in

LOVELOVE

15 tartarughe giganti tornano alle Galapagos dopo 55 anni (e aver salvato la specie)

Segui Keblog su Facebook:

A volte, anche quando si tratta di salvare una specie animale, un’azione lenta e costante può rivelarsi la strategia migliore. Il programma di protezione delle tartarughe giganti delle Isole Galapagos è diventato uno dei più riusciti al mondo. Creato a metà degli anni ’60 per salvare questa specie dall’estinzione, il programma raccolse le ultime 14 tartarughe rimaste sull’isola di Española, l’unico posto al mondo in cui sono state trovate.

Ora, 55 anni dopo, quelle stesse tartarughe giganti hanno fatto ritorno alla loro casa nelle Galapagos per trascorrere la loro “pensione” nell’ecosistema, ora ripristinato, della loro isola.

Altre info: Galapagos.org | Facebook | Instagram | Twitter

15 tartarughe giganti tornano alle GalapogosImmagine: Galapagos Conservancy

Le 14 tartarughe giganti di Española (più una che si trovava nello zoo di San Diego) hanno dato alla luce 1.900 piccole tartarughe nel corso dei decenni. I cuccioli di tartaruga sono stati man mano reintrodotti nell’isola, molti di loro sono sopravvissuti fino all’età adulta e hanno a loro volta dato alla luce altre piccole tartarughe.

15 tartarughe giganti tornano alle Galapogos

Immagine: Galapagos Conservancy

La popolazione attuale di testuggini sull’isola di Española è costituita da circa 2.300 esemplari, tutti figli e nipoti delle originali 15 tartarughe.

15 tartarughe giganti tornano alle GalapogosImmagine: Galapagos Conservancy

Una tartaruga gigante in particolare, che si chiama Diego, ha contribuito per circa il 40% della prole rimpatriata nell’isola. Due settimane fa, Diego si è riunito alla sua grande famiglia, tornando a quella casa da cui fu portato via quasi 80 anni fa.

La liberazione delle tartarughe nella loro casa era originariamente prevista per marzo, ma è stata ritardata a causa delle misure restrittive adottate in seguito alla pandemia di COVID-19. Alla fine, il 15 giugno, le barche cariche di tartarughe si sono dirette verso l’isola di Española, e i biologi sono andati a piedi nell’entroterra, in un punto particolare ricco di cactus (il cibo preferito delle tartarughe) trasportando gli animali da 35 chili sulle spalle.

15 tartarughe giganti tornano alle GalapogosImmagine: Galapagos Conservancy

3 maschi, il cui peso superava i 55 chili, hanno richiesto due persone ciascuno che si davano il cambio. Dopo aver liberato le tartarughe, lo staff è rimasto per circa altre quattro ore, osservando il comportamento degli animali finalmente a casa.

15 tartarughe giganti tornano alle GalapogosImmagine: Galapagos Conservancy

Il brusco calo della popolazione di tartarughe giganti fu dovuto principalmente allo sfruttamento eccessivo da parte dei marinai nell’800, che catturarono centinaia di esemplari da usare per il cibo durante i loro lunghi viaggi.

15 tartarughe giganti tornano alle GalapogosImmagine: Galapagos Conservancy

Un’altra minaccia per le tartarughe fu rappresentata dall’introduzione nell’isola delle capre, che vennero poi definitivamente portate via nel 1978.

15 tartarughe giganti tornano alle GalapogosImmagine: Galapagos Conservancy

15 tartarughe giganti tornano alle GalapogosImmagine: Galapagos Conservancy

La tartaruga Diego si trovava nello zoo di San Diego, e venne prelevata dall’isola da un gruppo di ricercatori a metà degli anni ’30.

15 tartarughe giganti tornano alle GalapogosImmagine: Galapagos Conservancy

15 tartarughe giganti tornano alle GalapogosImmagine: Galapagos Conservancy

15 tartarughe giganti tornano alle GalapogosImmagine: Galapagos Conservancy

15 tartarughe giganti tornano alle GalapogosImmagine: Galapagos Conservancy

Diego ora ha 100 anni e, poiché le tartarughe possono vivere fino a 150 anni, speriamo possa godersi ancora per molto tempo il suo ritorno a casa, i suoi figli e i pro, pro, pronipoti.

15 tartarughe giganti tornano alle GalapogosImmagine: Galapagos Conservancy

What do you think?

Keblogger: Giusy Valente

Ho lavorato nel campo dell'arte e della fotografia, e mi piace scrivere su diversi argomenti. Amo tutti gli animali e cerco di piacere soprattutto ai miei mici, dato che i gatti domineranno il mondo.

Altrove sul Web

Commenta

Lascia un commento