Segui Keblog su Facebook:

Lavorare su una piattaforma petrolifera isolata in mezzo all’oceano per molto tempo potrebbe far perdere la testa a molte persone. E quando gli operai di una piattaforma petrolifera a 220 chilometri al largo del Golfo della Thailandia hanno notato venerdì scorso un cane che nuotava, sicuramente non potevano credere ai loro occhi. Gli operai hanno avvistato il cane, la cui testa affiorava al di sopra delle increspature, e l’hanno chiamato ad alta voce.

Un cane è stato salvato dopo essere stato avvistato mentre nuotava nel Golfo della Thailandia, a 220 km dalla costa

Operai di una piattaforma petrolifera in Thailandia salvano un cane che nuotava a 220 km dalla costa

Ormai esausto, il cane ha iniziato a nuotare verso gli operai che lo chiamavano, e si è rifugiato tra le barre di metallo arrugginito della piattaforma

Operai di una piattaforma petrolifera in Thailandia salvano un cane che nuotava a 220 km dalla costa

Gli operai sono riusciti a salvarlo con una corda e l’hanno tirato a bordo

Operai di una piattaforma petrolifera in Thailandia salvano un cane che nuotava a 220 km dalla costa

Khon Vitisak, uno degli operai della piattaforma petrolifera che ha salvato il cane, ha raccontato: “L’abbiamo visto mentre cercava di nuotare verso il nostro impianto, che si trova a circa 220 km dalla riva. Per fortuna il mare era ancora calmo perché c’era poco vento”.

“Riuscivamo a vedere a malapena la sua piccola testa, ma se le increspature fossero state più grandi penso che probabilmente non l’avremmo notato affatto”.

“Dopo essere riuscito a raggiungere le barre sotto la piattaforma, non piangeva né abbaiava. Abbiamo cercato un modo per aiutarlo e, alla fine, abbiamo deciso di usare una corda per legarlo e sollevarlo.

Appena tirato su, il cane, un aspin marrone che ha tra i 3 e i cinque anni, si è adagiato esausto sulle grate metalliche della piattaforma petrolifera, con la corda ancora attaccata al corpo

Operai di una piattaforma petrolifera in Thailandia salvano un cane che nuotava a 220 km dalla costa

Gli operai della piattaforma petrolifera nel Golfo della Thailandia si sono subito presi cura del povero cane, ma il motivo per cui si trovasse così lontano dalla costa resta ancora un mistero.

Khon Vitisak gli ha subito offerto dell’acqua

Operai di una piattaforma petrolifera in Thailandia salvano un cane che nuotava a 220 km dalla costa

Operai di una piattaforma petrolifera in Thailandia salvano un cane che nuotava a 220 km dalla costa

Operai di una piattaforma petrolifera in Thailandia salvano un cane che nuotava a 220 km dalla costa

“Quando l’abbiamo portato a bordo era molto stanco e provato per essere stato tutto quel tempo in acqua. Era disidratato”.

Il cane è stato poi asciugato e si è riposato un po’…

Operai di una piattaforma petrolifera in Thailandia salvano un cane che nuotava a 220 km dalla costa

… ricevendo conforto dalle persone che lo hanno salvato

Operai di una piattaforma petrolifera in Thailandia salvano un cane che nuotava a 220 km dalla costa

“Quando gli abbiamo dato acqua e minerali, le sue condizioni sono migliorate. Ha iniziato a sedersi e a camminare normalmente”.

Il cane si è presto ripreso, qui sta osservando l’oceano sterminato in cui stava nuotando

Operai di una piattaforma petrolifera in Thailandia salvano un cane che nuotava a 220 km dalla costa

Questa piattaforma è molto lontana dalla costa ed è incredibile che questo cane si sia trovato proprio lì

Operai di una piattaforma petrolifera in Thailandia salvano un cane che nuotava a 220 km dalla costa

Operai di una piattaforma petrolifera in Thailandia salvano un cane che nuotava a 220 km dalla costa

Ecco la squadra di operai che ha salvato il cane

Operai di una piattaforma petrolifera in Thailandia salvano un cane che nuotava a 220 km dalla costa

Operai di una piattaforma petrolifera in Thailandia salvano un cane che nuotava a 220 km dalla costa

Gli uomini hanno saldato insieme una casetta temporanea per il cane

Operai di una piattaforma petrolifera in Thailandia salvano un cane che nuotava a 220 km dalla costa

L’animale è restato sulla piattaforma per 2 notti, poi è stato spostato, insieme alla sua gabbia, su una nave

Operai di una piattaforma petrolifera in Thailandia salvano un cane che nuotava a 220 km dalla costa

Era una nave cisterna che transitava da quelle parti

Operai di una piattaforma petrolifera in Thailandia salvano un cane che nuotava a 220 km dalla costa

Una volta salvato il cane, gli operai lo hanno rimesso in sesto e chiesto aiuto via radio a una nave cisterna che stava tornando verso la terraferma.

I volontari del soccorso per animali, che ora si prendono cura del cane, non sanno se abbia un proprietario o se si tratti di un randagio. È possibile che abbia nuotato dalla riva o che si trovasse su un’imbarcazione e poi sia saltato giù.

Il cane è stato subito consegnato alla Watchdog Thailand per essere visitato dai veterinari. Un portavoce di questo ente no profit ha dichiarato: “L’imbarcazione è arrivata alle 10 e il cane era di buon umore. L’abbiamo portato dai veterinari per una visita ed è stato trovato sano. Tutti quelli che hanno contribuito al salvataggio hanno svolto un ottimo lavoro”.

Operai di una piattaforma petrolifera in Thailandia salvano un cane che nuotava a 220 km dalla costa

Operai di una piattaforma petrolifera in Thailandia salvano un cane che nuotava a 220 km dalla costa

Al cane è stato dato il nome Boonrod, che in tailandese significa “fare un dono spirituale per avere fortuna nel futuro”.

Vitisak ha aggiunto: “Spero di adottarlo come animale domestico. Non vedo l’ora di trascorrere molti anni felici insieme a lui”.

Operai di una piattaforma petrolifera in Thailandia salvano un cane che nuotava a 220 km dalla costa

Operai di una piattaforma petrolifera in Thailandia salvano un cane che nuotava a 220 km dalla costa

Altrove sul Web

Che ne pensi?

Tag