in ,

20 delle migliori foto subacquee dall’Ocean Art Contest 2023

Segui Keblog su Facebook:

Sono pochi quelli che hanno la fortuna di ammirare la bellezza del mondo sottomarino, ma fortunatamente il concorso fotografico “Ocean Art Contest” offre l’opportunità a chiunque di fare un viaggio virtuale nelle profondità dell’oceano. In questo luogo misterioso vivono e si muovono affascinanti creature, e i fotografi subacquei che partecipano alla competizione catturano momenti unici e svelano, grazie alle loro immersioni, un tesoro di meraviglie sottomarine.

Di seguito potrete trovare le foto migliori dell’edizione di quest’anno, date un’occhiata e votate le immagini più memorabili cliccando su “mi piace”!

Altre info: Ocean Art Contest | Facebook | Instagram | Twitter

#1 2° posto nella categoria “Macro”: “Pygmy Poser” di Byron Conroy

Stretto di Lembeh, Indonesia. “Ho fotografato i cavallucci marini pigmei per molti anni. Ci sono alcune sfide nel fotografarli, primo fra tutti il contatto visivo. È molto raro che un esemplare rilassato stabilisca un contatto visivo con la fotocamera. Il cavalluccio marino femmina che ho fotografato era un esemplare giocoso, era incinta e sembrava scoppiare. L'inquadratura che cercavo da molti anni. C’è stato un editing minimo, un po’ di contrasto, una leggera rotazione e un ritaglio minimo: tutto ciò che serviva, il soggetto parla da solo”.

177 Punti
Mi Piace

    #2 Menzione d’onore nella categoria “Marine Life Behavior”: “Giving Birth” di Todd Aki

    Costa orientale delle Sulawesi centrali, Indonesia. “Ho lasciato che mia moglie scegliesse la nostra ultima immersione del viaggio, un'immersione dalla riva senza guida o un'immersione dalla barca. Anche se ama i siti che si possono raggiungere dalla barca, ha scelto l'immersione dalla riva. C'è stata un'esplosione di pesci ago fantasma di vario tipo. Tanti tipi diversi di pesci rana. Ho visto così tanti pesci rana che ho smesso di fotografarli. L'ultima immersione non ci ha deluso. Abbiamo visto tanti tipi diversi di cefalopodi. Ci siamo imbattuti in una zona con uova di calamaro appena deposte a cui stranamente era attaccato un cavalluccio marino. Durante le riprese di questa insolita combinazione, un banco di pesci rasoio si è intromesso nella foto. Eravamo alla fine dell'immersione quando ho notato qualcosa che non aveva senso. Perché c'era un cavalluccio marino nella colonna d'acqua? Quello che è accaduto dopo è stato sbalorditivo. Il cavalluccio marino ha sussultato e ha espulso centinaia di piccoli. Sono così felice che mia moglie abbia potuto vivere questo incontro con me”.

    172 Punti
    Mi Piace

      #3 Menzione d’onore nela categoria “Portrait”: “Belle” di Celia Kujala

      Norris Rocks, Hornby Island, Canada. “Mentre mi immergevo nel mondo sottomarino di Norris Rocks, mi sono preso il tempo per osservare e cercare di comprendere i leoni marini di Steller con l'obiettivo di catturare immagini più significative. Questa immagine è stata catturata quando un bellissimo leone marino si è avvicinato a me e mi ha fissato teneramente negli occhi sciogliendomi il cuore. I leoni marini di Steller sono elencati come quasi a rischio nella lista rossa IUCN. Con questa immagine spero di accendere nelle persone il desiderio di proteggere questi esseri straordinari e la loro casa nell’oceano”.

      169 Punti
      Mi Piace

        #4 2° posto nella categoria “Portrait”: “Octopus Macropus, Polpessa” di Alessandro Raho

        Noli, Mar Ligure, Italia. “Questa foto è stata scattata nel giugno 2023 nel sito di immersione: “Sabbione delle Meraviglie” di fronte a Noli nel Mar Ligure. Ho subito identificato questo cefalopode dal suo caratteristico mantello maculato. Ho incontrato questi animali altre volte, ma solitamente tendono a scappare, tuttavia il comportamento di difesa di questo soggetto era diverso, infatti l'animale ha aperto i suoi tentacoli per apparire più minaccioso sollevandosi dal fondale con 2 tentacoli ed allargando gli altri 6”.

        167 Punti
        Mi Piace

          #5 2° posto nella categoria “Marine Life Behavior: “Mother’s Day” di Josh Raia

          Crystal River, Florida, USA. “Durante i freddi mesi invernali nel nord della Florida, i lamantini dell'India occidentale si riuniscono nelle cristalline acque sorgive naturali per riscaldarsi. Le temperature nei fiumi circostanti possono essere pericolosamente basse, quindi le falde acquifere fungono da rifugi sicuri dove possono riposarsi e allevare i loro piccoli. Le mamme dei lamantini allattano i loro piccoli finché non sono abbastanza forti da muoversi da soli. Nel corso degli anni ho visto quanto sono meravigliosi i genitori, che si prendono cura dei loro piccoli e accorrono ad ogni cenno e richiamo dei cuccioli. Questo cucciolo doveva essere affamato perché ha trascorso gran parte della giornata attaccato alla mamma! Ho anche sentito dire che i piccoli si aggrappano per chiedere un passaggio se sono stanchi per nuotare. I lamantini giovani sono molto curiosi e spesso si avvicinano a te purché tu sia calmo e trovi una distanza rispettabile per osservarli pazientemente. La madre in genere nuota verso di loro e li raccoglie se si avvicinano troppo ai subacquei in acqua. Le sorgenti devono essere un mondo completamente nuovo da esplorare per loro, e sono così grato per l’incontro di quest’anno”.

          166 Punti
          Mi Piace

            #6 2° posto nella categoria “Nudibranchs”: “Cutie Guardian” di Yen-Po Huang

            Tulamben, Indonesia. “Costasiella kuroshimae è uno dei famosi nudibranchi di Tulamben. Ha un visetto carino e bellissime uova in un cerchio perfetto. Ho trascorso due immersioni aspettando che si avvicinasse alle uova. Sembrava che le difendesse. Il guardiano più carino di tutti i nudibranchi”.

            163 Punti
            Mi Piace

              #7 1° posto nella categoria “Portrait”: “Aquatic Primate” di Suliman Alatiqi

              Isole Phi Phi, Tailandia. “Durante il lavoro sul campo alle Isole Phi Phi, Tailandia, durato diverse settimane, ho concentrato i miei sforzi sulla documentazione del comportamento marittimo dei macachi mangiagranchi, con particolare attenzione ai loro foraggi acquatici. I macachi si sono adattati molto bene alla vita in riva al mare e si avventurano in acqua per vari motivi, tra cui il trasporto, il cibo, il raffreddamento e il gioco. Nuotatori altamente efficienti, possono rimanere immersi fino a mezzo minuto e coprire brevi distanze più velocemente della maggior parte degli esseri umani. Questa foto offre un raro scorcio di un macaco maschio che nuota”.

              157 Punti
              Mi Piace

                #8 1° posto nella categoria “Compact Macro”: “Underwater Fireworks” di Imogen Manins

                Penisola di Mornington, Australia. “Nelle acque poco profonde di Naarm (Port Phillip Bay), sparse colonie di Ectopleura crocea sporgono la testa dalla sabbia in acque fredde e poco profonde. Esistono centinaia di individui, ma con un'altezza di soli 4 cm circa è facile ignorare questi minuscoli animali endemici della Grande Barriera Corallina Australe dell'Australia. Ogni individuo qui è maschio o femmina e estende i tentacoli esterni per catturare il plancton che passa. Blairgowrie Pier è un sito riparato, ben noto ai subacquei locali per gli spettacolari colori delle creature. Dopo 90 minuti in acqua a 12°C, le mie dita cominciavano ad intorpidirsi. Di solito esco dal sito dalla piattaforma di immersione, ma questa volta ho iniziato un'uscita dalla riva, notando minuscoli idroidi sul fondo sabbioso. Dopo aver ispezionato diversi gruppi, mi sono imbattuto in questa colonia splendidamente organizzata di "Fuochi d'artificio subacquei". Cercare di non muovere la sabbia è stato impegnativo in questo ambiente. Ho osservato i tentacoli muoversi delicatamente nell’acqua, apportando piccoli aggiustamenti finché non sono stato soddisfatto della composizione”.

                154 Punti
                Mi Piace

                  #9 4° posto nella categoria “Portrait”: “Everything Is A-Ok” di Gabriel Jensen

                  Molo di Lauderdale-by-the-Sea, Florida, USA. “L'estate porta mari calmi nel sud della Florida, dove una comunità dedicata di subacquei esce quasi ogni giorno alla ricerca di creature fantastiche. Sono stato avvisato dai miei amici, Dewalt ed Evelyn, che avevano avvistato questo Synodontidae alle prese con una sfida, i suoi occhi forse più grandi della sua bocca. L' Acanthurus chirurgus comicamente calmo ruba i riflettori, mostrando un notevole meccanismo di difesa con spine pettorali e dorsali divaricate. Di solito, in queste immagini, il Synodontidae è la star dello spettacolo, ma in questo caso ho ruotato l’immagine per enfatizzare il comportamento stoico dell'Acanthurus chirurgus, che ricorda il meme “va tutto bene”.

                  140 Punti
                  Mi Piace

                    #10 3° posto nella categoria “Blackwater”: “Snowy Night” di Jialing Cai

                    Anilao, Batangas, Filippine. “Ho catturato questa immagine durante un'immersione nelle acque nere pochi giorni dopo l'eruzione del vulcano Taal nelle Filippine all'inizio del 2020. Questa femmina di Argonauta fluttuava su un pezzo di legno galleggiante nell'acqua estremamente torbida. L' Argonauta è una delle poche stirpi di polpi che vivono in mare aperto. Le femmine sono uniche nell'aver sviluppato un guscio per deporre le uova. Mentre premevo l'otturatore, le particelle circostanti riflettevano la mia torcia in un modo che creava l'illusione della neve che cadeva. Per la fotografia in acque scure, ci piace posizionare i flash in un angolo e in una posizione in cui la luce può brillare direttamente sul soggetto, garantendo uno sfondo scuro e pulito. Tuttavia, quando inizialmente ho tentato di catturare questo Argonauta, non ero consapevole che i flash fossero posizionati in una posizione “sbagliata”. La luce splendeva sullo spazio tra il soggetto e la mia macchina fotografica, che aveva illuminato la presenza di tutte le particelle circostanti. Queste particelle evocavano un insolito senso di serenità, trasformando la scena in una fiaba ambientata in una notte nevosa. I fotografi di Blackwater sono ossessionati dall'acqua limpida. Siamo attratti dalla pura oscurità che rispecchia il vuoto dello spazio. Tendiamo a dimenticare che le particelle sospese che comprendono i granelli di sabbia, la materia organica e persino minuscoli organismi sono parte integrante dell'ecosistema. Queste particelle passano sempre in secondo piano o vengono semplicemente rimosse attraverso la modifica, ma costituiscono la base della complessa rete alimentare marina. Se l’acqua fosse veramente trasparente, l’oceano non potrebbe sostenere una tale abbondanza di vita. I “fiocchi di neve” in questa scena catturata mi ricordano sempre queste esistenze minuscole ma onnipresenti”.

                    139 Punti
                    Mi Piace

                      #11 2° posto nella categoria Coldwater: “Pup Playtime” di Celia Kujala

                      Lobster Shack, Isole Coronado, Messico. “I leoni marini della California nascono all'inizio dell'estate nelle Isole Coronado. Il gioco è molto importante nel loro sviluppo. Nel tardo autunno sono diventati molto sicuri nell'acqua e spesso possono essere visti giocare a combattere tra loro. Ho visto questi due cuccioli volteggiare insieme e mordersi scherzosamente a vicenda. Per ora, è tutto per divertimento mentre apprendono abilità che li aiuteranno più avanti nella vita".

                      135 Punti
                      Mi Piace

                        #12 Menzione d’onore nella categoria “Coldwater”: “Carp Love” di Ferenc Lorincz

                        Čierna Voda, Slovacchia. “Coppie di carpe nel lago, Slovacchia”.

                        127 Punti
                        Mi Piace

                          #13 5° posto nella categoria “Macro”: “The Eye” di Guillermo Viveros

                          Playa del Carmen, Messico. “Stavo sperimentando il mio nuovo Marelux Snoot in un reef di Playa del Carmen, a circa 10-12 metri di profondità. Dopo un po’, ho avvistato sul fondale sabbioso una Sogliola tropicale (Bothus lunatus), un pesce comune nella zona. Inizialmente sembrava diffidente nei miei confronti e nei confronti della mia attrezzatura fotografica, tentando di eludere la mia presenza. Tuttavia, l'ho seguito con attenzione finché non si è abituato a me e alla mia attrezzatura. All'improvviso si è fermato e ha comincioat a osservare i dintorni. Mentre regolavo lo snoot e mettevo a fuoco per catturare lo scatto perfetto, sono riuscito a scattare cinque foto mentre la sogliola aspettava pazientemente. Alla fine, è sfrecciata via ed è scomparsa nel vasto oceano. Considero questo scatto particolarmente fortunato, poiché la sogliola mi ha permesso di catturarne l'essenza".

                          127 Punti
                          Mi Piace

                            #14 1° posto nella categoria “Wide-Angle”: “Bunk Buddies” di Suliman Alatiqi

                            Roca Partida, Messico. “Gli squali pinna bianca del reef sono una delle poche specie di squali che riposano sul posto. A Roca Partida, una piccola isola, lo spazio è limitato a causa dei numerosi pinna bianca che vivono lì e spesso possono essere visti dormire insieme. Volevo scattare una foto di tutti loro di fronte a me e con molta pazienza e un approccio attento sono riuscito a farlo".

                            126 Punti
                            Mi Piace

                              #15 1° posto nella categoria “Nudibranchs”: “After The Wedding” di Peter Pogany

                              Anilao, Batangas, Filippine. “Negli ultimi due anni mi sono tuffato ad Anilao in tre diverse occasioni. Abbiamo incontrato questa specie durante il nostro primo tour e siamo stati felicissimi di scoprire che si stavano accoppiando. I miei due compagni di immersione si sono dati da fare con i nudibranchi e quando è arrivato il mio turno non avevo più aria. Non speravo quasi di avere una seconda possibilità per osservare questo evento speciale. Ma durante il nostro terzo tour li ho colti “in flagrante”.

                              121 Punti
                              Mi Piace

                                #16 3° posto nella categoria “Portrait”: “Fresh Start” di Jules Casey

                                Penisola di Mornington a Victoria, Australia. “Ogni anno migliaia di granchi giganti del Giappone arrivano a Port Phillip Bay per la loro muta annuale. Si riuniscono in gran numero e perdono i loro vecchi esoscheletri. Una volta avvenuta la muta, raddoppiano le loro dimensioni mentre il loro nuovo guscio si indurisce nei due giorni successivi. Durante questo periodo, sono vulnerabili ai predatori, quindi si riuniscono in grandi numeri per ridurre il rischio di essere mangiati. Questo granchio gigante che ha appena fatto la muta si trova di fronte a un gruppo di granchi ancora con il carapace, dandomi l'opportunità di scattare un ritratto".

                                118 Punti
                                Mi Piace

                                  #17 Menzione d’onore nella categoria “Wide-Angle Category”: “Rainbow” di Ipah Uid Lynn

                                  Malé, Maldive. “Non vedo gli squali balena da molto tempo. Le Maldive sono famose per gli incontri con gli squali balena. Sono stato molto fortunato il primo giorno perché riesco a vederne alcuni. Questo particolare squalo balena era molto amichevole. Continuava a girare intorno a me perché tutti i piccoli pesci erano attratti dalle luci di messa a fuoco. Immagino che per lui fosse un buffet gratuito dato che anche quella notte c'erano molti plancton. Sono rimasta lì per circa un’ora fino all’alba perché volevo che la luce dorata si riflettesse sui piccoli pesci e la cosa ha dato i suoi frutti!”.

                                  112 Punti
                                  Mi Piace

                                    #18 Menzione d’onore nella categoria “Underwater Conservation”: “Brainception” di Dan Mele

                                    Università delle Isole Vergini, Isole Vergini americane. “La maggior parte dei coralli si riproducono una volta all'anno in sincronia utilizzando diversi segnali ambientali. A causa del continuo degrado delle barriere coralline, molti coralli sopravvissuti della stessa specie sono ora troppo distanziati tra loro su una barriera corallina perché avvenga una fecondazione efficace. All’Università delle Isole Vergini, i ricercatori hanno rimosso temporaneamente diversi Diploria labyrinthiformis dalle barriere coralline che circondano le Isole Vergini americane e li hanno portati in un vivaio di coralli a terra, dove vengono deposti in condizioni controllate. Queste tecniche consentono ai ricercatori di raccogliere sperma e uova da diversi coralli in modo efficiente e di fecondarli in laboratorio, dove possono essere coltivati ed eventualmente trapiantati nella barriera corallina. Dopo la deposizione delle uova, i coralli rimossi dal reef vengono ricollocati nello stesso reef da cui sono stati raccolti. Questa tecnica di fecondazione assistita è talvolta chiamata anche evoluzione assistita. I coralli all'interno di questo tavolo sono sopravvissuti a diversi precedenti eventi di sbiancamento, uragani ed epidemie, come la devastante malattia della perdita di tessuto dei coralli pietrosi. Ciò significa che questi individui possono ospitare genetiche essenziali, che li rendono più resistenti a diversi fattori di stress ambientale che uccidono i coralli. Generando e incrociando questi sopravvissuti, si spera che ciò possa portare a coralli più robusti e resistenti, meglio attrezzati per i futuri parametri ambientali dei nostri oceani. Poco prima della deposizione delle uova nel vivaio, il flusso dell'acqua viene interrotto, portando tranquillità nel loro ambiente e creando l'occasione perfetta per riprendere il riflesso dei coralli sulla superficie dell'acqua immobile. Con il vivaio pieno di coralli, avevo solo pochi posti in cui inserire la mia macchina fotografica. Fortunatamente, questo punto di osservazione mi ha dato molta profondità per lavorare".

                                    111 Punti
                                    Mi Piace

                                      #19 2° posto nella categoria “Compact Macro”: “Radioactive” di Marcus Commodore

                                      Bali, Indonesia. “Per la prima volta in quella che sembrava una vita, ero di nuovo in acqua. Dopo anni di restrizioni e di separazione geografica dalla mia passione, ho prenotato il mio biglietto e mi sono diretto a Bali. È stato emozionante provare le sensazioni di quelle prime immersioni, ma anche ritrovare la mia macchina fotografica e la mia custodia logore. Le coste settentrionali di Bali hanno sempre avuto un posto speciale nel mio cuore, quindi naturalmente sono finito lì. Dopo aver fatto diverse immersioni intorno ad Amed, ho trovato un ottimo gruppo di immersioni e ho fatto alcune immersioni esplorative con loro. Durante una delle immersioni, ho trovato questo granchio decoratore su un enorme spugna barile. Situata a circa 30 metri di altezza e completamente avvolta nell'oscurità, a causa della profondità e delle condizioni nuvolose, questa specie di granchio solitamente notturna era appollaiata relativamente esposta. Da qualche anno ho l’idea di utilizzare un paio di snoot su questo tipo di soggetti in controluce e isolare gli anemoni sul dorso, utilizzando solo un tocco di luce per illuminare gli occhi e il “viso”. Anche se sono stati necessari alcuni scatti e alcune regolazioni, soprattutto per mettere a fuoco gli occhi del soggetto, l'aspetto più difficile è stato isolare il soggetto dalla spugna barile. Alla fine, dopo aver girato parecchio la fotocamera per ottenere lo sfondo e il soggetto inquadrato con la giusta illuminazione, ho lasciato che questo granchio continuasse la sua esplorazione della spugna, dopo aver scattato con gioia alcune foto che mostravano la bellezza di questo animale minuscolo e criptico".

                                      110 Punti
                                      Mi Piace

                                        #20 1° posto nella categoria “Underwater Digital Art”: “Water Sprite” di Justin Lutsky

                                        Ginnie Springs, Florida, USA. “Viaggio in Florida per scattare foto da anni, poiché la limpidezza e la bellezza naturale delle sorgenti creano una tela mozzafiato per i ritratti subacquei. Per questa immagine ho lavorato con la sirena professionista e artista subacquea, Abbey Blake. Tutto in questa immagine è stato ripreso in modo pratico e catturato direttamente dalla fotocamera. Abbey indossava un body a rete a cui abbiamo attaccato le ali delle fate e insieme ci siamo avventurati nelle sorgenti all'inizio di gennaio. Abbiamo catturato questa foto in acque abbastanza basse, nel tardo pomeriggio, dopo che il sole aveva iniziato a scendere sotto il limite degli alberi. Ho utilizzato principalmente la luce naturale, il sole come controluce e una piccola quantità di luce di riempimento frontale proveniente dal flash della fotocamera. Abbey e io ci immergevamo simultaneamente utilizzando la tecnica dell'apnea, scattando più foto prima di riemergere per rivedere e discutere. Per ottenere una posa comoda sul bordo del crepaccio, Abbey ha dovuto espirare gran parte dell'aria per scendere completamente. La temperatura dell'acqua era di 22 gradi, dandoci una finestra stretta per catturare lo scatto prima che si manifestasse il rischio di ipotermia. Inoltre, abbiamo affrontato un altro ostacolo, essendo questo un luogo favorito dai subacquei locali. Spesso dovevamo mettere in pausa i nostri tentativi, aspettando che i subacquei passassero attraverso l'inquadratura. È qui che lavorare con qualcuno di talento come Abbey aiuta davvero. La sua capacità di esibirsi in condizioni così impegnative e in tempi limitati ha fatto la differenza per il successo dello scatto. La maggior parte della post-elaborazione eseguita è stata quella di fondere le linee dure e evidenti della tuta, nonché la tonalità generale del colore e le regolazioni dei livelli per mettere a fuoco il soggetto e migliorare la drammaticità complessiva del paesaggio sottomarino".

                                        95 Punti
                                        Mi Piace

                                          Se ti piacciono i nostri articoli, segui Keblog su Google News!

                                          What do you think?

                                          98 Punti
                                          Mi Piace

                                          Tocca a te, lascia un commento!

                                          Lascia un commento