Segui Keblog su Facebook:

Eva Mozes Kor ha vissuto gli orrori di Auschwitz ma ha trovato la forza per sopravvivere. La donna, che oggi ha 85 anni, è molto attiva su Facebook e Twitter, viaggia per il mondo, si occupa di documentari, scrive libri ed ha anche fondato un museo dedicato alla storia dell’olocausto e degli esperimenti nazisti.

Una donna dal destino crudele, dalla storia toccante, di cui vi parleremo di seguito.

Eva (a sinistra) e sua sorella gemella Miriam, 1935

Gemelle Sopravvissute Esperimenti Mengele Auschwitz

CANDLES / Facebook

Eva Mozes è nata in Romania da una famiglia ebrea. Aveva due sorelle più grandi, Edit e Aliz, e una sorella gemella, Miriam. Nel maggio del 1944, tutta la famiglia fu mandata ad Auschwitz. Viaggiarono per 4 giorni su un treno sovraffollato precedentemente utilizzato per il trasporto del bestiame. Quando la famiglia di Eva arrivò al campo di concentramento, la guardia chiese a sua madre se le sue figlie fossero gemelle. Dopo aver ricevuto una risposta affermativa, le ragazze furono strappate dalle braccia della madre e portate in un rifugio separato. Eva e Miriam non hanno mai appreso cosa sia successo ai loro genitori e alle sorelle. L’ultima volta che le gemelle videro i loro genitori e le sorelle fu nella “piattaforma d’addio” ad Auschwitz.

La “piattaforma d’addio” ad Auschwitz

Gemelle Sopravvissute Esperimenti Mengele Auschwitz

Gli esperimenti dell’Angelo della morte: Josef Mengele, 1965

Gemelle Sopravvissute Esperimenti Mengele Auschwitzwikipedia

Il fenomeno dei gemelli interessava a molti medici nazisti, incluso il più crudele dottore di Auschwitz, Josef Mengele. Fu persino chiamato “l’angelo della morte”. Ad Auschwitz ci furono circa 1.500 gemelli come Eva e Miriam, e non più di 300 sopravvissero. Decine di migliaia di persone sono diventate vittime degli orribili esperimenti di Mengele. Il medico aveva un interesse scientifico eccezionale per i gemelli perché voleva aumentare il tasso di natalità tra le donne ariane. Voleva anche scoprire come varie malattie influenzano il corpo umano. Per fare questo, Mengele iniettava un virus mortale in uno dei gemelli e in seguito confrontava i risultati con il loro fratello o sorella sani. Inoltre, supervisionava gli esperimenti sul cambio del colore degli occhi, in cui venivano iniettate varie sostanze chimiche, così come gli esperimenti in cui cercò di creare gemelli siamesi artificialmente.

Eva (a destra) e Miriam, 1949

Gemelle Sopravvissute Esperimenti Mengele Auschwitz CANDLES / Facebook

Eva e Miriam furono sottoposte a vari esami ed esperimenti genetici. Secondo i ricordi di Eva, una volta fu separata dalla sorella e portata al laboratorio dove presero molto sangue dalla sua mano sinistra e fecereo diverse iniezioni sulla destra. Dopo di ciò ebbe una terribile febbre, le braccia e le gambe si gonfiarono e il suo corpo fu coperto di macchie rosse. Josef Mengele le disse che le rimanevano solo 2 settimane di vita. Ma in qualche modo riuscì a sopravvivere e fu riportata al rifugio dove viveva sua sorella. Sfortunatamente, dopo la guerra Mengele fuggì in l’America Latina e non fu sottoposto a nessun tipo di punizione.

Eva e Miriam durante la liberazione ad Auschwitz, il 27 gennaio 1945

Gemelle Sopravvissute Esperimenti Mengele Auschwitz CANDLES / Facebook

Il 27 gennaio 1945 uno degli ostaggi del campo di concentramento irruppe nel rifugio dove stavano le sorelle gridando: “Siamo liberi!” Le ragazze corsero in strada e videro persone sorridenti in mimetica bianca che stavano abbracciando gli ostaggi e dando loro del cioccolato e dei biscotti. Erano i soldati dell’Armata Rossa.

I soldati dell’Armata Rossa liberano i prigionieri del campo

Gemelle Sopravvissute Esperimenti Mengele Auschwitz ww2today.com

Dopo essere state liberate, le gemelle, allora 11enni, furono poste sotto la custodia delle suore. Come ricorda Eva, le suore diedero molti giocattoli alle bambine, ma loro non furono in grado di giocare. La loro infanzia era finita ad Auschwitz, per sempre. Dopo di ciò, le bambine tornarono in Romania, ma trovarono la loro casa vuota e vandalizzata. Eva dice che fu il giorno più triste della sua vita perché sperava che qualcuno della sua famiglia fosse ancora vivo.

La vita dopo Auschwitz: Eva e Miriam dopo la liberazione

Gemelle Sopravvissute Esperimenti Mengele Auschwitz candlesholocaustmuseum.org

Nel 1950, quando Eva e Miriam avevano 16 anni, ottennero il permesso di emigrare in Israele e si stabilirono nella città di Haifa. Entrambe le ragazze prestarono servizio nell’esercito israeliano. Nel 1960, Eva Mozes sposò un uomo americano di nome Michael Kor, un altro sopravvissuto all’Olocausto. La coppia si è trasferita negli Stati Uniti e ha avuto 2 figli, Alex e Rina. Lì Eva ha iniziato a lavorare come agente immobiliare.

Eva Mozes Kor con suo figlio Alex, 2019

Gemelle Sopravvissute Esperimenti Mengele Auschwitz Alex Kor ‏/ Twitter

Per il resto della sua vita, Miriam soffrì di una malattia ai reni causata dagli esperimenti che aveva subito durante l’infanzia. E sebbene Eva avesse donato uno dei suoi reni a sua sorella, Miriam morì nel 1993. Aveva allora 59 anni. Due anni dopo la morte della sorella, Eva Mozes Kor fondò il museo CANDLES dedicato alla storia degli esperimenti nazisti sui bambini. L’acronimo sta per “Children of Auschwitz Nazi Deadly Lab Experiments Survivors”.

Eva Mozes Kor, 2016

Gemelle Sopravvissute Esperimenti Mengele Auschwitz CANDLES / Facebook

Oggi Eva è attivamente impegnata in attività educative, conferenze e visite guidate. Ha pubblicato 2 libri autobiografici e ha recitato in diversi documentari.

Eva Kor alla premiere di un film documentario, 2014

Gemelle Sopravvissute Esperimenti Mengele Auschwitz Facebook

Nel 2007, Eva Mozes Kor ha lavorato con i legislatori dell’Indiana per ottenere una legge che richieda un’analisi dell’Olocausto nelle scuole superiori.

Eva Mozes Kor durante una conferenza, 2019

Gemelle Sopravvissute Esperimenti Mengele Auschwitz Facebook

Eva Kor mostra il suo numero di campo A-7063

Gemelle Sopravvissute Esperimenti Mengele Auschwitz Facebook

Dopo la morte di sua sorella, in Eva si fece strada il senso di liberazione, accolse in se il perdono e avvenne la guarigione della sua anima. Nell’aprile 2015, Kor è andata in Germania per testimoniare al processo contro l’ex nazista, Oskar Gröning. Durante il processo, Eva si avvicinò a Gröning e lo abbracciò. Racconta di avere sentito in se il potere del perdonno. Il perdono l’ha resa più forte, l’ha aiutata a cancellare alcuni terribili ricordi e l’ha liberata dal suo tragico passato.

Eva Mozes Kor e Oskar Gröning, 2015

Gemelle Sopravvissute Esperimenti Mengele Auschwitz Facebook

Data la portata dei crimini nazisti, la dichiarazione di Eva ha causato una reazione mista. Risponde alle critiche dicendo che nella sua vita è sempre stata convinta che dalla crudeltà non sia mai venuto nulla di buono. Ecco perché ogni atto di gentilezza vince sulla rabbia.

Gemelle Sopravvissute Esperimenti Mengele Auschwitz Facebook

Nel 2016, Eva Mozes Kor è diventata l’eroina principale di un documentario britannico intitolato The Girl Who Forgave the Nazis. L’anno scorso Ted Green Films ha pubblicato un film documentario intitolato Eva.

Locandina del documentario Eva, del 2018

Gemelle Sopravvissute Esperimenti Mengele Auschwitz Facebook

 

Altrove sul Web

Che ne pensi?

Tag