in ,

25 foto di animali selvatici dal concorso Wildlife Photographer of the Year People’s Choice Award 2022

Segui Keblog su Facebook:

Anche quest’anno, il Natural History Museum ha selezionato 25 fotografie di animali selvatici che concorreranno per il Wildlife photographer of the year People’s Choice Award 2022! I giudici del concorso fotografico hanno scelto le migliori 100 foto tra oltre 38mila proposte , un lavoro davvero arduo; tra queste sono state selezionate le 25 finaliste che si contenderanno il premio decretato dal pubblico! La votazione si chiuderà il 2 febbraio 2023 e il vincitore sarà annunciato il 9 febbraio 2023. Date un’occhiata alle immagini suggestive di seguito, scoprite le loro storie, e votate le vostre preferite cliccando su “mi piace”!

Altre info: Wildlife photographer of the year | Instagram | Twitter | Facebook

#1 “Affetto tra volpi” di Brittany Crossman

"In una fredda giornata a North Shore, sull'Isola del Principe Edoardo, in Canada, una coppia di volpi rosse si saluta con un'intima annusata.

La stagione degli amori della volpe rossa è in inverno e non è raro vederle insieme. Questa è una delle immagini preferite di Brittany e uno dei momenti più teneri a cui abbia assistito tra volpi adulte".

28 Punti
Mi Piace

Lascia un commento

    #2 “Tra i fiori” di Martin Gregus

    foto finaliste Wildlife photographer of the year People's Choice Award 2022

    Fonte

    "Martin ha visto questo cucciolo di orso polare giocare in mezzo a una distesa di camenèri sulla costa della Baia di Hudson, in Canada.

    Ogni tanto il cucciolo si prendeva una pausa dal suo divertimento, si alzava sulle zampe posteriori e sporgeva la testa sopra i fiori alti per cercare sua madre. Volendo catturare il mondo dal punto di vista del cucciolo, Martin ha posizionato la sua macchina fotografica a livello del suolo tra i fiori. Quindi ha aspettato pazientemente a una distanza di sicurezza con un pulsante per azionare la fotocamera remoto. Non essendo in grado di vedere esattamente cosa stava succedendo, Martin ha dovuto giudicare il momento giusto in cui l'orso sarebbe apparso nell'inquadratura della fotocamera".

    25 Punti
    Mi Piace

    Lascia un commento

      #3 “Il mondo del leopardo delle nevi” di Sascha Fonseca

      "Sullo sfondo delle spettacolari montagne del Ladakh, nel nord dell'India, un leopardo delle nevi è stato fotografato in una posa perfetta dalla trappola fotografica accuratamente posizionata di Sascha.

      La neve spessa ricopre il terreno, ma il pelo fitto e le zampe pelose del grosso felino lo tengono caldo. Sascha ha catturato questa immagine durante un progetto durato 3 anni nell'Himalaya indiano. È sempre stato affascinato dai leopardi delle nevi, che sono tra i felini più difficili da fotografare in natura".

      23 Punti
      Mi Piace

      Lascia un commento

        #4 “Un raduno d’oro” di Minqiang Lu

        foto finaliste Wildlife photographer of the year People's Choice Award 2022

        Fonte

        "Due femmine e un maschio di rinopiteco dorato si stringono insieme per riscaldarsi nel freddo estremo dell'inverno.

        Minacciata principalmente dalla perdita e dalla frammentazione delle foreste, questa specie in via di estinzione è confinata nella Cina centrale. Limitate a vivere in alto nelle foreste temperate, queste scimmie – qui nelle montagne Qinling nella provincia dello Shaanxi – si nutrono principalmente di alberi, foglie, cortecce, germogli e licheni. Minqiang conosceva l'area dove spesso riposava un branco di scimmie e, con vento forte e neve, ha camminato su per la montagna per quasi un'ora portando la sua attrezzatura fotografica. Fotografando da un pendio di fronte all'albero in cui era rannicchiato il gruppo, è rimasto fermo per mezz'ora a temperature di -10°C (14°F) prima di riuscire a ottenere questa composizione".

        23 Punti
        Mi Piace

        Lascia un commento

          #5 “Ritratto di Olobor” di Marina Cano

          "Era tardo pomeriggio quando Marina trovò Olobor che riposava.

          Olobor è uno dei leoni nella Riserva Nazionale Maasai Mara del Kenya. Tutto il terreno intorno al leone era nero, bruciato dai pastori Maasai locali al fine di stimolare la nascita di nuova vegetazione. Marina voleva catturare il suo sguardo maestoso e provocatorio sullo sfondo scuro e ha abbassato la macchina fotografica fuori dal veicolo per ottenere un ritratto all'altezza degli occhi".

          23 Punti
          Mi Piace

          Lascia un commento

            #6 “Vita e arte” di Eduardo Blanco Mendizabal

            "Camminando lungo una strada nella sua città natale di Corella, nel nord della Spagna, Eduardo si è imbattuto in un muro con un disegno di un gatto, completo di ombra.

            Sapendo che i comuni gechi escono nelle calde notti estive per cercare zanzare e altri insetti, Eduardo è tornato con la sua macchina fotografica e ha aspettato pazientemente l'immagine perfetta: il cacciatore che diventa preda del gatto trompe l'oeil".

            23 Punti
            Mi Piace

            Lascia un commento

              #7 “La lepre” di Deena Sveinsson

              "Deena stava facendo un'escursione con le ciaspole nelle foreste del Rocky Mountain National Park, in Colorado, negli Stati Uniti, sperando di trovare qualche animale selvatico invernale da fotografare.
              Infreddolita, si diresse con riluttanza verso casa. Solo allora qualcosa attirò la sua attenzione: una lepre che riposava su un piccolo cumulo di neve. Muovendosi furtivamente in posizione, Deena aspettò. Alla fine, la lepre percepì qualcosa, rivolse le orecchie in avanti e guardò dritto verso la macchina fotografica".

              22 Punti
              Mi Piace

              Lascia un commento

                #8 “Questo è il punto!” di Richard Flack

                "Nel Kruger National Park in Sud Africa, nelle vicinanze di un campo di riposo, Richard ha scoperto uno stormo di faraone crestate che non erano così volubili come al solito e che gli ha permesso di seguirle mentre cercavano cibo.

                Una delle faraone ha iniziato a grattare la testa e l'orecchio di un'altra, e la destinataria è rimasta lì immobile per qualche istante con la bocca aperta e gli occhi spalancati, come per dire "quello è il punto, continua così". Richard ha commentato: 'Non capita spesso di catturare l'emozione nei volti degli uccelli. . . ma non c'erano dubbi: quella era una faraona soddisfatta!'".

                21 Punti
                Mi Piace

                Lascia un commento

                  #9 “L’inafferrabile gatto d’oro” di Sebastian Kennerknecht

                  "Prima che questa immagine venisse catturata, Sebastian e il suo amico biologo, David Mills, sono stati quasi calpestati nella fitta foresta pluviale del Kibale National Park in Uganda da un elefante della foresta in carica.

                  Tornati nella stessa zona, hanno allestito una fototrappola con l'obiettivo di fotografare il raro e sfuggente gatto dorato africano. Circa il doppio di un gatto domestico, è uno dei felini meno studiati al mondo. Ad oggi, ci sono ancora meno di cinque fotografie ad alta risoluzione di questo gatto in natura".

                  21 Punti
                  Mi Piace

                  Lascia un commento

                    #10 “Rosso e Giallo” di Chloé Bès

                    "Vicino al porto di Rausu, sull'isola giapponese di Hokkaido, diverse centinaia di gabbiani glauchi del Pacifico aspettavano il ritorno dei pescatori.

                    Era l'inizio di marzo e faceva freddo, e l'aria era piena dei rauchi richiami dei gabbiani sopra di noi. Alcuni degli uccelli iniziarono a posarsi, tenendo gli occhi fissi sull'orizzonte. Concentrandosi su un uccello, Chloé ha composto un ritratto minimalista, mettendo in risalto l'occhio e il becco. La macchia rossa sul becco si sviluppa quando i gabbiani sono adulti ed è in parte un riflesso della loro salute. È anche un aiuto essenziale per i piccoli: quando i pulcini beccano il punto, si scatena una reazione di rigurgito da parte del genitore".

                    21 Punti
                    Mi Piace

                    Lascia un commento

                      #11 “Preso dal gatto” di Michał Michlewicz

                      "Michał aveva notato che molti animali stavano visitando questo fienile abbandonato a Radolinek, un piccolo villaggio nella Polonia occidentale, probabilmente seguendo l'odore dei roditori.

                      Con l'uso della sua trail cam, Michał ha registrato un tasso, una volpe e una martora, ma anche molte attività feline. Installando una trappola fotografica appena dentro il fienile, di fronte all'ingresso, ha aspettato di vedere cosa l'avrebbe innescata. Per fortuna, ma non per questo fringuello, arrivò un gatto domestico con la sua nuova preda. Michał è entusiasta che la sua immagine venga utilizzata per illustrare l'impatto che i gatti domestici possono avere su un ecosistema locale".

                      19 Punti
                      Mi Piace

                      Lascia un commento

                        #12 “Fenicotteri caraibici” di Claudio Contreras Koob

                        "Claudio era sdraiato sul fango a una distanza di sicurezza da una colonia riproduttiva di fenicotteri caraibici, o americani, nella Riserva della Biosfera di Ría Lagartos, nella penisola dello Yucatán, in Messico.

                        Era giugno e i pulcini di fenicottero avevano già lasciato i loro nidi. Questi nidi sono sempre sorvegliati da uccelli adulti, quindi quando i pulcini hanno cominciato ad avvicinarsi a Claudio, gli adulti li hanno circondati e riportati nella colonia. Sebbene i numeri della popolazione di fenicotteri siano stabili, sono molto sensibili ai cambiamenti nell'ambiente, come l'allagamento dei loro siti di nidificazione, e non è chiaro come faranno a far fronte agli effetti del cambiamento climatico".

                        19 Punti
                        Mi Piace

                        Lascia un commento

                          #13 “Un racconto di una volpe” di Simon Withyman

                          "Simon voleva che questa fotografia aumentasse la consapevolezza del danno che gli esseri umani possono inavvertitamente causare alla fauna selvatica.

                          Nella città di Bristol, nel Regno Unito, una giovane volpe rossa ha subito un grave infortunio nel tentativo di liberarsi dalla rete di protezione in plastica comunemente utilizzata come recinzione nei cantieri. I resti erano ancora incorporati nel suo corpo quando è stata scattata questa immagine, ostacolando la sua capacità di cacciare. I residenti locali hanno lasciato del cibo per la volpe - qui, una coscia di pollo. Dopo cinque mesi, è stata catturata, curata e rilasciata. Ma tragicamente, sei mesi dopo, è stata investita da un'auto ed è morta".

                          19 Punti
                          Mi Piace

                          Lascia un commento

                            #14 “Aggrappato saldamente” di Nicholas More

                            "Questo maschio di cavalluccio marino di Bargibant, che si aggrappa saldamente con la sua coda prensile a una gorgonia rosa, sembra quasi pronto a scoppiare.

                            Nicholas aveva l'aiuto di una guida che sapeva esattamente dove e su quali gorgonie trovare i cavallucci marini di Bargibant al largo della costa di Bali. Questo individuo era uno dei tre sulla stessa gorgonia. I cavallucci marini di Bargibant sono appena visibili a causa delle loro piccole dimensioni (1-2 centimetri di altezza) e tendono a rimanere molto immobili. La loro capacità di imitare i colori e la consistenza bitorzoluta del loro ospite viene rivelata in dettaglio solo ad alto ingrandimento".

                            18 Punti
                            Mi Piace

                            Lascia un commento

                              #15 “Testa a testa” di Miquel Angel Artús Illana

                              "Lo spettacolo di due femmine di bue muschiato che si attaccano a vicenda ha sorpreso Miquel.

                              Per quattro giorni ha seguito una famiglia di buoi muschiati nel Parco Nazionale Dovrefjell-Sunndalsfjella in Norvegia: un maschio, una femmina e tre piccoli. Su un bellissimo altopiano apparve un'altra famiglia di buoi muschiati di dimensioni simili. Aspettandosi un testa a testa tra maschi (era settembre e le femmine erano in calore), rimase deluso quando i due maschi si capirono immediatamente e il più debole si tirò indietro. Fu allora che le due femmine iniziarono il loro breve ma intenso litigio, la cui azione lui riprese con la fotocamera".

                              18 Punti
                              Mi Piace

                              Lascia un commento

                                #16 “La rana dagli occhi di rubino” di Jaime Culebras

                                "I richiami delle rane di vetro maschio di Mindo potevano essere uditi tutt'intorno a questa femmina, che sedeva tranquillamente su una foglia.

                                Queste rane sono fiduciose con gli umani e, se non le disturbi, puoi sistemare la tua attrezzatura nelle vicinanze. Jaime pensava che questa rana avesse gli occhi dei bellissimi occhi "rubino", quindi ha spostato con attenzione la sua fotocamera, il treppiede e i flash per essere abbastanza vicini da catturare un ritratto che li mettesse in risalto. Queste rane vivono solo nel nord-ovest dell'Ecuador, nella Riserva del Río Manduriacu ai piedi delle Ande, e sono minacciate dalla perdita di habitat associata all'estrazione mineraria e al disboscamento".

                                18 Punti
                                Mi Piace

                                Lascia un commento

                                  #17 “Attacco di vespe” di Roberto García-Roa

                                  "Il frenetico combattimento tra la vespa pompilide e l'ornato ragno Cteno cessò improvvisamente.

                                  Una calma intensa invase la scena, ha raccontato Roberto che aveva assistito allo svolgersi della battaglia nella giungla peruviana di Tambopata. L'immagine mostra la vespa che controlla il ragno per vedere se la sua puntura ha paralizzato la pericolosa preda, prima di trascinarla di nuovo al suo nido di covata. Le vespe della famiglia Pompilidae sono chiamate vespe ragno perché le femmine sono specializzate nella caccia ai ragni, che sono usati come cibo vivo per la loro prole.

                                  15 Punti
                                  Mi Piace

                                  Lascia un commento

                                    #18 “Tenendo duro” di Igor Altuna

                                    "Questa femmina di leopardo aveva ucciso un babbuino nel South Luangwa National Park dello Zambia.

                                    Il cucciolo del babbuino era ancora vivo e aggrappato a sua madre. Igor guardò mentre il predatore tornava con calma dal suo cucciolo. Il cucciolo di leopardo giocò con il piccolo babbuino per più di un'ora prima di ucciderlo, quasi come se gli fosse stata data una preda viva come lezione di caccia".

                                    14 Punti
                                    Mi Piace

                                    Lascia un commento

                                      #19 “Lupo della costa” di Bertie Gregory

                                      "Mentre era fuori nel suo gommone alla ricerca di orsi neri, Bertie ha avvistato questa femmina di lupo grigio che trotterellava lungo la costa occidentale dell'isola di Vancouver, Colombia britannica, Canada.

                                      Facendo un ampio giro, ha installato la sua fotocamera remota in un punto dove si aspettava che andasse il lupo, prima di tornare sul gommone e fare marcia indietro. Il lupo stava pattugliando il suo territorio fangoso coperto di anguille con la bassa marea, ed è passato proprio davanti alla fotocamera, permettendo a Bertie di scattare questa foto con un pulsante remoto. Purtroppo, questo lupo dell'isola di Vancouver è stato successivamente ucciso da un uomo che sosteneva di proteggere gli animali domestici delle persone del luogo".

                                      14 Punti
                                      Mi Piace

                                      Lascia un commento

                                        #20 “Incontro notturno” di Sami Vartiainen

                                        "Era una tarda serata di agosto e l'aria aveva un che di magico quando Sami ha avvistato questo tasso vicino al suo nido in una foresta vicino a Helsinki, in Finlandia.

                                        Lo ha guardato per 45 minuti. Il tasso non sembrava turbato, anche se Sami era a soli 7 metri di distanza. Annusò l'aria, si sdraiò a terra e graffiò, e si allontanò per un breve tratto, e alcune volte andò nel suo nido, girandosi sempre per guardare indietro nella direzione di Sami. Alla fine, quando era quasi buio, il tasso si è allontanato nella notte in cerca di cibo".

                                        13 Punti
                                        Mi Piace

                                        Lascia un commento

                                          #21 "Testa o croce?" di Jodi Frediani

                                          "Il mare insolitamente limpido e piatto di Monterey Bay, in California, ha fornito uno splendido sfondo turchese per i corpi lucidi di tre lissodelfini boreali. Questi delfini hanno un aspetto atipico, con becchi corti e appuntiti, fronte inclinata e senza pinne dorsali. Sono veloci ed estremamente atletici, spesso volano in alto fuori dall'acqua con balzi aggraziati".

                                          11 Punti
                                          Mi Piace

                                          Lascia un commento

                                            #22 “Autostrada della iena” di Sam Rowley

                                            "Le iene maculate sono animali intelligenti e opportunisti.

                                            Alla periferia di città come Harar in Etiopia, approfittano di ciò che gli umani si lasciano alle spalle, comprese ossa e carne in decomposizione. Così facendo, le iene tengono a bada le malattie, e in cambio gli abitanti di Harar le tollerano, lasciando loro anche gli avanzi del macellaio. Queste iene appartengono al gruppo familiare noto come Highway Clan. Per fotografarle, Sam ha installato una fotocamera remota accanto a una carcassa di un incidente stradale. Ha catturato il membro di rango più basso del clan dopo che i membri dominanti, visibili sullo sfondo, se ne erano andati."

                                            10 Punti
                                            Mi Piace

                                            Lascia un commento

                                              #23 “I rifuti del Covid” di Auke-Florian Hiemstra

                                              "Un giovane pesce persico è stato trovato intrappolato nel pollice di questo guanto chirurgico scartato in un canale nei Paesi Bassi.

                                              Il pesce è stato trovato da alcuni scienziati durante una pulizia settimanale di un canale a Leida. Le spine sul dorso gli hanno impedito di scappare indietreggiando: il pollice strappato è probabilmente il segno della sua lotta finale. Il guanto ha costituito la base di uno studio scientifico che ha documentato la gamma di animali colpiti dai rifiuti del Covid-19 durante la pandemia: in questo caso, il materiale che ci ha aiutato a proteggerci si è rivelato un pericolo per la fauna selvatica".

                                              10 Punti
                                              Mi Piace

                                              Lascia un commento

                                                #24 "Gatto sfortunato" di Sebastian Kennerknecht

                                                "Appesa in un capanno, questa pelle di gatto imbottita può sembrare a prima vista come gli altri oggetti, insignificante, ma i fili colorati ad essa legati rivelano che non è semplicemente un oggetto in disuso.

                                                Il rapporto tra il gatto andino e i suoi vicini umani è complesso. Sebbene i gatti siano celebrati come guardiani della montagna, sono anche considerati portafortuna per la fertilità del bestiame, e per questo vengono uccisi e talvolta indossati durante le cerimonie per indurre un anno abbondante. Questo esemplare impagliato si è rivelato essere il gatto selvatico più a rischio di estinzione del Sud America".

                                                9 Punti
                                                Mi Piace

                                                Lascia un commento

                                                  #25 "A pesca di anguille" di Eladio Fernandez

                                                  "Eladio ha deciso di evidenziare la difficile situazione dell'anguilla americana in via di estinzione.

                                                  Catturate nella loro fase giovanile, vengono esportate a milioni ogni anno per soddisfare un'insaziabile domanda asiatica, in particolare giapponese. Sulla costa della Repubblica Dominicana, nell'arco di cinque mesi, centinaia di pescatori si radunano intorno agli estuari dall'alba al tramonto per catturare le piccole anguille. Queste larve sono migrate dal Mar dei Sargassi, dove depongono le uova le anguille adulte. Con le specie in forte declino, la pesca negli Stati Uniti è ora strettamente controllata, lasciando come principale esportatore ma senza regolamenti i Caraibi. L'immagine ha richiesto a Eladio molte notti di tentativi ed errori, utilizzando una lunga esposizione per cogliere il momento preciso in cui i pescatori sollevavano le reti dalle onde in arrivo".

                                                  9 Punti
                                                  Mi Piace

                                                  Lascia un commento

                                                    Se ti piacciono i nostri articoli, segui Keblog su Google News!

                                                    What do you think?

                                                    19 Punti
                                                    Mi Piace

                                                    Tocca a te, lascia un commento!

                                                    Lascia un commento