Segui Keblog su Facebook:

Sebbene la straordinaria scoperta del piccolo Homo Floresiensis nell’isola indonesiana di Flores abbia costretto i biologi evolutivi a rivedere l’attuale conoscenza della nostra specie, gli archeologi hanno appena trovato prove fossili di un ominide ancora più piccolo.

Secondo History, l’isola filippina di Luzon ha conservato questi resti biologici al sicuro per oltre 50.000 anni. È stato sotto il pavimento roccioso della grotta di Callao che i ricercatori hanno scoperto questi fossili del cosiddetto Uomo di Callao o Homo Luzonensis, che non solo indicano che questi piccoli esseri umani abitavano a Luzon durante il tardo Pleistocene, ma anche che sono esistiti nello stesso periodo storico degli ominidi più evoluti come l’Uomo di Neanderthal e persino l’Homo Sapiens.

Sebbene la posizione geografica di questi fossili, che comprendono i piccoli denti di questi esseri umani, suggeriscano che Uomo di Callao fosse in gran parte simile all’Homo Floresiensis, la forma dei loro denti, dei piedi e varie altre caratteristiche li distinguono come una specie a parte.

Un rendering dell’Homo Floresiensis

Homo Floresiensis

Katrina Kenny

I denti dell’Uomo di Callao

Denti dell'uomo di Callao o Homo Luzonensis

La comunità scientifica era ben consapevole che generazioni di antichi ominidi abitavano quest’isola. Qui, nel 2007, gli archeologi avevano scoperto un osso di metatarso, e precisamente nella stessa caverna dove sono state scoperte queste ultime prove.

L’osso è stato datato a 67.000 anni fa e, sebbene l’analisi successiva abbia confermato che apparteneva al genere Homo, nessuna specie in particolare è stata identificata.

L'uomo di Callao o Homo Luzonensis

Philip Piper dell’ANU School of Archaeology con i resti dell’Homo Luzonensis

L'uomo di Callao o Homo LuzonensisFotografia: Lannon Harley, ANU

Gli scavi nel 2011 e nel 2015 hanno visto i ricercatori guidati da Florent Détroit, del Musée de l’Homie presso il Museo di Storia Naturale di Parigi, e da Armand Mijares, dell’Università delle Filippine a Quezon City, trovare altre 12 ossa e denti nello stesso punto in cui l’osso del piede era stato scoperto.

La grotta dove sono stati trovati i resti di questa nuova specie di uomo preistorico

L'uomo di Callao o Homo Luzonensis

Le loro scoperte, pubblicate sulla rivista Nature, sostenevano che i resti appartenevano a tre individui, uno dei quali era piuttosto giovane. I fossili condividevano tratti distinti con l’Australopiteco, l’Homo Erectus, l’Homo Sapiens e l’Homo Floresiensis, in pratica un pot-pourri della prima genetica umana.

Archeologi nella Grotta di Callao

L'uomo di Callao o Homo LuzonensisCallao Cave Archaeology Project

“Ciò che li rende una nuova specie è in realtà la combinazione di tutte le caratteristiche messe insieme”, ha detto Détroit. “Se prendi ciascuna caratteristica la troverai in una o più specie di ominidi. Ma se prendi l’intero insieme, nessuna altra specie del genere Homo è lo possiede, il che ci indica che queste caratteristiche appartengono a una nuova specie”.

I denti e le ossa dell’Uomo di Callao

I molari e i premolari trovati nella Grotta di Callao sono nettamente diversi dalle specie sopra menzionate. Primo, i premolari hanno da due a tre radici: l’Homo sapiens ne ha una o, in rari casi, due.

Denti dell'uomo di Callao o Homo Luzonensis

Lo smalto e la dentina (il tessuto che costituisce il corpo del dente) sono simili a quelli dell’Australopiteco e di altre specie più antiche del genere Homo, ma i molari sono piccoli come quelli dell’uomo contemporaneo.

L'uomo di Callao o Homo Luzonensis

“Un individuo con queste caratteristiche messe insieme non può essere classificato in nessuna delle specie conosciute oggi”, ha spiegato Détroit.

Anche le ossa del piede sono notevolmente diverse. Hanno sia caratteristiche primitive che evolute, e indicano un modo unico di camminare che sembrerebbe controindicato per l’uomo moderno. La base di ogni dito è sostanzialmente curva, con segni di uso muscolare molto sviluppato per facilitare la flessione. “Queste caratteristiche non esistono nell’Homo Sapiens”, ha detto Détroit.

Una falange del piede dell’Uomo di Callao, con la curva chiaramente visibile

L'uomo di Callao o Homo LuzonensisCallao Cave Archaeology Project

Le ossa dei piedi dell’Uomo di Callao scoperte nella Grotta assomigliano principalmente a quelli dell’Australopiteco, che visse in Africa 2-3 milioni di anni fa, il che suggerisce che per l’Homo Luzonensis era facile arrampicarsi sugli alberi tanto quanto camminare sul terreno.

L'uomo di Callao o Homo Luzonensis

Che aspetto aveva l’Homo Luzonensis?

L’Uomo di Callao (Homo Luzonensis) è ora il secondo uomo nano ritrovato. Secondo LiveScience, sebbene si potrebbe immaginare questa specie come simile all’Homo Floresiensis, le 13 ossa fossili scoperte possono fornirci un quadro più chiaro.

Le ossa e i denti, che appartenevano ad almeno due adulti e un bambino, includono due ossa delle mani, tre ossa del piede, un femore e sette denti. Da questi resti possiamo pensare che condividessero caratteristiche con altre specie di uomini primitivi, erano dei buoni arrampicatori e alti circa un metro, ma non possiamo dire molto altro.

L'uomo di Callao o Homo Luzonensis

È difficile descriverli fisicamente in maniera concreta “perché è molto difficile dagli elementi che abbiamo”, ha detto Détroit. I loro piedi indicano notevoli capacità di arrampicata, ma l’Homo è diventato bipede 2 milioni di anni fa.

Quindi una domanda molto interessante sarebbe: se erano bipedi come tutti i membri del genere Homo, queste caratteristiche primitive influenzavano la loro andatura bipede o no? “È ancora troppo presto per rispondere”, dice Détroit, “dobbiamo lavorarci su”.

L'uomo di Callao o Homo Luzonensis

Gli ominidi dell’isola di Luzon

I ricercatori sono fermamente convinti che l’Homo Luzonensis fosse l’unico ominide che abbia abitato quest’isola durante la sua esistenza, anche se è ormai accertato che altre specie di Homo vivevano nelle isole del sud-est asiatico in questo periodo di tempo.

Luzon è piuttosto grande e ben isolata dalla terraferma. Ciò ha reso gran parte della sua flora e fauna uniche. Di conseguenza, le specie che riescono a sopravvivere, prosperare e ad evolversi qui sarebbero intrinsecamente diverse dal punto di vista genetico dalle specie affini sul continente.

Questo, in particolare, è il motivo per cui i ricercatori credono che l’Homo Luzonensis differisca così profondamente dai suoi simili contemporanei. I primi fossili di Homo Sapiens nelle Filippine sono stati trovati nella grotta di Tabon, sull’isola di Palawan, e risalgono a 30.000 – 40.000 anni fa.

L'uomo di Callao o Homo Luzonensis

L’Homo Luzonensis, tuttavia, aveva fatto la sua comparsa a Luzon circa 700.000 anni fa. Ciò è dimostrato dalle recenti scoperte archeologiche di strumenti di pietra e di ossa di rinoceronte macellato vicino alla grotta di Callao. Quindi come sono arrivati ​​qui?

Com’è arrivato l’Uomo di Callao a Luzon

Chiaramente, né l’isola di Flores né quella di Luzon sono minimamente vicine all’Africa, la culla della civiltà. Poiché i ricercatori non sono in grado di estrarre il DNA dalle ossa appena scoperte, a causa del clima umido che cancella rapidamente il materiale genetico nel tempo, restano molte domande sull’arrivo della specie in questi luoghi.

Quello che si sa, in linea di massima, è che l’Homo Erectus lasciò l’Africa, e varie specie parallele continuarono l’evoluzione dell’Homo. Secondo la CNN, nel caso dell’Homo Floresiensis, questi sono vissuti tra i 100.000 e i 60.000 anni fa, e finora sono stati localizzati esclusivamente a Flores.

I resti dell’uomo di Callao

L'uomo di Callao o Homo Luzonensis

Proprio come i ricercatori ritengono che l’Homo Floresiensis fosse di bassa statura sia a causa della loro permanenza in un’isola, sia a causa della scarsità di risorse, la stessa cosa credono dell’Homo Luzonensis. Ma come ha fatto questa specie a migrare dalla terraferma a quest’isola lontana?

Il team di archeologi e tecnici nella grotta di Callao

L'uomo di Callao o Homo Luzonensis

I ricercatori stanno prendendo in seria considerazione la possibilità che questi uomini primitivi sapessero navigare. Anche se potrebbe essere stato un evento involontario, ad esempio delle zattere alla deriva, è una teoria piuttosto affascinante.

“Abbiamo sempre più prove che diverse specie si sono stabilite con successo su diverse isole nel sud-est asiatico, quindi probabilmente non è stato così casuale”, ha detto Détroit.

“Un’altra cosa importante da tenere a mente è che non puoi stabilirti con successo su un’isola grazie all’arrivo di poche persone, hai bisogno di molti individui, ovviamente, e hai bisogno di diversi arrivi, almeno all’inizio”.

Scoperte future

“La nostra immagine dell’evoluzione degli ominidi in Asia durante il Pleistocene è diventata ancora più caotica, più complicata e molto più interessante”, ha affermato Matthew Tocheri.

In effetti, la scoperta dell’Uomo di Callao (Homo Luzonensis) è stata un’altra di quelle che ha innescato un circolo nella biologia evolutiva. La complessa varietà di caratteristiche di tutti i tipi di specie umane antiche indica che l’evoluzione umana aveva una gamma più ampia di quanto si pensasse prima.

Archeologi al lavoro

L'uomo di Callao o Homo LuzonensisCallao Cave Archaeology Project

“Quindici anni fa, la nostra teoria di evoluzione umana in Asia era molto semplice: l’Homo Erectus usciva dall’Africa, si stabiliva nell’Est e nel Sud-Est asiatico e nulla accadde fino all’arrivo dell’Homo Sapiens circa 40-50.000 anni fa”, ha detto Détroit.

“Questa nuova scoperta migliorare significativamente la nostra conoscenza dell’evoluzione umana, specialmente in Asia, dove l’evoluzione umana era chiaramente molto più complessa (e molto più interessante) di quanto pensavamo prima”.

Un breve documentario di Nature sull’uomo di Callao:

Altrove sul Web

Che ne pensi?

Tag