in ,

Niente più carne di cani e gatti, Shenzhen la prima città cinese a vietarne il consumo

Segui Keblog su Facebook:

La città di Shenzhen è diventata la prima della Cina continentale a rendere illegali il consumo e la produzione di carne di cane e gatto. La nuova legge pone anche restrizioni sul commercio di specie animali selvatiche. La normativa entrerà in vigore il 1° maggio e pone uno stop permanente ai mercati della fauna selvatica e al consumo, alla vendita e all’allevamento di animali selvatici come serpenti e lucertole. I trasgressori possono essere multati fino a 150.000 yuan, circa 20.000 euro. Al momento, in consumo di animali “da compagnia” come cani e gatti è consentito.

Altre info: Shenzhen Government Online

La città di Shenzhen, in Cina, è la prima a vietare il consumo di carne di cane e gatto

Niente più carne di cani e gatti, Shenzhen la prima città cinese a vietarne il consumoImmagine: actasia

“Cani e gatti hanno stabilito una relazione molto più stretta con gli umani rispetto a tutti gli altri animali, e vietare il consumo di cani, gatti e altri animali domestici è una pratica comune nei paesi sviluppati e a Hong Kong e Taiwan”, ha dichiarato il comune della città di Shenzhen.

Ora Shenzhen proibirà il consumo di animali selvatici protetti dallo stato e di altri animali selvatici terrestri prelevati dalla natura o allevati in cattività. Gli animali che possono essere consumati includono maiali, bovini, pecore, asini, conigli, polli, anatre, oche, piccioni, quaglie, nonché animali acquatici che non sono vietati da altre leggi o regolamenti.

La legge entrerà in vigore il 1° Maggio

Niente più carne di cani e gatti, Shenzhen la prima città cinese a vietarne il consumo

Immagine: aisan.1122

Si ritiene che l’epidemia di coronavirus sia iniziata in un mercato di animali selvatici nella città cinese di Wuhan, e le autorità hanno ammesso di dover tenere sotto controllo il commercio della fauna selvatica se si vuole prevenire un altro focolaio di epidemia.
Tuttavia, terminare il commercio sarà difficile. Le radici culturali alla base del consumo di animali selvatici in Cina sono profonde, non solo per il cibo ma anche per la medicina tradizionale.

Niente più carne di cani e gatti, Shenzhen la prima città cinese a vietarne il consumoImmagine: richieb1_

Questa non è la prima volta che i politici cinesi hanno cercato di contenere il commercio di animali. Nel 2003, gli zibetti, creature simili alle manguste, furono messi al bando e abbattuti in gran numero dopo che fu scoperto che erano stati probabilmente veicolo di trasmissione del virus SARS sull’uomo. Anche la vendita di serpenti venne brevemente vietata a Guangzhou dopo lo scoppio della SARS.

What do you think?

Altrove sul Web

Che ne Pensi?

Lascia un commento