Segui Keblog su Facebook:

Una bimba cinese, iscritta nell’istituto comprensivo di Telese Terme, in provincia di Benevento, era appena tornata dalle vacanze nel suo paese d’origine e i genitori degli altri alunni si sono rifiutati di portare i loro figli a scuola per paura di eventuali rischi di contagio da coronavirus. Rosa Pellegrino, dirigente scolastico della scuola, ha inviato una lettera ai genitori con la quale spiega che le paure non hanno alcun fondamento, invitando i genitori a superare allarmismi e psicosi dovute a false informazioni circolate negli ultimi giorni.

Coronavirus, bambina cinese torna dalle vacanze e gli alunni disertano la scuola

“Molti hanno deciso di tenere ‘preventivamente’ i figli a casa” scrive Rosa Pellegrino, “nonostante la bambina non sia ancora rientrata scuola. Premesso che il paese in cui si è recata la bambina, Wenzho, è un piccolo centro sulla costa a mille chilometri da Wuhan, sappiamo che in Cina ben prima che in Italia sono scattate le misure di prevenzione e i controlli sanitari; pertanto la bambina e i familiari hanno superato ben 4 controlli aeroportuali in entrate e in uscita e non presentano alcun sintomo influenzale”.

Il dirigente scolastico specifica che la bambina si trova attualmente a casa, i genitori hanno scelto di sacrificare il diritto allo studio della loro bambina per non creare scompiglio tra le famiglie. Le autorità sanitarie, in particolare l’Asl di Benevento attraverso l’unità operativa di Epidemiologie e Prevenzione di Benevento, stanno effettuando visite mediche e attuando un monitoraggio scrupoloso, tutte attività che hanno escluso la necessità di una quarantena.

I genitori vengono invitati a documentarsi e informarsi presso siti ufficiali, come quello del Ministero della Salute, per superare qualunque forma di psicosi ed evitare qualsiasi irrazionale “caccia all’untore”.

Altrove sul Web

Che ne pensi?

Tag