in ,

Quartiere va in strada per ringraziare l’autista corriere che lavora in piena pandemia e lui piange

Segui Keblog su Facebook:

Anthony Gaskin è un autista UPS che lavora in una cittadina della Virginia e che, mentre tutti restavano a casa per evitare di essere infettati dal coronavirus COVID-19, si è avventurato per le strade in piena pandemia riuscendo a consegnare centinaia spedizioni.

Patty Friedman, una residente del quartiere di Hallsley, si è trasferita nella zona proprio durante la pandemia e ha raccontato come Anthony le ha dato il benvenuto, facendola sentire subito a casa con i suoi modi gentili e amichevoli. Così, per ringraziare l’autista del suo duro lavoro, Patty ha avuto l’idea di coinvolgere, insieme ad un altro vicino, tutto il quartiere per mostrare gratitudine e apprezzamento ad Anthony.

Quartiere va in strada per ringraziare l’autista corriere che lavora in piena pandemia e lui piange, Anthony GaskinImmagine: Lexi Hanrahan

Quartiere va in strada per ringraziare l’autista corriere che lavora in piena pandemia e lui piange, Anthony Gaskin













Immagine: Lexi Hanrahan

Parlando con gli altri abitanti del quartiere, Patty si è resa conto di non essere la sola a pensarla in quel modo, e così in centinaia si sono dati appuntamento in strada. C’era chi è arrivato in bici, a piedi o in macchina, tutti in fila ai lati della strada, anche con cartelli che esprimevano affetto per il lavoratore.

Quartiere va in strada per ringraziare l’autista corriere che lavora in piena pandemia e lui piange, Anthony GaskinImmagine: Lexi Hanrahan

Non appena Anthony ha svoltato l’angolo imboccando la strada, i residenti lo hanno chiamato per nome, sventolando i loro cartelli e suonando campanelli e clacson. L’autista non si aspettava una simile manifestazione di affetto e, sopraffatto, è scoppiato in lacrime.

Quartiere va in strada per ringraziare l’autista corriere che lavora in piena pandemia e lui piange, Anthony GaskinImmagine: Lexi Hanrahan

Quartiere va in strada per ringraziare l’autista corriere che lavora in piena pandemia e lui piange, Anthony Gaskin

Patty ha raccontato di aver dovuto indurre Anthony a percorrere quella strada con una scusa, ma alla fine ne è valsa la pena per tutti. Non solo, ma alla fine anche i capi dell’autista gli hanno offerto un regalo.

Quartiere va in strada per ringraziare l’autista corriere che lavora in piena pandemia e lui piange, Anthony GaskinImmagine: Lexi Hanrahan

Uno dei residenti racconta come Anthony consegna sempre i suoi pacchi con un saluto e il sorriso in faccia: “A volte è l’unico viso del mondo esterno che vediamo durante il giorno. Apprezziamo il suo duro lavoro e la sua dedizione durante la pandemia, consegnando cibo, provviste e persino regali per le feste a una famiglia ad alto rischio”.

Quartiere va in strada per ringraziare l’autista corriere che lavora in piena pandemia e lui piange, Anthony GaskinImmagine: Lexi Hanrahan

Un altro vicino ha raccontato che Anthony ha aiutato la loro figlia di sei anni a mantenere un filo di collegamento con i suoi nonni che non vede da circa un anno. Molti dei pacchi che consegnava alla famiglia provenivano da loro, e la gioia che portavano ha reso il lockdown molto meno pesante.

Quartiere va in strada per ringraziare l’autista corriere che lavora in piena pandemia e lui piange, Anthony GaskinImmagine: Lexi Hanrahan

Quartiere va in strada per ringraziare l’autista corriere che lavora in piena pandemia e lui piange, Anthony GaskinImmagine: Lexi Hanrahan

L’autista ha ringraziato il quartiere per la gentilezza, mentre si asciugava le lacrime, e ha aggiunto qualche parola prima di risalire sul suo furgone e rimettersi al lavoro. Un altro episodio da aggiungere alle storie belle ai tempi del coronavirus.

Quartiere va in strada per ringraziare l’autista corriere che lavora in piena pandemia e lui piange, Anthony GaskinImmagine: Patty Friedman

Se ti piacciono i nostri articoli, segui Keblog su Google News!

What do you think?

7 Punti
Mi Piace

Keblogger: Francesca Proietti

Appassionata di animali, fotografia, artigianato e viaggi, nonché keblogger sfegatata!

Lascia un commento