Segui Keblog su Facebook:

Come cercano le persone di superare il cattivo umore su Facebook? Semplice, vanno alla ricerca di amici che stanno ancora peggio di loro, è quello che suggerisce un nuovo studio.

“In generale, la maggior parte di noi cerca il positivo sui siti di social media,” dice il Dott. Benjamin Johnson, co-autore dello studio e professore assistente presso la VU University di Amsterdam. «Ma se ti senti vulnerabile, tendi a cercare persone su Facebook che stanno avendo una brutta giornata o che non sono così brave a presentare se stesse in maniera positiva, solo per farti sentire meglio. ”

Per il loro studio, i ricercatori hanno detto a 168 studenti universitari che avevano ottenuto un risultato “terribile” o “eccellente” in un test (a prescindere da come gli studenti erano realmente andati) al fine di metterli di buono o cattivo umore. Poi gli studenti sono stati invitati a dare un’occhiata ad un finto sito di social networking chiamato SocialLink.

Agli studenti sono state mostrate varie pagine di profili in questo sito, progettate per rendere le persone nei profili attraenti o poco attraenti (indicato sul profilo con simboli di cuore) e di successo o insuccesso (indicati con segni di dollaro). Non c’era alcuna differenza in termini di contenuti negli aggiornamenti di stato di ogni profilo.

“Quindi l’unica vera differenza tra i profili era il rating di una carriera di successo e di aspetto fisico, indicati dai segni del dollaro e del cuore”, ha detto Johnson nella dichiarazione.

Che cosa hanno scoperto i ricercatori? In generale, gli studenti hanno trascorso la maggior parte del tempo sui profili delle persone che sono state classificate come di successo e attraenti. Ma quando i ricercatori hanno confrontato gli studenti che sono stati messi in un cattivo umore a quelli di buon umore, hanno trovato che gli studenti “tristi” hanno trascorso più tempo sui profili delle persone meno attraenti e meno di successo.

“Se avete bisogno di una spinta e di autostima, andrete a guardare le persone peggio di voi,” ha detto il dott. Silvia Knobloch-Westerwick, co-autore dello studio e professore di comunicazione presso la Ohio State University.

Questa nuova ricerca è stata pubblicata online sulla rivista Computers in Human Behavior il 28 settembre.

Altrove sul Web

Che ne pensi?

Tag