Segui Keblog su Facebook:

La creativa artista francese Etienne Lavie ha creato una meravigliosa serie di fotografie che mostrano come sarebbe l’aspetto di alcune grandi città europee se tutte le pubblicità venissero sostituite da dipinti classici. La serie è spiritosamente intitolata “OMG who stole my ads?” (“O mio Dio, chi ha rubato le mie pubblicità?”).

A volte ci capita di vedere delle pubblicità creative, interessanti e ben fatte. Tuttavia, crediamo che molte persone a volte vorrebbero che tutte le pubblicità in giro per la città semplicemente sparissero. E questa sembra essere l’idea che ha ispirato questo spiritoso lavoro di Lavie.

Le due principali città usate dall’artista per il suo esperimento sono Parigi e Milano, città che si trovano in due paesi connessi, sia architettonicamente che storicamente, allo sviluppo dell’arte classica come molti la conoscono. È per questo che, in un certo senso, le moderne pubblicità che ricoprono ogni piccola superficie disponibile di queste due città sono molto più fuori luogo di quelle che popolano, per esempio, New York. Sostituire le moderne e invadenti pubblicità con capolavori dell’arte sembra riportare queste città al loro stato naturale.

Lavie ha creato queste immagini fotografando i luoghi in questione e aggiungendo successivamente i dipinti tramite software, perciò, in realtà, le strade di queste città non sono state in effetti riempite di meravigliose opere d’arte. Ma uno può sognare…


omg-who-stole-my-ads-etienne-lavie-8

omg-who-stole-my-ads-etienne-lavie-6

omg-who-stole-my-ads-etienne-lavie-5

omg-who-stole-my-ads-etienne-lavie-4

omg-who-stole-my-ads-etienne-lavie-2

omg-who-stole-my-ads-etienne-lavie-1

omg-who-stole-my-ads-etienne-lavie-13

omg-who-stole-my-ads-etienne-lavie-11

omg-who-stole-my-ads-etienne-lavie-19

omg-who-stole-my-ads-etienne-lavie-10

omg-who-stole-my-ads-etienne-lavie-9

omg-who-stole-my-ads-etienne-lavie-14

omg-who-stole-my-ads-etienne-lavie-18

omg-who-stole-my-ads-etienne-lavie-16

Fonte: etiennelavie.fr | Twitter (via)

Altrove sul Web

Che ne pensi?

Tag