Segui Keblog su Facebook:

Nonostante abbiano lasciato poche informazioni sulle loro azioni, un gruppo di adolescenti tedeschi noti come i Pirati dell’Edelweiss (Edelweißpiraten) ebbe un ruolo importante nella Germania nazista di Adolf Hitler.

Proprio come il tenace fiore di stella alpina (Edelweiss, in tedesco) aggrappato alle falesie delle Alpi da cui il gruppo prese il nome, questi giovani tedeschi resistettero all’indottrinamento nazista.

Si consideravano l’opposto della famigerata Gioventù Hitleriana, respingendo la loro struttura paramilitare, l’ideologia nazista e la segregazione di genere.

Provenienti dagli ambienti della classe operaia, i Pirati Edelweiss si opposero al nazismo in tutti i modi possibili, ed erano tutti minorenni.

Pirati dell’Edelweiss

Pirati Edelweiss, I Pirati della Stella Alpina

La Gioventù Hitleriana

La Gioventù HitlerianaAdolf Hitler sorride mentre i giovani in uniforme lo salutano ad Erfurt, in Germania, nel 1933

Secondo Sally Rogow, del Vancouver Holocaust Education Center, i pirati dell’Edelweiss erano “uno dei più grandi gruppi di giovani che si rifiutarono di partecipare alle attività giovanili naziste”. Per capire i pirati, dobbiamo prima capire cosa dovettero affrontare.

La Lega della Gioventù del Partito Nazista venne fondata nel 1922, nel 1926 fu ribattezzata Hitlerjugend, o Gioventù Hitleriana, ed era composta da ragazzi tedeschi di età compresa tra i 14 e i 18 anni. Quattro anni dopo, i nazisti fondarono un’organizzazione equivalente per ragazze adolescenti chiamata Bund Deutscher Mädel, o Lega delle Ragazze Tedesche.

Al suo apice, la Gioventù Hitleriana contava otto milioni di membri, ed era la più grande organizzazione giovanile del mondo. Sebbene inizialmente i giovani si concentrassero su attività come campeggio, sport e giochi, l’organizzazione divenne sempre più militarizzata, e suoi giovani ragazzi finirono per essere addestrati al combattimento armato.

Presto divenne chiaro che l’obiettivo della Gioventù Hitleriana era di indottrinare i giovani tedeschi con la visione aggressiva e nazista di Hitler.

La Gioventù HitlerianaMembri della Gioventù Hitleriana bruciano libri, 1938

Come lo stesso Adolf Hitler disse nel 1938: “Questi ragazzi e ragazze entrano nelle nostre organizzazioni a 10 anni e spesso per la prima volta prendono un po’ d’aria fresca; dopo quattro anni di Deutsches Jungvolk [la sezione della Gioventù Hitleriana che conteneva ragazzi dagli 8 ai 14 anni] passano alla Gioventù Hitleriana, dove li teniamo per altri quattro anni … E anche se non sono ancora dei completi nazionalsocialisti, vanno al Fronte Tedesco del Lavoro e lì vengono addestrati per altri sei, sette mesi … E qualunque coscienza di classe o status sociale ancora residui … la Wehrmacht [Le Forze Armate Tedesche] se ne occuperà”.

Chi erano i Pirati dell’Edelweiss?

Pirati Edelweiss, I Pirati della Stella Alpina

I pirati dell’Edelweiss, o Edelweißpiraten, erano un collettivo di gruppi locali di resistenza antinazista formatosi in gran parte nella Germania occidentale. Questi adolescenti, che avevano un’età tra 14 e i 17 anni, rifiutarono gli aspetti oscuri della Gioventù Hitleriana e della Lega delle Ragazze Tedesche, come le restrizioni al divertimento e alla libertà di pensiero degli adolescenti e la formazione dei bambini per il servizio militare.

Molti di loro lasciarono la scuola all’età di 14 anni, cosa che all’epoca era comune per gli adolescenti della classe operaia, per interrompere i legami con i nazisti, e alcuni abbandonarono la Gioventù Hitleriana. L’adesione divenne obbligatoria a partire dal 1936, e nel 1939, lo stesso anno in cui iniziò la Seconda Guerra Mondiale, la non appartenenza divenne un reato punibile.

Pirati Edelweiss, I Pirati della Stella Alpina

Ma i Pirati dell’Edelweiss avevano solo pochi anni di libertà, perché erano costretti ad arruolarsi nell’esercito al compimento dei 18 anni.

La Gioventù Hitleriana rappresentava tutto ciò che i Pirati dell’Edelweiss combattevano. I membri delle Gioventù Hitleriana portavano i capelli molto corti e rasati in alcuni punti, mentre i Pirati li portavano più lunghi e liberi. La Gioventù Hitleriana era divisa per genere, mentre nei Pirati maschi e femmine stavano insieme. Ma le differenze continuano.

Mentre i membri della Gioventù Hitleriana indossavano uniformi standardizzate e ascoltavano la musica di propaganda nazista, i Pirati dell’Edelweiss indossavano camicie a scacchi e lederhosen, e ascoltavano musica non approvata dallo stato.

L’attività dei Pirati dell’Edelweiss

Questi ragazzi antifascisti non erano dei semplici precursori degli hippie, erano adolescenti in carne e ossa. Molte delle loro imprese erano segrete, quindi le informazioni su di esse sono difficili da trovare.

Per la maggior parte del tempo, i Pirati dell’Edelweiss si dedicavano alla ribellione giovanile contro il nazismo. Un ex pirata ricorda di aver versato dello zucchero nel serbatoio del carburante delle auto degli ufficiali nazisti, di aver lanciato mattoni sulle finestre delle fabbriche di munizioni e di aver scritto messaggi sui muri come “Abbasso Hitler” e “Abbasso la brutalità nazista”.

Ascoltavano i programmi della BBC alla radio, ovviamente vietati dal regime nazista. Quando gli Alleati lanciavano i volantini di propaganda antinazista dai loro aerei, i Pirati cercavano di raccoglierli prima che i nazisti li trovassero; organizzavano volantinaggi nelle città vicine in modo che la polizia locale non li riconoscesse.

Heinrich HimmlerHeinrich Himmler, al centro, era un membro di spicco del partito nazista e autore di alcune delle peggiori atrocità del nazismo

Le loro attività più coraggiose includevano la protezione dei disertori tedeschi, la fuga dei prigionieri dai campi di concentramento e di lavoro e la fornitura di esplosivi ai gruppi di resistenza formati da adulti.

Qualunque cosa che potesse indebolire il morale dei nazisti era lecito per i giovani Pirati. E molti di loro subirono punizioni brutali, come torture, pene detentive e impiccagioni pubbliche.

I Pirati della Stella Alpina non erano quindi solo una leggenda, ma delle persone in carne ed ossa, con dei cuori che battevano, dei genitori e… dei nomi.

Walter Mayer e Barthel Schink

Pirati Edelweiss, I Pirati della Stella Alpina - Barthel SchinkBartholomäus “Barthel” Schink, un Pirata dell’Edelweiss, impiccato dai nazisti a 16 anni.

Walter Mayer, di Düsseldorf, ricorda un incontro con gli altri Pirati in una sala da biliardo. Un membro aveva chiesto: “Che cosa facciamo ora?” e uno rispose “Hai presente quelli della Gioventù Hitleriana? Conservano le loro attrezzature in quel posto. Facciamole sparire”.

Le incursioni iniziarono in piccolo, poi aumentarono. “Forse abbiamo iniziato sgonfiando delle gomme. Alla fine facevamo sparire l’intera bicicletta”.

Il padre di Mayer era profondamente antinazista e, sebbene il figlio si unì alla Gioventù Hitleriana, combatté contro di loro nascondendo amici ebrei nel seminterrato e lavorando con i Pirati Edelweiss.

Ad un certo punto, fu colto a rubare delle scarpe e venne arrestato dalle autorità naziste. Mayer ricorda che il pubblico ministero chiese la pena di morte, ma il giudice, considerando i risultati atletici del ragazzo, lo condannò a qualche anno di prigione.

Mayer fu fortunato. La mattina del 10 novembre 1944, la Gestapo impiccò pubblicamente 13 persone, tra cui sei dei Pirati dell’Edelweiss a Colonia, incluso il sedicenne Barthel Schink. Il gruppo fu accusato di pianificare un attacco al quartier generale della Gestapo locale. Nessuno di loro era stato processato.

Oggi, la strada vicino al luogo dove sono stati impiccati prende il nome di Schink.

Pirati Edelweiss, I Pirati della Stella Alpina - impiccagioneLa Gestapo impicca pubblicamente 13 persone, tra cui 6 adolescenti dei Pirati dell’Edelweiss, 10 novembre 1944

Gertrud Koch

Pirati Edelweiss, I Pirati della Stella Alpina - Gertrud KochGertrud Koch, a destra

Gertrud Koch, nata a Colonia nel 1924, si rifiutò di unirsi alla Lega delle Ragazze Tedesche e co-fondò il gruppo dei Pirati Edelweiss di Colonia.

Ricordava come la sua famiglia nascose un musicista ebreo nel giardino di casa dal 1938 al 1939. “Gli abbiamo portato del cibo per circa un anno e mezzo”, ha raccontato.

In seguito, ha guidato i Pirati nel lancio dei volantini dalla cima della stazione ferroviaria di Colonia. Per questo gesto fu incarcerata per nove mesi a Brauweiler, dove la Gestapo la picchiò gettandola anche giù per le scale, spezzandole un braccio.

Suo padre, un comunista, morì nel campo di concentramento di Esterwegen nella Germania nord-occidentale.

Un tempo, Gertrud sognava di diventare un’insegnante di scuola Montessori. Ora il suo unico desiderio era di uscire viva dalla guerra. Lei e sua madre fuggirono sulle montagne per nascondersi negli ultimi due anni della Seconda Guerra Mondiale.

Fino ai suoi ultimi giorni nel 2016, si faceva chiamare con il suo nome in codice pirata, “Mucki”.

Fritz Theilen

Pirati Edelweiss, I Pirati della Stella Alpina - Fritz TheilenFritz Theilen nel 1939

Fritz Theilen era un altro Pirata che affrontò il corrotto sistema giudiziario nazista. Lavorò come apprendista nello stabilimento della Ford Motor Company a Colonia dopo aver lasciato la scuola a 14 anni, e rimase disilluso dalle condizioni di lavoro simili alla schiavitù.

Nel 1942 fu visto dalla polizia segreta nazista indossare il suo distintivo di Pirata, una spilla di metallo raffigurante un fiore di stella alpina. Venne catturato, torturato e rilasciato dopo alcune settimane. Theilen ebbe molti altri scontri con i nazisti. Riuscì persino a fuggire da un’area del temuto campo di concentramento di Dachau, nel 1944.

Quando la guerra finì, volle tornare a lavorare alla Ford, ma la direzione non glielo permise. Il nazismo era ancora vivo e vegeto in molti ambienti; per loro, Theilen non era un eroe, ma un agitatore e un criminale.

“Non avrei mai pensato di dovermi giustificare”, ha raccontato. Venne riassunto solo con l’aiuto delle forze britanniche che occupavano la Germania occidentale.

Hans e Sophie Scholl

Pirati Edelweiss, I Pirati della Stella Alpina - Hans Scholl, Sophie Scholl e Christoph ProbstSophie Scholl con suo fratello Hans e il loro compagno Christoph Probst, Gennaio 1943

I Pirati Edelweiss erano uno dei più grandi gruppi di partigiani che resistevano al controllo nazista, ma non erano i soli. Un altro era il gruppo di resistenza non violenta della Rosa Bianca, composto da membri cristiani tra cui fratelli Hans e Sophie Scholl.

Il padre di Scholl detestava il regime nazista. Ai suoi figli diceva: “Quello che voglio è soprattutto che tu viva in ​​rettitudine e libertà di spirito, non importa quanto sia difficile”.

I fratelli Scholl e altri membri della Rosa Bianca presero a cuore il suo messaggio, lasciarono il partito nazista e lavorarono contro di esso.

Per fermare gli omicidi di massa dei nazisti sul fronte orientale, il gruppo stampò dei volantini con messaggi del tipo: “Il nome della Germania sarà macchiato per sempre se i giovani tedeschi non risorgeranno, si vendicheranno e si sacrificheranno, se non distruggeranno il suo aguzzino e non faranno sorgere una nuova Europa intellettuale”.

I due Scholl e Christoph Probst furono condannati a morte per decapitazione. A Sophie venne offerta una pena più lieve se avesse negato la sua partecipazione alla Rosa Bianca, ma scelse di morire con suo fratello.

Furono decapitati dalle forze naziste il 22 febbraio 1943. Fino ad oggi, i fratelli Scholl e la Rosa Bianca, o Weiße Rose, restano un simbolo della resistenza tedesca al regime nazista di Hitler.

Pirati Edelweiss, I Pirati della Stella Alpina - Hans Scholl e sua sorella Sophie SchollHans Scholl (sinistra) e sua sorella Sophie Scholl, 1940 circa

L’eredità dei Pirati Edelweiss

Pirati Edelweiss, I Pirati della Stella AlpinaReduci dei Pirati dell’Edelweiss a Colonia, in Germania, nel 2005, dopo essere stati finalmente riconosciuti come combattenti della resistenza.

Mentre la Rosa Bianca, un gruppo composto da studenti universitari e professori, è stata celebrata per la sua resistenza già dalla fine della guerra, ci sono voluti 60 anni perché i Pirati dell’Edelweiss venissero ufficialmente riconosciuti come combattenti a pieno titolo della resistenza, invece che dei criminali.

“Eravamo della classe operaia. Questo è il motivo principale per cui siamo stati riconosciuti solo ora”, ha detto Koch. “Dopo la guerra non c’erano giudici in Germania, quindi venivano usati i vecchi giudici nazisti i quali criminalizzavano tutto ciò che facevamo e chi eravamo”.

Oggi il coraggio, il senso di giustizia e la resistenza dei Pirati dell’Edelweiss al nazismo, in un momento in cui gran parte della Germania aveva scelto di seguire il regime autoritario di Hitler, viene giustamente riconosciuto.

Altrove sul Web

Che ne pensi?

Tag