Segui Keblog su Facebook:

La tecnica Petri dish è stata ampiamente sperimentata da chi lavora con la resina epossidica. Non è particolarmente impegnativa, basta procurarsi dei coloranti liquidi ad alcool e versarli a goccia dal flaconcino sulla resina appena preparata. Si attende per tutto il tempo di asciugatura, che in genere è di 24 ore e si toglie la resina dallo stampo ammirando il risultato. L’effetto ottenuto è sempre una sorpresa ed è sempre sorprendente. Per chi non è del mestiere è facile scambiarlo per un’opera d’arte e forse lo è.

Nel mio percorso artistico con la resina epossidica ho sperimentato il Petri Dish con l’inserimento di scritte all’interno degli elaborati. In questo modo ho la possibilità di personalizzare gli oggetti e andare incontro alle richieste della clientela.

È possibile acquistarli su Etsy

Accessori in resina epossidica fatti a mano Petri Dish, Resin Lab

Accessori in resina epossidica fatti a mano Petri Dish, Resin Lab

Accessori in resina epossidica fatti a mano Petri Dish, Resin Lab

Accessori in resina epossidica fatti a mano Petri Dish, Resin Lab

Accessori in resina epossidica fatti a mano Petri Dish, Resin Lab

Accessori in resina epossidica fatti a mano Petri Dish, Resin Lab

Accessori in resina epossidica fatti a mano Petri Dish, Resin Lab

Li trovi su Etsy

Questo articolo ci è stato inviato tramite il nostro form.

Altrove sul Web

Autore

Mi sono da poco appassionata all'utilizzo della resina epossidica. In particolare all'inserimento di disegni, simboli, scritte all'interno delle mie creazioni in resina, in modo da creare oggetti personalizzati. La mia professione di graphic designer ha sicuramente influito in questo percorso. Mi piace la versatilità della resina, le mille sfaccettature e le mille tecniche a cui si presta... Mi diverto moltissimo e le soddisfazioni sono tante!

Che ne pensi?

Tag