in , ,

Marito e moglie ucraini in fuga dalla guerra camminano per 17 km con in braccio il loro cane anziano e disabile

Tutti noi faremmo qualsiasi cosa per proteggere le persone che amiamo. E non solo le persone, ma anche i nostri compagni di vita pelosetti. Vi avevamo già mostrato come chi fugge dalla guerra in Ucraina cerca di mettere in salvo i propri animali domestici. Ora, una donna è diventata famosa su internet, suo malgrado, per l’incredibile amore che ha dimostrato per il suo cane. Tutto grazie ad una foto che ha scattato al marito che porta in braccio il loro anziano pastore tedesco, verso il confine dell’Ucraina con la Polonia.

Questa foto, scattata da una donna ucraina, ha fatto il giro del mondo

Marito e moglie ucraini in fuga dalla guerra camminano per 17 km con in braccio il loro cane anzianoImmagine: Visegrád 24

La coraggiosa donna, che si chiama Alisa Teptiuk e ha 35 anni, aveva già subito una grave perdita ancor prima dell’inizio dei combattimenti. Il 23 febbraio ha infatti perso suo padre, e il giorno successivo la Russia ha invaso l’Ucraina. Quindi, immersa nel dolore, Alisa ha seppellito il papà, ed è stata costretta a trovare una via di fuga dal paese mentre le forze russe si avvicinavano.

L’immagine mostra il marito della donna, durante la loro fuga dalla guerra, che porta in braccio il loro cane anziano e disabile

Marito e moglie ucraini in fuga dalla guerra camminano per 17 km con in braccio il loro cane anziano

Fortunatamente, Alisa faceva la programmatrice per un’azienda tedesca, ed è stata aiutata dal suo datore di lavoro a raggiungere la Polonia. Così, insieme a suo marito, altri familiari e due cani di grossa taglia, sono saliti su una piccola Peugeot 307 e hanno intrapreso un viaggio di circa 160 km verso il confine. Dopo aver viaggiato per 16 ore, la famiglia si è fermata in un piccolo villaggio; restavano circa 17 km da percorrere prima di poter raggiungere la Polonia.

“Abbiamo deciso di lasciare il villaggio in mattinata, perché anche lì era pericoloso”, ha raccontato Alisa. “Vicino al confine con la Polonia c’erano molte macchine e non potevamo restare in auto per i successivi tre o cinque giorni, quindi abbiamo deciso di percorrere a piedi gli ultimi 17 km fino al confine. Siamo partiti alle 4 del mattino, c’erano meno sette gradi. È stato un viaggio difficile tra montagne e fiumi. I miei bambini piangevano per il freddo. Avrei voluto piangere anch’io, ma non potevo arrendermi… è stata una mia idea andare al confine”.

Sono molti gli ucraini che decidono di mettere in salvo dalla guerra i loro animali domestici

Ucraini in fuga dalla guerra con i loro animali domesticiImmagine: UNICEF Moldova

Presto, anche uno dei suoi cani ha iniziato ad avere difficoltà. Il pastore tedesco di 12 anni, di nome Pulya, faceva fatica a camminare e di tanto in tanto cadeva, senza riuscire a rialzarsi. Mentre passavano davanti alle auto, Alisa li fermava e chiedeva aiuto, ma gli occupanti, con i veicoli già molto carichi, non erano in grado di accoglierli e suggerivano di lasciare andare i cani. Ma questo era impensabile per Alisa e la sua famiglia.

“Non potevamo lasciarla indietro”, dice Alisa. “Pulya è parte della famiglia… è vecchia e ha trascorso la sua vita con noi. L’abbiamo comprata il primo giorno del mio congedo di maternità, aveva quasi quattro mesi. Ha vissuto con noi i momenti più felici e tristi della nostra vita. Ci capisce e ci ama e noi la amiamo moltissimo, e faremo di tutto per prenderci cura di lei e tenerla al sicuro. Nessuno poteva convincerci che Pulya poteva essere lasciata indietro. Non era possibile, non ci abbiamo nemmeno pensato”.

La popolazione ucraina rimasta nel paese porta con sé i propri cani e gatti nei rifugi sotterranei

Ucraini in fuga dalla guerra con i loro animali domesticiImmagine: uanimals.official

Così, Alisa e suo marito si sono alternati a portare in braccio l’animale disabile per tutti i 17 km fino al confine con la Polonia. Un’immagine scattata durante il viaggio è stata poi condivisa sui social media, e da allora è diventata virale. “Ho scattato una foto senza pensarci troppo”, ha detto Alisa. “Penso che volessi solo catturare il momento. Ma ora so quanto sia speciale. Mostra al mondo il nostro amore e la nostra devozione. Siamo solo una famiglia normale che si ama”.

Fortunatamente, Alisa e la sua famiglia sono riusciti ad arrivare ​​al confine sani e salvi, insieme alla loro amata Pulya. Tuttavia, le difficoltà non sono ancora ancora finite per loro. “Molti dei miei amici sono ancora in Ucraina, a Kiev”, spiega. “Alcuni di loro sono a Kharkiv in bunker con bambini piccoli. Non riesco nemmeno a immaginare cosa stiano provando ora”.

Ucraini in fuga dalla guerra con i loro animali domesticiImmagine: Lesia Smykovska

Tra coloro che sono rimasti nel paese dilaniato dalla guerra c’è anche suo marito, Dmytro. Non gli è stato infatti permesso di attraversare il confine a causa dell’ordine di mobilitazione emanato dal presidente Zelensky, che impedisce agli uomini di età compresa tra i 18 e i 60 anni di lasciare il Paese. Così, è tornato al villaggio per aiutare a prendersi cura di sua madre e sua nonna.

Ora, Alisa si trova finalmente in Polonia con il suo cane

Marito e moglie ucraini in fuga dalla guerra camminano per 17 km con in braccio il loro cane anzianoImmagine: GaelleErika Granet

Sebbene Teptiuk sia riuscita a portare in salvo il suo cane e a fuggire con sua sorella, sua madre e i loro figli, la loro vita è ancora afflitta da paura e incertezza. Ma in tutto ciò, è riuscita a raccogliere la forza e il coraggio per andare avanti. “È stato difficile lasciare l’Ucraina”, ha detto. “Prima ho perso mio padre e ora lascio lì mio marito. Mio marito è una parte importante di me, è il mio migliore amico… Il nostro amore sconfinato è ciò che mi dà forza adesso”.

Se ti piacciono i nostri articoli, segui Keblog su Google News!

What do you think?

12 Punti
Mi Piace

Keblogger: Giusy Valente

Mi piace scrivere su diversi argomenti. Amo tutti gli animali e cerco di piacere soprattutto ai miei mici, dato che i gatti domineranno il mondo.

Tocca a te, lascia un commento!

Lascia un commento