Segui Keblog su Facebook:

Sette mesi fa, i ricercatori hanno scoperto un puledro di 42.000 anni trovato perfettamente conservato nel gelo siberiano. Questa scoperta era stata abbastanza sbalorditiva, ma ora gli scienziati russi e sudcoreani hanno estratto il sangue liquido dall’animale preistorico.

Al completamento dell’autopsia, il direttore del Mammoth Museum di Yakutsk, il dott. Semyon Grigoryev, ha rivelato che il puledro dell’era glaciale era in condizioni eccezionali.

Fossile Cavallo Pleistocene Siberia

Trovare l’animale integro, anche con la sua criniera conservata, era già notevole, ma gli scienziati hanno ora esplorato l’interno dell’animale e trovato un ambiente altrettanto incontaminato. L’aspetto forse più incredibile è che il sangue liquido, di 42.000 anni, fa è stato estratto con successo dall’animale.

Fossile Cavallo Pleistocene Siberia Il puledro è stato trovato nel cratere Batagaika

Fossile Cavallo Pleistocene Siberia

“I campioni di sangue liquido sono stati prelevati dai vasi cardiaci. Il sangue si è conservato allo stato liquido per 42.000 anni grazie alle condizioni di sepoltura favorevoli e al permafrost”, ha spiegato il dott. Grigoryev. “I tessuti muscolari hanno conservato il loro naturale colore rossastro”.

Fossile Cavallo Pleistocene Siberia

Fossile Cavallo Pleistocene Siberia

“Ora possiamo affermare che questo è l’animale glaciale meglio conservato mai trovato. È un fatto estremamente raro da un punto di vista paleontologico, perché molti dei reperti trovati finora sono incompleti, frammentati, con gravi deformazioni del corpo o fortemente mummificati”, ha spiegato. “I peli del puledro sono intatti sulla sua testa, sulle gambe e su parte del corpo. La coda e la criniera sono nere, il resto del corpo del puledro è marrone”.

L’analisi di questa notevole scoperta è stata condotta dagli scienziati russi dell’Università Federale Nord-Orientale di Yakutsk e da esperti sudcoreani della Sooam Biotech Research Foundation.

Fossile Cavallo Pleistocene Siberia

“Anche il fatto di avere tutti i peli sostanzialmente intatti è una straordinaria scoperta scientifica perché tutti i precedenti cavalli antichi sono stati trovati senza peli”, ha detto lo scienziato. “I nostri studi mostrano che, al momento della morte, il puledro aveva un’età compresa tra 1 e 2 settimane, quindi era appena nato”.

Fossile Cavallo Pleistocene Siberia

“L’animale è probabilmente annegato nel fango che si è successivamente congelato, trasformandosi in permafrost. All’interno del tratto gastrointestinale dell’animale sono state trovate considerevoli quantità di fango e limo, probabilmente ingeriti negli ultimi istanti della sua vita”.

Fossile Cavallo Pleistocene Siberia

Grazie all’estrazione di sangue liquido perfettamente conservato, ora gli scienziati mirano a clonare l’animale, riportandolo in vita. Gli scienziati sono sicuri del successo e questa specie antica potrebbe benissimo ricomparire dopo 42.000 anni.

Fossile Cavallo Pleistocene Siberia

“Speriamo che il mondo possa presto conoscere il clone dell’antico puledro vissuto 42.000 anni fa”, ha dichiarato Michil Yakovlev, direttore dei media aziendali dell’università.

La clonazione degli animali porta a una serie di considerazioni etiche, come la qualità della vita degli animali clonati, forzati a vivere in un ambiente completamente nuovo con diverse condizioni climatiche, flora e fauna. Ma i tentativi di clonazione sono già in corso, vedremo se avranno successo. Tu che ne pensi?

Altrove sul Web

Che ne pensi?

Tag