in ,

50 foto di gatti che vivono in negozi e minimarket mostrano come si tiene la situazione in pugno

Segui Keblog su Facebook:

Dei gatti si può dire che sono insolenti, dormiglioni, invadenti, divertenti e che hanno una logica tutta loro. Data la loro proverbiale pigrizia, a nessuno verrebbe in mente di affermare che sono anche dei gran faticatori (anche se abbiamo diversi esempi di gatti al lavoro). Eppure, i nostri amati piccoli felini sanno essere degli imprenditori instancabili e con il fiuto per gli affari. Ecco perché potete trovare spesso gatti nei negozi e minimarket di molte città del mondo: sanno portare avanti il business e tenere la situazione in pugno. Tra un sonnellino e l’altro, naturalmente.

Per mostrarvi il modello di imprenditorialità felina da cui tutti noi dovremmo prendere esempio, vogliamo proporvi una galleria di foto di gatti in negozi (molti sono alimentari, sorpresi?) da cui potete trarre ispirazione per il vostro modello di business. Scorrete qui sotto e non dimenticate che la classifica delle immagini migliori la decidete voi mettendo “mi piace” sotto alle vostre preferite! E quando avete finito, non perdetevi la puntata precedente!


I gatti domestici vengono spesso coccolati nelle case di tutto il mondo. Ma a New York esistono i cosiddetti bodega cats, cioè gatti che vivono nei negozi. Vengono anche chiamati deli cats o store cats, e spesso orbitano intorno ai reparti gastronomia (ma guarda un po’). Nell’inglese di New York City, il termine bodega si riferisce ai negozi di genere alimentare.

C’è da dire che la presenza di questi gatti nei negozi di New York, come in altre città del mondo, ha una funzione di controllo biologico dei parassiti, e prevengono le infestazioni di topi e ratti. In cambio, i gatti ricevono un tetto, cibo e tante coccole.

I proprietari dei negozi possono sicuramente trarre vantaggio da questi laboriosi gatti. I bodega cats non solo eliminano la presenza di roditori, ma dissuadono anche altri animaletti infestanti dall’entrare nel negozio e distruggere i prodotti all’interno. Per i commercianti, i gatti di bottega sono i benvenuti perché forniscono un prezioso servizio.

I gatti nei negozi sono diventati parte della cultura di alcune città. Sebbene mantenere e allevare i gatti da negozio non sia sempre del tutto legale, questi mici rappresentano comunque una presenza gradita per molti clienti. In effetti, vedere un adorabile gattino che sorveglia il negozio per assicurarsi che sia privo di roditori è piuttosto affascinante.

I piccoli felini sono diventati anche una sorta di attrazione utilizzata dai negozianti per avere più clienti. Del resto, basta guardare le foto di questi adorabili gatti: sono così carini che la loro presenza è sufficiente per attirare le persone nel negozio.

Una cosa è certa, i gatti pensano di essere i proprietari del negozio. In effetti, ricevono l’incarico ufficiale di sorvegliare il negozio e proteggere le merci presenti al suo interno, anche se, a dire il vero, si concedono spesso lunghe pause durante le quali possono essere visti sonnecchiare in posti casuali o chiedere qualche coccola da personale o clienti.

Come consumatori, non ci dispiacerebbe trovare qualche grazioso felino aggirarsi nei negozio e, anzi, pensiamo che si tratti di un’iniziativa che andrebbe presa anche in altre città, oltre che a New York.

Per mostrare a tutti le doti imprenditoriali dei gatti di città, è nata una pagina su Twitter che si chiama Bodega Cats che raccoglie foto di gatti di negozio durante lo svolgimento delle loro mansioni. La pagina invita tutti quelli che incontrano dei bodega cats a scattare una foto e postarla sulla pagina. Vedere questi gattini comportarsi come se fossero i proprietari del negozio è assolutamente esilarante.

Se ti piacciono i nostri articoli, segui Keblog su Google News!

What do you think?

21 Points
Mi Piace

Keblogger: Giusy Valente

Ho lavorato nel campo dell'arte e della fotografia, e mi piace scrivere su diversi argomenti. Amo tutti gli animali e cerco di piacere soprattutto ai miei mici, dato che i gatti domineranno il mondo.

Ora Tocca a Te, Commenta!

Lascia un commento