Alfredo Ingraldo

White shadow, fotografia di Alfredo Ingraldo

White shadow, fotografia di Alfredo Ingraldo

White shadow, fotografia di Alfredo Ingraldo

Questo articolo ci è stato inviato tramite il nostro form.

Autore

Salve, mi chiamo Alfredo (Dino) Ingraldo, ho 43 anni e vivo a Palazzolo Acreide (SR) italy Da circa 4 anni pratico (da autodidatta) fotografia amatoriale e dedico gran parte del mio tempo a migliorare la tecnica e costruirmi uno stile personale. Ho in attivo due pagine social per far conoscere il mio stile: www.facebook.com/ingraldo.art e www.instagram.com/ingraldo.art in esse mi presento e mi descrivo con: "costruisco immagini" - utilizzo la macchina fotografica per realizzare visioni personali - e "fotografia sperimentale e immagini in movimento" -sperimento con macchina fotografica e post-produzione, per creare immagini che rendano l'impressione di muoversi al loro interno.- il progetto fotografico che vi presento si chiama "white shadow" l'intersecazione tra anima umana e l'evoluzione della natura

Che ne pensi?

Tag