in ,

15 cani e gatti che erano probabilmente umani in una vita precedente

Segui Keblog su Facebook:

Spesso tendiamo ad umanizzare gli animali, notando (o credendo di notare) tratti somatici, del carattere o del comportamento simili a quelli degli umani. A volte, ad esempio, i cani si siedono come persone, gli uccelli dormono sdraiati (dimenticando che dovrebbero dormire appollaiati) e i gatti sembrano imitare il nostro tono della voce.

Guarda questa galleria di animali che potrebbero essere benissimo delle persone, e metti “mi piace” sotto le tue preferite. E se hai una foto del tuo animale mentre fa qualcosa di “umano”, aggiungila nell’articolo tramite il pulsante che trovi in fondo!


L’attribuire emozioni, caratteristiche e intelligenza umane agli animali è nota come antropomorfismo. Parte dell’antropomorfismo è anche la creazione di immagini di animali conferendo loro caratteristiche simili a quelle degli umani, sia fisiche (come gli occhi arrotondati o facendo indossare loro degli abiti) che emotive (facendo loro provare sentimenti come felicità, rabbia o tristezza). Questo perché più percepiamo l’animale come “umano”, più facile sarà per noi relazionarci con esso e provare un senso di empatia.

L’empatia generata dall’antropomorfismo è essenziale per favorire l’interesse per gli animali e le specie, e se proiettare il nostro mondo percettivo sugli animali aiuta le persone a prendersi cura di loro e proteggerli, perché no? L’importante è rispettarli.

Gli scienziati sono stati per molto tempo diffidenti nei confronti dell’antropomorfismo perché è stato visto come fonte di ipotesi non scientifiche sul comportamento degli animali. Ma molti studiosi ora lo vedono come una sorta di teoria popolare sulle somiglianze tra gli esseri umani e tutte le altre specie. Questi modi popolari di relazionarsi con il mondo naturale sono potenti, e secondo alcuni ricercatori dovremmo cercare di capirli.

#15 A questo cane mancavano così tanto i suoi proprietari che si è tolto il guinzaglio ed è andato in un negozio a cercarli. Purtroppo, una guardia non lo ha fatto entrare, quindi il cane è semplicemente tornato al suo posto e ha continuato ad aspettare

Aggiungi un'immagine

This field is required

Trascina qui le immagini

You don't have javascript enabled. Media upload is not possible.

Immagine da URL

Dimensione massima file: 8 MB.

Processing...

What do you think?

Keblogger: Francesca Proietti

Appassionata di animali, fotografia, artigianato e viaggi, nonché keblogger sfegatata!

Ora Tocca a Te, Commenta!

Lascia un commento