Segui Keblog su Facebook:

Che cosa succede dopo la morte? Ci spegniamo come luci, o continuiamo ad esistere in qualche modo?

Queste sono domande antiche, di sicuro. Ma un nuovo studio sulle esperienze di pre-morte suggerisce che una breve versione di “vita dopo la morte” può essere una realtà.

Per questo studio, i ricercatori dell’Università di Southampton, in Inghilterra, hanno esaminato più di 2.000 casi di arresto cardiaco in 15 ospedali di tutto il Regno Unito, gli Stati Uniti, e l’Austria. Hanno osservato che di 360 persone che erano state rianimate dopo aver avuto un arresto cardiaco, circa il 40 per cento aveva una sorta di “consapevolezza” durante il periodo in cui erano “clinicamente morti”.

E non è tutto. La memoria di ciò che ha visto un uomo in particolare “dopo la morte” è stata precisa nel descrivere ciò che è effettivamente accaduto durante la sua rianimazione. Il 57enne ha riferito di aver udito due segnali provenire da una macchina che suonavano ogni tre minuti, un’indicazione che il suo stato di “coscienza” durante il tempo in cui non aveva battito cardiaco è durato per circa tre minuti. Secondo i ricercatori, questo suggerisce che il cervello dell’uomo non può essersi arrestato completamente, anche dopo che il suo cuore si è fermato.

vita-dopo-morte

“Questo è paradossale, poiché il cervello cessa di funzionare normalmente entro 20-30 secondi dall’arresto cardiaco e non riprende di nuovo fino a quando il cuore è stato riavviato,” ha detto in una dichiarazione scritta il coautore dello studio, il dottor Sam Parnia, un professore di medicina alla Stony Brook University ed ex ricercatore presso l’Università di Southampton.

Parnia ha aggiunto che è possibile che ancora più pazienti in questo studio avessero una qualche attività mentale a seguito di arresto cardiaco, ma non erano in grado di ricordare gli eventi durante l’episodio a causa di una lesione cerebrale o per l’uso di farmaci sedativi.

Che cosa dicono gli altri di questo studio? Secondo alcuni esperti, coincide con le idee emergenti nella medicina di rianimazione su come il corpo muore, e sul potenziale per invertire il processo di morte.

“Eravamo abituati a pensare di morire era bianco o nero, ‘bang-bang, sei morto'”, ha detto il Dott. Stephan Mayer, direttore dell’Institute for Critical Care and Medicine presso Icahn School of Medicine del Mount Sinai di New York City, che non era coinvolto nello studio. “Morire è un enorme zona grigia. In realtà è un processo incredibilmente graduale che si svolge nel giro di ore.”

Lo studio è stato pubblicato il 7 settembre sulla rivista Resuscitation.

[fonte]

Altrove sul Web

Che ne pensi?

Tag