in ,

Treni a vapore americani in una splendida serie fotografica

Gigantesche nuvole che si innalzano dalle ciminiere di maestosi motori a vapore, sono alcune tra le storiche immagini catturate nella straordinaria seri fotografica dedicata ai treni di Matthew Malkiewicz. Il fotografo, autore di questa serie intitolata “Lost tracks of time” racconta della sua passione per il viaggio alla ricerca di vecchi treni, e come questa ha modellato la sua vita.

Matthew è un fotografo autodidatta che lavora come ingegnere full time. Ama pescare e viaggiare, e durante i suoi viaggi è sempre alla ricerca di treni vintage in tutti gli USA e li fotografa in azione. Spiega che questo suo interesse nei treni è cominciato quando era solo un bambino: “Ho una foto di me da bambino che osservo un trenino giocattolo che viaggia intorno all’albero di Natale, deve aver fatto colpo su di me… da adolescente ricevetti la mia prima foto camera, che cominciai a puntare su ogni treno che vedevo”. Nel 2005, ha acquistato la sua prima fotocamera digitale e cominciato questa serie.

“La mia borsa contiene tre sistemi digitali: una Canon 5D-MkIII con obiettivo 70-200mm/F4.0, una Canon 5D-MkII con obiettivo 24-70mm/F2.8, e la prima generazione della Canon EOS-1DS con obiettivo 50mm/F1.4. A causa delle condizioni di sporco, fumosità e spesso umidità in cui sono costretto a lavorare, non cambio mai obiettivo mentre lavoro. Avere 3 diversi sistemi a portata di mano mi da la necessaria flessibilità e funzionalità, e mantiene l’interno della fotocamera pulito. Uso solo la luce naturale, non possiedo flash di nessun tipo”.


fotografia-treni-americani
fotografia-treni-americani









fotografia-treni-americani

fotografia-treni-americani

fotografia-treni-americani

fotografia-treni-americani

fotografia-treni-americani

fotografia-treni-americani

fotografia-treni-americani

fotografia-treni-americani

fotografia-treni-americani

[fonte]

Se ti piacciono i nostri articoli, segui Keblog su Google News!

What do you think?

0 Punti
Mi Piace

Keblogger: Andy

Fondatore di Keblog, affascinato dall'ispirazione che nasce dallo straordinario.

Lascia un commento